• Home
  • News
  • WEEKEND
  • CULTURA
  • L’editore vicentino Gilberto Padovan presenta a Milano una versione contemporanea delle “Quattro Stagioni” di Giuseppe Arcimboldo

L’editore vicentino Gilberto Padovan presenta a Milano una versione contemporanea delle “Quattro Stagioni” di Giuseppe Arcimboldo

Con un evento culturale, organizzato nella Sala Federiciana della Veneranda Biblioteca Ambrosiana di Milano, in Piazza San Sepolcro, lunedì 23 maggio, alle 15, verrà presentata per la prima volta una versione contemporanea delle “Quattro Stagioni” di Giuseppe Arcimboldo (1527-1593). L’opera d’arte, firmata dall’autore cinqucentesco e conservata al Museo del Louvre, è stata infatti reinterpretata in maniera magistrale, a mano libera con il pennino a china, dall’artista Guido Albanello sotto la regia di Gilberto Padovan.

Ad aprire l’evento sarà il direttore della Pinacoteca Ambrosiana, Don Alberto Rocca, cui seguirà l’intervento del prof. Francesco Porzio, storico dell’Arte, che terrà una relazione critica sull’opera.
L’editore Gilberto Padovan, che si caratterizza per la sua sensibilità volta alla conoscenza e alla diffusione dell’Arte, anche in tale occasione donerà una copia  di questa particolare collezione, tanto rappresentativa della cultura lombarda nel mondo, a tutte le Biblioteche Civiche di Milano e provincia.
Osservando le “Quattro Stagioni” di Albanello, salta subito all’occhio che la perfezione calligrafica dei disegni, esaltata e sublimata, è resa ancor più mirabile dalla tecnica precisa, persino maniacale, dell’artista vicentino. Dove il pennello del pittore milanese non è arrivato, sembra essere giunto, infatti, il suo finissimo pennino a china. La mano ferma del disegnatore, sicura e senza indugi, nell’avvicinarsi  tra le corolle e le venature, nel solco tracciato dal fantastico pittore cinquecentesco, è capace di ovviare alla mancanza dell’impianto assicurato dal colore con sapiente uso dei chiaroscuri.
Rotonde e vive, le figure di Albanello si staccano dallo sfondo grazie alla profondità del “nero” (a sua volta sfumato in mille gradazioni) e alla leggerezza del “bianco”, a tratti più vivido, a tratti più morbido, aprendosi in quell’infinita gamma di “grigi” che traducono nel linguaggio della china i rossi, i verdi, i gialli, i bruni del pittore milanese.
Un’altra particolarità di questo evento è che si terrà nella sala dove attualmente è allestita, fino al 3 luglio p.v., l’esposizione dei disegni originali di Leonardo Da Vinci, relativi agli studi sull’arte militare, che fanno parte del “Codice Atlantico”. Un suggestivo itinerario tra le carte del Genio del Rinascimento che lascerà stupiti per la loro bellezza ed eccezionalità.