Striscia biancorossa. A Salerno per una serata “calda”

La vittoria casalinga contro la Ternana (2-1) ha portato il Vicenza fuori dalla zona playoff, e soprattutto ha portato a dieci punti in cinque partite il bottino realizzato da quando mister Lerda siede in panchina: un trend da… promozione, che testimonia la ritrovata solidità della squadra nella corsa a un traguardo-salvezza che appare adesso più realistico.

Ovvio che, a questo punto, non si debba smarrire la concentrazione necessaria a proseguire nell’impresa anche perché, osservando i prossimi impegni dei biancorossi, saranno poche le occasioni in cui ci si troverà di fronte compagini non impegnate nelle zone alte o nelle zone basse della classifica. La trasferta di martedì sera a Salerno, per esempio, va vissuta come l’ennesimo spareggio e va presa con le molle, data la forte componente “ambientale” che la caratterizza. L’Arechi è uno stadio dove il tifo si fa sentire e la Salernitana, oggi al quartultimo posto assieme al Modena, ha assoluta necessità di fare risultato per continuare a sperare. Dal canto suo, il Vicenza non vorrà farsi sfuggire l’occasione per portarsi in zone ancor più tranquille, ma dovrà avere nervi saldi, pazienza e autorevolezza nel condurre il match lungo i binari più favorevoli alle proprie caratteristiche, prestando inoltre attenzione alle ammonizioni, visto che la lista dei diffidati è piuttosto lunga. Poi, una volta affrontato il turno infrasettimanale, si tornerà al Menti per ospitare lo Spezia dell’ex Mimmo Di Carlo, formazione ambiziosa e decisa a rimanere fino alla fine in zona playoff. Per un verso o per l’altro, dunque, i biancorossi sono attesi da due confronti molto impegnativi, da affrontare con grinta e intelligenza.