Incontro tra CUPLA provinciale e il nuovo direttore dell’ULSS 7, Carlo Bramezza

Primo passo per una collaborazione concreta a sostegno degli anziani

26 aprile 2021

Il coordinatore del CUPLA provinciale di Vicenza (Comitato Unitario Pensionati Lavoro Autonomo) Umberto Martini ha incontrato e il Direttore Generale dell’Azienda ULSS 7 Carlo Bramezza per presentare una realtà che riunisce 40mila pensionati artigiani, commercianti e coltivatori, iscritti alle associazioni aderenti (ANAP Confartigianato, 50& Più Fenacom Confcommercio, FIPAC Confesercenti, CNA Pensionati, CNCD Coldiretti, ANP CIA, SP Confagricoltura).

Bramezza ha aperto l’incontro assicurando la disponibilità dell’Azienda ULSS 7 ad accogliere idee e suggerimenti del CUPLA soprattutto in merito al nuovo Piano di Zona che l’Azienda, insieme alle istituzioni e ai soggetti del territorio, sta riscrivendo.
È stato quindi consegnato il documento “Progettare il futuro su misura di una popolazione che invecchia”, realizzato dal CUPLA, con pareri o osservazione che Bramezza ha apprezzato e che saranno tenuti in esame nella programmazione futura. In particolare il neo direttore ha evidenziato l’importanza di alcune proposte sulle quali è necessario impegnarsi insieme, quali ad esempio l’investimento sulla prevenzione, il potenziamento dei servizi nel territorio, l’umanizzazione di cure e servizi, la collaborazione nel trovare modalità per combattere l’isolamento e la solitudine.
Nel ringraziare le Associazioni che si attivano a favore della popolazione anziana, Bramezza ha auspicato una piena alleanza assicurando la collaborazione per iniziative importanti quali la campagna organizzata da ANAP Confartigianato per aiutare i soci a prenotare l’appuntamento per il vaccino anti-Covid. Iniziative come queste, ha dichiarato, concretizzano le logiche della sussidiarietà orizzontale.
L’ incontro (cui era presente anche il Direttore Servizi Socio Sanitari, Pierangelo Spano) ha concluso Martini, è un primo importante passo che corona l’impegno del CUPLA sul fronte dell’invecchiamento attivo e della promozione di una cultura di sostegno alle persone anziane e alle loro famiglie.