Le esportazioni manifatturiere vicentine nei primi 9 mesi del 2018

Per l’anno 2018 i dati che si stanno consolidando mostrano segnali positivi, con la crescita della produzione industriale, dell’occupazione, compravendite di abitazioni, traffico merci e passeggeri. Tuttavia questi andamenti, seppur positivi, includono anche segnali di rallentamento.
Lo stesso accade per il commercio estero: in Veneto nei primi nove mesi del 2018 si registra una crescita delle esportazioni manifatturiere pari a +2,6%, variazione dimezzata rispetto al +5,6% registrato nei primi nove mesi del 2017.
Non è esclusa da questa tendenza al rallentamento neanche la provincia di Vicenza che nel periodo gennaio-settembre 2018 mostra una crescita delle esportazioni pari a +1,4%, a fronte del +5,8% registrato nello stesso periodo del 2017.
A fronte della crescita totale del +1,4%, l’export manifatturiero vicentino risulta trainato dalle vendite nei paesi dell’Unione europea a 28 dove aumenta del +5,0% rispetto ai primi nove mesi dello scorso anno, mentre le esportazioni nei paesi extra Ue sono in contrazione del 2,9%.
Nella distinzione dei mercati al punto di vista economico risultano in calo le esportazioni verso i mercati emergenti (-1,2%) mentre sono in aumento verso i mercati con economie avanzate (+2,6%).
In particolare, i paesi più dinamici risultano Repubblica ceca (+10,0%), Germania (+9,1%), Paesi Bassi (+9,0%), Francia (+7,6%) e Spagna (+6,6%).
Dall’altra parte a rallentare il trend del commercio estero sono le esportazioni verso Hong Kong (-15,5%), Cina (-11,8%), Russia (-6,8%) e Stati Uniti (-4,5%).
Rispetto ai primi nove mesi del 2017, i settori più dinamici, con variazioni oltre il triplo della media provinciale, risultano Prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici che segnano un +26,1%, Prodotti tessili e Computer e prodotti di elettronica e ottica (entrambi +7,2%), Macchinari e apparecchiature (+5,0%) e Prodotti in metallo, esclusi macchinari e attrezzature (+4,9%).
In flessione, invece, risultano le esportazioni di Altri mezzi di trasporto (-8,6%), Legno e prodotti in legno e sughero, esclusi i mobili (-6,9%), Autoveicoli, rimorchi e semirimorchi (-3,7%), Prodotti alimentari (-2,9%) e Prodotti delle altre industrie manifatturiere (-3,1%).
Le esportazioni dei settori a maggior concentrazione di micro e piccole imprese (MPI) ammontano a 5.975 milioni di euro nei mesi di gennaio-settembre 2018 e rappresentano il 45,7% delle esportazioni manifatturiere vicentine.
Nei primi nove mesi del 2018 l’export dei settori MPI risulta sostanzialmente stabile (-0,1%) risultati di trend anche consistenti di segno opposto: alla forte crescita dell’export di Prodotti in metallo esclusi macchinari e attrezzature pari a +42 milioni si contrappone una contrazione di 43 milioni di euro di export di Prodotti delle altre industrie manifatturiere (settore orafo prevalentemente).