DALL’ASSOARTIGIANI VICENTINA ONDATA DI MESSAGGI AL GOVERNO PER PROTESTARE CONTRO LA FINANZIARIA

_x000D_
_x000D_
_x000D_
_x000D_
05/10/2006DALL’ASSOARTIGIANI VICENTINA ONDATA DI MESSAGGI AL GOVERNO PER PROTESTARE CONTRO LA FINANZIARIASu iniziativa del presidente Giuseppe Sbalchiero, per protestare contro l’impostazione della legge Finanziaria l’Assoartigiani vicentina si è resa promotrice dell’invio alla presidenza del Consiglio e al Governo di un’ondata di lettere, e-mail e fax dal titolo Non siamo noi i ladri e contenenti il seguente messaggio: "Noi imprenditori dell’Associazione Artigiani della provincia di Vicenza contestiamo una Finanziaria che è figlia di gravi e incancellabili pregiudizi nei confronti delle piccole imprese e del lavoro autonomo e dell’incapacità di intervenire in maniera mirata là dove realmente si annida l’evasione. Come si fa a parlare di equità quando le eventuali colpe di alcuni diventano la motivazione per penalizzare quella parte sana del Paese che sa rimboccarsi le maniche, rischia in proprio, produce e crea lavoro e che, grazie all’apprendistato, è un insostituibile punto di riferimento per i giovani? Proprio perché bersaglio di provvedimenti vessatori e iniqui respingiamo l’implicita accusa di essere dei "ladri" proprio da un Governo che ha partorito una legge sull’indulto e che ora mette le mani in tasca degli italiani addirittura con misure retroattive".Intanto la Confartigianato ha sintetizzato le motivazioni che hanno spinto l’assemblea confederale svoltasi a Roma, presenti anche i delegati dell’Assoartigiani vicentina con il componente della Giunta Provinciale Esecutiva Claudio Zanetti e il segretario Carmelo Rigobello, a proclamare iniziative di protesta e mobilitazione contro la legge Finanziaria, che culmineranno in una manifestazione pubblica a livello nazionale. Secondo gli artigiani, "è stato tradito il metodo della concertazione. Non ci stiamo a subire quello che percepiamo come un atteggiamento pregiudiziale verso il lavoro autonomo e il mondo dell’impresa, in contrapposizione con il lavoro dipendente e il pubblico impiego". "Tra revisione degli studi di settore, aumento dei contributi previdenziali, introduzione dei contributi sugli apprendisti – spiega l’organizzazione di categoria – la Finanziaria costerà alle imprese artigiane italiane 2.261 milioni di euro nel 2007, cui si aggiungeranno altri 131 milioni di euro nel 2008. In pratica, le nostre imprese sopporteranno il 40% del totale dei sacrifici imposti dalla manovra alle imprese. Non è certo questa la strada migliore per rilanciare la competitività del sistema imprenditoriale né ci sembra sia stato rispettato l’impegno del Dpef di rilanciare lo sviluppo e di tagliare le spese improduttive"."Il fatto ancora più paradossale – aggiungono gli artigiani – è che i benefici della riduzione del cuneo fiscale per le nostre imprese, pari a 329 milioni di euro, verranno annullati dall’aumento dei contributi sugli apprendisti, che costa 330,5 milioni di euro. Colpire l’apprendistato significa colpire la modalità più diffusa nell’artigianato per inserire i giovani nel mondo del lavoro, per trasmettere la cultura del fare e del saper fare. Ma la cosa ancor più inaccettabile è che, mentre la discussione sulla riforma delle pensioni dei lavoratori dipendenti è stata rinviata al prossimo anno, l’aumento dei contributi previdenziali degli artigiani entrerà subito in vigore, e per di più è stato deciso a nostra insaputa con un accordo tra il Ministro del Lavoro e Cgil, Cisl e Uil".L’invito a unirsi alla campagna di protesta è rivolto, ovviamente, a tutti gli artigiani.Gli indirizzi di posta elettronica cui può essere spedito il messaggio sono: segreteria.presidente@governo.it  segreteria.ministro@attivitaproduttive.gov.it


CONFARTIGIANATO IMPRESE VICENZA | Via Enrico Fermi,134 - 36100 Vicenza (Italia) | C.F. 80002410241 | REA VI-226266 | Tel. 0444.392300 | Fax 0444.961003 | Email: info@confartigianatovicenza.it | Pec: direzione.generale@artigiani.vi.legalmail.it | Privacy Policy | Cookie Policy | Informativa Privacy Infragruppo | Contenuti essenziali accordi di contitolarità | Copyright © FAIV