SCHIO: CHIUDE DOMENICA 2 APRILE “INNOVARTI”, LA MOSTRA DELL’ASSOARTIGIANI VICENTINA DEDICATA ALL’INNOVAZIONE

_x000D_
_x000D_
_x000D_
_x000D_
29/03/2006SCHIO: CHIUDE DOMENICA 2 APRILE "INNOVARTI", LA MOSTRA DELL’ASSOARTIGIANI VICENTINA DEDICATA ALL’INNOVAZIONEUltimo weekend di apertura – sabato 1 e domenica 2 aprile dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 15 alle 19 – per InnovArti, la mostra che a Palazzo Fogazzaro di Schio offre una vetrina alle piccole imprese innovative. Organizzata dall’Assoartigiani tramite il Mandamento scledense nell’ambito della Settimana dell’Artigianato, la rassegna costituisce il primo evento del genere nel Vicentino e, attraverso un percorso multimediale, interattivo e coinvolgente, offre una panoramica su prodotti e servizi che rappresentano oggi il motore del cambiamento, come evidenziato nel convegno inaugurale dal presidente mandamentale Luigi Lagni. A proposito di convegni: giovedì 30, a partire dalle 20, si parlerà di "Alto Vicentino città virtuale. La tecnologia che migliora i servizi" con tanto di visita alla "città virtuale" e successivo approfondimento cui interverranno anche gli amministratori dell’area. Infine, venerdì 31, a partire dalle 17, è in programma la tavola rotonda "Bioedilizia ed energia rinnovabile: imprese artigiane e istituzioni in sinergia per lo sviluppo sostenibile", che intende fare il punto della situazione con particolare riferimento alle opportunità per le imprese artigiane. Assieme a Giuseppe Sbalchiero, presidente dell’Assoartigiani, e Daniela Rader, assessore dell’organizzazione di categoria con delega in materia, ne discuteranno il sindaco di Schio Luigi Dalla Via assieme ai funzionari Fabio Mabilia e Raffaello Muraro, la presidente della Provincia Manuela Dal Lago, il segretario dell’Associazione Architettura Bioecologica, Giancarlo Allen, e la giornalista Carla Urban. Per tornare alla mostra, va detto che grande è stato sinora l’interesse di tutti i visitatori, dagli operatori economici alle scolaresche, per la varietà della gamma di produzioni e servizi proposti dalle quasi quaranta aziende che hanno deciso di aderire all’iniziativa.