• Home
  • News
  • SISTEMA MOBILITÀ
  • CARROZZIERI
  • Sabato 28 a Vicenza i Carrozzieri Confartigianato a convegno per ribadire il “no” alla riforma Rc Auto che indirizza gli automobilisti verso officine convenzionate con le assicurazioni

Sabato 28 a Vicenza i Carrozzieri Confartigianato a convegno per ribadire il “no” alla riforma Rc Auto che indirizza gli automobilisti verso officine convenzionate con le assicurazioni

Roberto Cazzaro

Per sabato 28 marzo i Carrozzieri di Confartigianato hanno programmato a Vicenza un incontro regionale con i colleghi , i periti, i consumatori, invitando anche i parlamentari veneti, per ribadire che non ci stanno “a subire l’ennesimo tentativo di consegnare il mercato delle riparazioni auto nelle mani delle assicurazioni in nome di una presunta liberalizzazione”, riferendosi alla riforma dell’Rc Auto contenuta nel disegno di legge Concorrenza del governo.

Per gli operatori del settore si tratta di un provvedimento che lede la libertà di scelta del consumatore,  in quanto indirizza gli automobilisti a far riparare i mezzi incidentati presso le officine convenzionate con le assicurazioni, a discapito di quelle indipendenti.  Altrimenti, si chiedono i carrozzieri, di quali liberalizzazione parla il Governo?
Per la categoria è quindi importante far fronte comune con i consumatori per non veder trasformato il mercato dell’autoriparazione in un monopolio in mano alla lobby assicurativa.
“L’iniziativa di Vicenza – spiega Roberto Cazzaro, presidente dei Carrozzieri della Confartigianato provinciale – rientra nella serie di mobilitazioni locali per far comprendere meglio anche ai consumatori  quali saranno gli effetti dirompenti di un provvedimento che distrugge il nostro lavoro e gli interessi dei cittadini, i quali non potranno più decidere quale carrozziere scegliere”.
L’appuntamento per sabato 28 marzo è alle 9.30 al Centro Congressi di via Fermi. Dopo l’intervento d’apertura di Agostino Bonomo e Luigi Curto, rispettivamente presidente vicentino e regionale di Confartigianato, la mattinata prevede una tavola rotonda cui interverranno: Elena Donazzan (assessore regionale alla Formazione e al Lavoro), Silvano  Fogarollo (presidente nazionale Carrozzieri Confartigianato), Raffele Cerminara (presidente nazionale Autoriparatori Confartigianato), Bruno Panieri (direttore Politiche Economiche di Confartigianato), Antonio Tonioni (presidente coordinatore Unione Consumatori Veneto), Pierluigi Vinci (avvocato esperto in materia) e Marco Mambretti (presidente nazionale Associazione Italiana Consulenti Infortunistica Stradale). È prevista anche la presenza di alcuni parlamentari veneti. Modererà la tavola rotonda Luigi Bacialli, direttore di Rete Veneta.
Ma non finisce qui. Ad aprile è prevista una manifestazione nazionale a Roma, alla presenza “bipartisan” degli onorevoli Sara Moretto e Raffaello Vignali, firmatari di due proposte di legge di modifica del codice delle assicurazioni che accolgono le istanze avanzate dagli artigiani, alternative al disegno di legge del governo.