“LA SARTORIA VICENTINA INCONTRA IL CINEMA” E’ IL TEMA DELLA MOSTRA REALIZZATA DALL’ASSOARTIGIANI PROVINCIALE

_x000D_
_x000D_
_x000D_
_x000D_
_x000D_
28/03/2006"LA SARTORIA VICENTINA INCONTRA IL CINEMA" E’ IL TEMA DELLA MOSTRA REALIZZATA DALL’ASSOARTIGIANI PROVINCIALE_x000D_
"Ci sono tanti artisti nel mondo e anche i sarti lo sono, in modo speciale. Ecco perché questo abbinamento con la "settima arte", il cinema, e con affascinanti costumi d’epoca dove troviamo un’ispirazione di antica memoria in quei caratteri che distinguono sempre la produzione studiata con gusto e fantasia. Quanto agli abiti di oggi, la nostra rassegna collettiva offre al visitatore una panoramica sulle creazioni di ogni singolo sarto e una "linea moda" unitaria che, ne siamo certi, torneranno a suscitare l’interesse e l’apprezzamento anche del pubblico più attento ed esigente". Così gli ideatori dell’iniziativa, Paola Girardi e Silvano Moscolin, introducono il visitatore alla mostra La sartoria vicentina incontra il cinema, realizzata dall’Associazione Artigiani provinciale, e aperta fino al 2 aprile nelle sale del Palazzo delle Opere Sociali in Piazza Duomo a Vicenza (ingresso libero, orario 9-12 e 15.30-19.30). Già all’inaugurazione i presenti hanno apprezzato l’originale allestimento della mostra, intesa come una "piazza" affollata di gente, di persone immerse in gesti di comune quotidianità, ma unite da un fattore: l’abito sartoriale per uomo e donna nelle collezioni primavera-estate di quest’anno. Accanto a questo, una scelta di costumi per il cinema, anch’essi realizzati da diciassette sartorie vicentine. Il tutto a ribadire che con la creatività nelle mani e la propria terra nel cuore, quello della sartoria artigiana è un mondo che sceglie la personalizzazione, che tende, nel contesto di mode e stili, a disegnare un "unicum" studiato e realizzato per la singola persona, una individualità fatta non solo di misure fisiche, ma anche di personalità, che il vestito va a riconoscere e a valorizzare con la consapevolezza che la sartoria sposa lo stile alla cultura. Per questo nei prodotti della sartoria non si collocano solo l’abito realizzato su misura per il cliente e confezionato a regola d’arte, ma anche il costume per lo spettacolo. Nel contesto della mostra, così, sono esposti costumi realizzati dagli atelier vicentini per il film Un atto d’amore – girato da Antonio Baldo e Stefano Viero e ambientato nel ‘500 – sulla vita di San Tommaso Moro. Il video, prodotto dall’Associazione Teatrale Città di Vicenza e realizzato da Fabbrica Lumière, è stato proiettato alla "vernice" della mostra.