PREMIATI ALL’ASSOCIAZIONE ARTIGIANI DI VICENZA SCUOLE E STUDENTI VINCITORI DEI PREMI “DAL TOSO” E “PROGETTO NARCISO” PROMOSSI DALLA CATEGORIA METALMECCANICA

19/05/2009PREMIATI ALL'ASSOCIAZIONE ARTIGIANI DI VICENZA SCUOLE E STUDENTI VINCITORI DEI PREMI "DAL TOSO" E "PROGETTO NARCISO" PROMOSSI DALLA CATEGORIA METALMECCANICAGli studenti che hanno partecipato alle due iniziative della Categoria Metalmeccanica dell'Assoartigiani vicentina – il "Progetto Narciso" per le scuole medie e il "Premio Dal Toso" per le superiori a indirizzo meccanico – hanno affollato stamani il Centro Congressi di via Fermi per le premiazioni che si sono svolte alla presenza del presidente di categoria Antonio Marcon nonché, in rappresentanza dell'Amministrazione Provinciale, del consigliere Roberto Cattaneo. Ospite a sorpresa, per un apprezzato dialogo sui valori giovanili dello sport, dell'impegno e della leale competizione, il centrocampista del Vicenza Calcio Nicolas Gorobsov.I due concorsi nascono dalla volontà dei Metalmeccanici della Confartigianato berica di sensibilizzare gli studenti sull'importanza della qualità della formazione richiesta dal mercato in un settore che, per rimanere ai vertici raggiunti, ha bisogno di manodopera specializzata e di "ingegni", visto che anche l'innovazione è ormai diventata una leva fondamentale per il successo economico dell'azienda, soprattutto in momenti così complessi.La 10ª edizione del Premio Igino Dal Toso, svoltasi in collaborazione con la Provincia, è rivolta agli studenti delle scuole superiori a indirizzo meccanico del Vicentino. Quest'anno i ragazzi dovevano sviluppare il tema "Progetta e realizza un cric meccanico per automobili utilitarie": l'obiettivo del concorso è infatti quello di mettere alla prova le capacità creative e pratiche degli studenti, commissionando loro un oggetto utile, nuovo e realizzato nel rispetto delle normative. Al termine di una non facile opera di selezione, la giuria ha assegnato il primo premio (1.600 euro per la scuola, più riconoscimenti individuali) al gruppo della classe 4ª AM dell'Istituto Tecnico Industriale "De Pretto" di Schio composto dagli studenti Stefano Dall'Alba, Cristiano Mondin e Marco Maddalena, coordinati dagli insegnanti Claudio Randon e Fabio Pesavento. Al secondo posto ex aequo (con premio di 750 euro) si sono piazzati ancora un gruppo dell'Itis scledense "De Pretto", formato in questo caso da Nicola Smiderle, Davide Turcato e Nicola Scattolaro e guidato dai medesimi professori Randon e Pesavento, e quello dell'Itis "Rossi" di Vicenza comprendente Mattia Crivellaro, Filippo Gelai, Alessandro Martini, Simone Panozzo, Paolo Giuliari e Andrea Fontanella con i docenti Giancarlo Viero e Massimiliano Bertacco.Valutando gli elaborati, la commissione ha notato notevoli differenze nella modalità di presentazione dei prototipi e, considerando come ormai nel mercato non basti più "saper produrre" ma anche "saper vendere", ha deciso che dall'anno prossimo anche tale aspetto entrerà tra i criteri di valutazione. Quanto al Progetto Narciso, realizzato con la Camera di Commercio e intitolato al personaggio mitologico nell'auspicio che i giovani delle scuole medie vedano nelle aziende metalmeccaniche uno "specchio" del loro futuro, i numeri si sono confermati eccezionali: vi hanno infatti partecipato  2.500 studenti di 30 istituti della provincia che, grazie ai bus messi a disposizione, hanno potuto visitare alcune ditte del settore socie dell'Assoartigiani, stendendo poi una relazione sul tema "Le aziende metalmeccaniche: una ricchezza dell'economia vicentina. Oggi ho imparato…". Autrice di una "attenta analisi socio-economica del territorio con alcune riflessioni legate agli aspetti emotivi e psicologici della nuova generazione", si è aggiudicata il premio Elisabetta Mezzaro, della 3ª AM della Scuola Media "Beltrame" di Montorso (all'istituto è stato assegnato il premio di 1.000 euro). Due menzioni di merito sono andate inoltre a Mario Avesani, della Scuola Media "Anna Frank" di Montecchio Maggiore, e ad Alice Lupato della Scuola Media "Muttoni" di Vicenza.