• Home
  • News
  • TERRITORIO
  • LONIGO
  • Pietra di Vicenza: al via gli appuntamenti per valorizzarla anche nel Mandamento Confartigianato di Lonigo

Pietra di Vicenza: al via gli appuntamenti per valorizzarla anche nel Mandamento Confartigianato di Lonigo

Convenzione tra i Comuni e le Pro Loco di Montecchio Maggiore, Val Liona e Zovencedo

9 settembre 2021 – di Andrea Fontana

Che la Pietra Tenera di Vicenza sia una risorsa per il territorio e abbia costituito una ricchezza è sotto gli occhi di tutti per gli esempi architettonici, generando anche una fiorente economia con tante imprese artigiane che ne alimentano la tradizione secolare.

Il presidente del Mandamento Confartigianato di Lonigo, Luigino Bari, ben conscio di tutto ciò, dopo le tante iniziative realizzate nel tempo per valorizzare queste attività, non ha mancato di accettare positivamente la convenzione tra i Comuni e le Pro Loco di Montecchio Maggiore, Val Liona e Zovencedo per l’avvio di una iniziativa sperimentale volta alla promozione della Pietra Tenera di Vicenza.
I sindaci dei tre Comuni, le Pro Loco e i loro volontari hanno infatti unito le forze e stanno lavorando per dar vita, nelle domeniche del 12 e 19 settembre, a un percorso di visite guidate per dare la possibilità di ammirare la lavorazione della pietra, le antiche cave, la mostra degli attrezzi del taglio e della roccia.
Dal Museo della Pietra di Vicenza, con la Cava di Cice e la Casa Rupestre “Sengia dei Meoni” a Zovencedo, all’antico borgo murato di Campolongo in Val Liona, al complesso ipogeo delle Priare a Montecchio Maggiore: il programma delle due giornate sarà denso di appuntamenti culturali e vedrà coinvolti i soggetti pubblici e privati che hanno creduto nel progetto.
Una serie di eventi che vogliono essere una preziosa occasione culturale e turistica, consapevoli che potrebbe essere uno spunto per le giovani generazioni per intraprendere percorsi e iniziative che prendano spunto da questa risorsa unica nel suo genere.
Alla firma dell’accordo a Montecchio Maggiore anche l’assessore alle Attività Produttive Gianni Gusella  del Comune di Val Liona e il presidente della Pro Val Liona Aldo De Marchi.
Le potenzialità turistiche dei tre Comuni sono molteplici: in tutti i territori è presente un’ottima gastronomia, si possono praticare diverse attività sportive, senza tralasciare l’arte, la cultura e il patrimonio naturalistico all’interno del quale anche il tessuto economico ha saputo crescere e integrarsi.

Nella foto, una cava di pietra tenera di Vicenza