PARTONO I NUOVI INCENTIVI PER L’INSTALLAZIONE DI IMPIANTI GPL E METANO

17/01/2007PARTONO I NUOVI INCENTIVI PER L'INSTALLAZIONE DI IMPIANTI GPL E METANO  Con la recente emanazione da parte Ministero dello Sviluppo Economico del decreto che stabilisce le modalità di applicazione del contributo spettante per le operazioni di installazione di impianti a metano o a GPL su autoveicoli immatricolati come "Euro 0" o "Euro 1" sono del tutto operativi i nuovi incentivi per l'installazione sugli autoveicoli di impianti GPL e metano per autotrazione. Sono a disposizione 50 milioni di euro stanziati nella Finanziaria 2007 a valere sulla legge n. 403/1997."La novità importante di quest'anno -dichiara Fermino dal Moro presidente degli autoriparatori aderenti alla Confartigianato del Veneto- è l'estensione del contributo alle installazioni di impianti a metano o a GPL su autoveicoli immatricolati come "Euro 0" o "Euro 1". Non si tratta di una modifica da poco -prosegue Dal Moro-, infatti solo nel Veneto viaggiano tutt'oggi oltre 820mila autovetture a benzina di questo tipo pari al 45% del circolante!"Due gli importi del contributo stabiliti: 650 euro per ogni trasformazione a GPL o METANO su autoveicoli immatricolati da non oltre tre anni (lo stesso importo è previsto anche all'acquisto di auto nuove omologate a benzina e vendute dal concessionario già trasformate a GPL o METANO); 350 euro nel caso di impianti su autovetture "euro 0" e "euro 1". Lo "sconto" verrà riconosciuto per tutte le operazioni di installazione realizzate mediante collaudo presso la Motorizzazione Civile a partire dal 1° gennaio 2007. Accedervi è abbastanza semplice. Gli utenti interessati possono rivolgersi ad una delle 269 officine regionali che aderiscono all'iniziativa (l'elenco si trova in internet all'indirizzo http://www.imagoservizi.it/UserFolder/MAP07/map07.html), che prenoterà il contributo on-line. Gli utenti prenotati riceveranno l'incentivo sotto forma di sconto sulla trasformazione; l'applicazione del contributo dovrà risultare dalla fattura dell'installazione dell'impianto. "Unica grande nota dolente dell'operazione -dichiara Dal Moro- è la scelta adottata di erogare il contributo sotto forma di sconto. Abbiamo fatto presente più volte al Ministro la difficoltà delle nostre aziende, generalmente di piccola dimensione, a fare da banca per lo Stato anticipando decine di migliaia di euro che gli verranno rimborsati solo nel tempo al momento delle dichiarazioni IVA o dei redditi, sempre naturalmente se abbastanza "capienti". Purtroppo non siamo stati ascoltati e questo scompenso finanziario, che comporta comunque dei costi in particolare se le piccole aziende devono ricorrere al credito bancario per la liquidità necessaria, rischia di disincentivare l'erogazione del servizio"."Sarebbe un vero peccato -conclude Dal Moro-  perché la categoria crede alla bontà del provvedimento a tal punto da aver concordato con il Ministero un -Listino prezzi massimi al pubblico (iva compresa)- adottato a seconda dei casi dalle officine aderenti per rendere ancora più appetibile il contributo."N.B. Per le autovetture particolari superiori a 4 cilindri, turbo, o con allestimenti speciali, il prezzo sarà concordato con l'installatore. Le Associazioni saranno disponibili per fornire informazioni sulle variazioni di prezzo a tutela del consumatore.(*) Le differenze di prezzo sono dovute alle diversità tecnologiche degli impianti ad ai diversi tempi di installazione che questi richiedono

CONFARTIGIANATO IMPRESE VICENZA | Via Enrico Fermi,134 - 36100 Vicenza (Italia) | C.F. 80002410241 | REA VI-226266 | Tel. 0444.392300 | Fax 0444.961003 | Email: info@confartigianatovicenza.it | Pec: direzione.generale@artigiani.vi.legalmail.it | Privacy Policy | Cookie Policy | Informativa Privacy Infragruppo | Contenuti essenziali accordi di contitolarità | Copyright © FAIV