NICHELE, PRESIDENTE METALMECCANICA: “ENTRO AGOSTO LA MORATORIA SUI CREDITI PER SALVAGUARDARE LA COLONNA PORTANTE DELLA NOSTRA ECONOMIA”

30/07/2009NICHELE, PRESIDENTE METALMECCANICA: "ENTRO AGOSTO LA MORATORIA SUI CREDITI PER SALVAGUARDARE LA COLONNA PORTANTE DELLA NOSTRA ECONOMIA""La ‘moratoria' sui crediti deve divenire operativa entro la fine di agosto. Solo in questo caso potrà dispiegare i suoi effetti benefici, consentendo la prosecuzione dell'attività di imprese ‘sane' messe a rischio sopravvivenza da situazioni di temporanea illiquidità". Questo l'appello di Narciso Nichele Presidente regionale della Federazione  Metalmeccanica di Confartigianato veneto rivolto all'ABI, al Ministro dell'Economia Giulio Tremonti ed alle Organizzazioni Imprenditoriali nazionali incontratesi ieri al tavolo tecnico istituito sul tema. "La sospensione delle rate dei muti con lo slittamento della quota capitale di 12 mesi, -prosegue Nichele- dovrà essere applicabile rapidamente, con facilità e soprattutto in modo automatico e non su base volontaria di ogni singolo istituto di credito".La crisi sta sconvolgendo una delle colonne portati dell'economia regionale: oltre 19.000 aziende e 70.000 dipendenti. Nella nostra regione ogni giorno chiudono i battenti in media 5 aziende artigiane della meccanica. Una moria che non trova più compensazione con la  nascita di nuove imprese e che ha ridotto di 338 unità il comparto solo nei primi sei mesi dell'anno."Siamo al paradosso -sottolinea Nichele- in cui il settore nel quale più si è investito in ricerca, innovazione e tecnologia, indebitandosi di conseguenza in misura maggiore rispetto ad altri, si trova attualmente con un calo di ordinativi tale da non poter onorare gli impegni ed è costretto a mettere in mobilità i propri dipendenti." E non è l'unico mito che questa crisi di portata straordinaria sta sfatando. Anche la validità economica delle aggregazioni viene messa in qualche modo in discussione. E' il caso del CAM (Consorzio Artigiani Metalmeccanici): 18 aziende del territorio vicentino aggregatesi nel 1989, una forza lavoro di 200 addetti ed un fatturato complessivo di € 25milioni….nel 2008."La crisi si sta ripercuotendo in modo amplificato nel settore della subfornitura metalmeccanica -ammette Sandro Venzo presidente di CAM e del Gruppo Giovani di Confartigianato veneto- e l'essere in gruppo non ci ha salvaguardato. Anzi, nel primo semestre del 2009 registriamo una diminuzione percentuale del fatturato pari al 35% rispetto allo stesso periodo dell'esercizio precedente. E le stime per la seconda metà dell'anno sono di ulteriori perdite. Prevediamo di chiudere l'anno con un calo di circa il 40% attestandoci su un giro d'affari di 15 milioni". "Con riduzioni di questa entità -conclude Venzo- è ovvio che le imprese non siano in grado di onorare i debiti ne con le banche ne con il fisco. Condivido pertanto la assoluta necessità di una moratoria sui crediti costruita in modo che anche le piccole imprese ne possano trarre giovamento. Sarebbe auspicabile infine che i nostri committenti italiani, prendendo spunto dalla forte presa di posizione sui ritardi di pagamento della Pubblica Amministrazione da parte di Confindustria, adeguassero i loro nei nostri confronti portandoli dagli attuali 88 giorni (di media con punte di 150/180) ai 30/60 giorni medi come nel resto d'Europa".

CONFARTIGIANATO IMPRESE VICENZA | Via Enrico Fermi,134 - 36100 Vicenza (Italia) | C.F. 80002410241 | REA VI-226266 | Tel. 0444.392300 | Fax 0444.961003 | Email: info@confartigianatovicenza.it | Pec: direzione.generale@artigiani.vi.legalmail.it | Privacy Policy | Cookie Policy | Informativa Privacy Infragruppo | Contenuti essenziali accordi di contitolarità | Copyright © FAIV