Modifiche Rc Auto. Roberto Cazzaro (Carrozzieri Confartigianato): “Ristabiliti i diritti di cittadini e carrozzerie”

Roberto Cazzaro (Confartigianato Vicenza)

“Oggi il Parlamento ha restituito alle imprese di carrozzeria la libertà di esercitare la propria attività e ai cittadini il diritto di scegliere il proprio carrozziere di fiducia”. Così il presidente dei Carrozzieri di Confartigianato Vicenza, Roberto Cazzaro, commenta le modifiche approvate in serata dalle Commissioni Finanze e Attività Produttive della Camera ad alcuni aspetti riguardanti la riforma dell’Rc auto contenuti nel Ddl Concorrenza.

In poche parole, con la dichiarata intenzione di contenere i costi delle polizze RC Auto, le assicurazioni avrebbero voluto introdurre una formula che, di fatto, avrebbe portato gli automobilisti danneggiati a rivolgersi, per la riparazione dell’auto incidentata, solo alle carrozzerie indicate dalle stesse compagnie assicurative (per questo dette “fiduciarie”).
“Con le modifiche apportate alla riforma è stata ora ristabilito il principio in base al quale gli assicurati hanno diritto a ottenere il risarcimento per la riparazione a regola d’arte del veicolo danneggiato, avvalendosi di imprese di autoriparazione di propria fiducia – aggiunge Cazzaro-. Quanto poi alle linee guida per la riparazione a regola d’arte verranno definite con un accordo tra le Associazioni nazionali del settore dell’autoriparazione, l’Associazione nazionale delle imprese assicurazioni, sentite le Associazioni dei consumatori”.
“Per noi si tratta di una importante battaglia contro il rischio, contenuto nella riforma dell’Rc auto, di mettere fuori mercato le carrozzerie indipendenti, rendendo di fatto obbligatorio il risarcimento ‘in forma specifica’, vale a dire far riparare il veicolo incidentato dalle officine di carrozzeria convenzionate con l’assicurazione – continua Cazzaro-. È la terza volta in tre anni che le assicurazioni provano a modificare le regole dei risarcimenti. Da tempo, poi, le associazioni dei carrozzieri, tra cui Confartigianato, continuano a chiedere al Ministero l’apertura di un tavolo tecnico per scrivere insieme le regole sentite anche le associazioni dei consumatori”.
“Ora ci auguriamo – conclude Cazzaro – che le modifiche approvate siano confermate dall’Aula della Camera e nel successivo passaggio al Senato. Ne va del futuro del settore Manutenzione e riparazione autoveicoli che a Vicenza e rappresentato 1.121 imprese, con 3.342 addetti. Di queste, 287 sono imprese di riparazione di carrozzerie e autoveicoli che danno lavoro a 936 addetti”.