Confartigianato incontra l’amministrazione comunale di Malo

Tema del momento di confronto è stata la nuova statale 46

14 luglio 2021 – di Arianna Vallarsa

Il sindaco Moreno Marsetti e il vicesindaco Matteo Golo del Comune di Malo hanno invitato a un incontro i rappresentanti di Confartigianato e Confindustria. Per Confartigianato erano presenti il vicepresidente provinciale, Nerio Dalla Vecchia, e il presidente del Mandamento, Valerio Torresan. Tema del momento di confronto è stato la nuova statale 46. Il Comune ha voluto presentare lo sviluppo del tracciato nel territorio del comune di Malo.

Questa nuova strada nasce dalla volontà delle amministrazioni comunali confinanti con il casello della Pedemontana, ossia Malo e Isola Vicentina, di deviare parte del traffico che ora si riversa sull’unica strada di collegamento tra Schio e Vicenza. In questo momento, essendo la superstrada non completata, il traffico è regolare, ma sicuramente aumenterà nel momento in cui la Pedemontana sarà conclusa.
Malo in questi mesi ha studiato le varie soluzioni possibili anche grazie al supporto di tecnici specializzati. Il primo tracciato di questa strada risale a 30 anni fa e in questo momento quel progetto non è più fattibile, molte sono le dinamiche intercorse nel tempo e quel percorso è obsoleto.
Il Comune di Malo si prefigge l’obiettivo di consumare meno territorio possibile e di creare quindi un impatto ambientale minimo. Si sta studiando anche il traffico veicolare per capire quanti sono i mezzi che passano attualmente per la statale 46 e se il loro passaggio è per raggiungere il territorio di Malo o per raggiungere Schio o altri comuni del Vicentino. Attualmente in questa strada transitano anche tutti i mezzi che provengono da Bassano o Treviso che devono raggiungere la vallata dell’Agno, oltre a quelli che dall’Alto Vicentino devono recarsi a Vicenza.
Lo scopo dell’incontro è stato quello di approfondire e spiegare alle categorie economiche le valutazioni che sono state fatte e qual è la soluzione più idonea per la fase progettuale dell’opera.
Da tutti e in particolare da Confartigianato è stato condiviso che l’opera è indispensabile. L’arteria attuale già nelle ore di punta presenta dei notevoli rallentamenti in punti di raccordo con i comuni di vallata attigui. La velocità di percorrenza garantita dalla Pedemontana perde i propri benefici se nel momento in cui si esce dal casello ci si trova incolonnati.