Il Mandamento Confartigianato di Bassano incontra la nuova Amministrazione di Cassola

Viabilità e infrastrutture, centri commerciali e opere pubbliche, risparmio energetico, formazione e giovani. Sono stati questi i principali temi di dibattito e di condivisione che hanno visto il gruppo dei dirigenti di Confartigianato Imprese del Mandamento di Bassano del Grappa e l’Amministrazione del Comune di Cassola riuniti per un confronto.
Il sindaco Aldo Maroso ha precisato innanzitutto alcune iniziative che l’Amministrazione ha messo in piedi a favore delle aziende. Il Bonus energia del Comune da anni destina contributi fino a 3.250 euro ai cittadini che eseguono lavori di ristrutturazione per il risparmio energetico, strumento utile soprattutto ai soggetti che non possono usufruire delle detrazioni fiscali statali. Negli ultimi 5 anni questi interventi hanno messo in circolazione quasi un milione di euro per le imprese artigianali del territorio. Cassola inoltre, da tempo, ha applicato una revisione della tariffa rifiuti particolare per le categorie economiche ancora in vigore.
In questo ultimo anno ha investito i contributi straordinari del Ministero sull’illuminazione pubblica e sulla eliminazione delle barriere architettoniche, assegnando lavori ad aziende del territorio per 200 mila euro. Il presidente Sandro Venzo ha proposto il Fondo di Sviluppo già attivo con Romano e Mussolente anche a Cassola, realtà che con le sue oltre 1.400 aziende e i suoi 14.700 cittadini rappresenta uno dei comuni più consistenti dell’intera zona. Il sindaco ha espresso la sua disponibilità in questo senso.
È stato il tema delle infrastrutture viarie e delle opere pubbliche quello che ha occupato più spazio durante l’incontro, anche solo per conoscere la complessa progettualità in atto sul territorio comunale. Ci sono progetti come la Bretella ANAS che interverrà sulla direttrice est/ovest e che sarà di un certo impatto ma che andrà a risolvere alcune criticità di traffico, in particolare la connessione dei grandi centri commerciali (Tosano–Schiavotto e Magazzini Nico-Grifone). Il lavoro grosso che si sta facendo è sulle interferenze, ma il progetto è a buon punto. L’impatto della SPV su Cassola è ancora di difficile stima, riuscire a capire i flussi di entrate e di uscita diventa essenziale per eventuali modifiche della viabilità ordinaria e per le opere di mitigazione. E’ in previsione, da parte della Regione, uno studio che arrivi a dettagliare il più possibile la previsione di traffico che l’opera porterà a cui l’Amministrazione sta collaborando. È sempre “collaborazione” la parola chiave che Cassola userà anche con i Comuni limitrofi per riuscire a definire delle strategie di mobilità omogenee, visto il territorio estremamente interconnesso.
La realtà dei Centri Commerciali a Cassola è un dato di fatto, croce delizia delle Amministrazioni, questi colossi riescono a modificare la struttura di un intero territorio. Secondo il sindaco i centri commerciali attuali e prossimi sono frutto di decisioni delle Amministrazioni precedenti, come già documentato in occasione del confronto fra candidati sindaci e le associazioni di categoria nel maggio 2019. L’attività che questa Amministrazione può fare ora è solo di imporre determinati vincoli di mitigazione e interventi di compensazione. L’attuale apertura dell’Eurobrico è proprio un caso emblematico. L’amministrazione ha imposto infatti un intervento sulla rotatoria, modifica che tra l’altro sarà funzionale anche alla futura Bretella Anas. Sarà inoltre prevista una viabilità su due corsie per chi proviene da Rosà con un alleggerimento del traffico della zona. Sarà anche realizzata, a spese della ditta, l’estensione della fognatura (e della ciclabile che vi correrà sopra) a sud, fino a intersecare quella esistente in via Croceron.
La collaborazione tra le amministrazioni comunali della zona è uscita come altro tema preponderante della serata. La necessità di condividere iniziative, decisioni, pianificazione a lungo termine è sempre più necessaria e la richiesta della dirigenza artigiana è stata chiara. L’amministrazione ha ribadito che ci sono dei settori in cui la collaborazione è già molto attiva. Senza contare alcuni servizi, come ad esempio il consorzio di Polizia, ci sono ambiti, tipo quello delle politiche giovanili, su cui è operativo un tavolo condiviso da diverso tempo. Cassola vanta anche la possibilità di offrire in sinergie strutture valide come le realtà di Cre.ta e il teatro Vivaldi. Per il Turismo e il Marketing territoriale il presidente Venzo richiama l’esigenza di una ampia collaborazione tra i Comuni. Cassola è stata tra le prime ad approvare la tassa di soggiorno, ma denota ancora scarsa chiarezza sulla strategia generale. Anche su questo fronte urge una collaborazione chiara e attiva.
Interessanti i progetti sul risparmio energetico e la mobilità sostenibile che il Comune ha in mente e che trova Confartigianato sicuramente in sintonia. Oltre ad una serie di progetti di nuove piantumazioni e di rinnovo di aree verdi su cui intende investire, si pensa ad una iniziativa di rigenerazione degli edifici coinvolgendo proprietari e immobiliari, favorendo con incentivi e riduzioni fiscali la sistemazione degli immobili. Ci sono alcuni quartieri che necessariamente avrebbero il bisogno di essere sistemati e gli incentivi comunali, ma anche la nuova serie di detrazioni statali, potrebbero segnare una fase nuova per gli investimenti. Su questo aspetto ci potranno sicuramente essere delle idee di collaborazione tra le parti, non ultima una serata informativa su incentivi e risparmi.
All’incontro erano presenti oltre al sindaco al presidente Sandro Venzo, il vicesindaco Manuela Bertoncello e gli assessori Gianantonio Stangherlin, Elsa Antonia Simonetto, Marta Favaro Orlando e Marco Giacobbo. Della Giunta mandamentale di Confartigianato erano presenti il vicepresidente Sergio Serradura, i consiglieri Carla Lunardon e Francesco Bisinella, il delegato comunale Diego Bontorin.