• Home
  • News
  • Prima pagina News
  • Green pass bar e ristoranti, Confartigianato: “Le misure colpiscono attività che seguono i protocolli”

Green pass bar e ristoranti, Confartigianato: “Le misure colpiscono attività che seguono i protocolli”

Malinverni (Ristoratori): “Perché sempre noi?”, questo il commento a caldo a seguito del provvedimento annunciato

23 luglio 2021

“Perché sempre noi?”, questo il commento a caldo dei Ristoratori Confartigianato Imprese Vicenza a seguito del provvedimento annunciato dalla Presidenza del Consiglio: obbligo di green pass per i clienti di ristoranti e bar che consumano seduti ai tavoli all’interno del locale.

L’evoluzione pandemica infatti, e in particolare la diffusione delle varianti che mette a rischio la salute pubblica nonostante l’aumento progressivo del numero di persone vaccinate, crea l’ennesima situazione di instabilità di alcune attività economiche, come avvenuto per i vari lock down. Così, si apprende, dal 6 agosto prossimo per accedere in alcuni luoghi servirà il green pass.
“Ancora una volta ci troviamo ad affrontare una situazione che graverà pesantemente sulle nostre attività – spiega Christian Malinverni, presidente Ristoratori di Confartigianato Imprese Vicenza-. Pur non volendo entrare nel merito della opportunità di tale provvedimento, emesso per scongiurare il ritorno alle chiusure già viste in passato, ci sono però evidenti complessità da gestire, che non vengono chiarite. Prima di tutto, la verifica dei green pass: non siamo e non vogliamo essere pubblici ufficiali, non basta infatti esibire la certificazione bensì bisognerebbe verificare l’identità della persona; per non parlare dei clienti che non possono vaccinarsi e che dovrebbero esibire dati sensibili sulla loro condizione di salute. Questo problema rimane tuttora irrisolto: abbiamo bisogno di semplificazioni, di fronte al fatto che diminuirà certamente l’afflusso di clienti”.
Secondo i dati ufficiali diffusi, e al netto dei bambini sotto i 12 anni che non sono tenuti a vaccinarsi, significa grossomodo che 1 cliente su 3 non potrà entrare a consumare all’interno dei ristoranti. Ancora una volta, quindi, ad essere penalizzati saranno quei locali che non possono avere spazi o plateatici all’aperto, come nei centri storici. Ritorna così lo spettro del calo di consumi, giusto durante il periodo estivo che aveva segnato le prime inversioni di tendenza.
“Un’altra domanda non trova risposta: perché a fare le spese di questa situazione sono sempre certe categorie – prosegue Malinverni –. Distanze e protocolli adottate nei nostri locali sono misure che garantiscono già una dovuta sicurezza e quel distanziamento che non vediamo in altre situazioni. I ristoratori sono attenti a rispettare i disciplinari per tutelare clienti, collaboratori, titolari. Se dobbiamo preoccuparci per l’evoluzione della pandemia o delle varianti, si intervenga davvero dove ce n’è bisogno, altrimenti continueremo a vivere in una situazione di incertezza, allarme e crisi economica che non potrà essere imputata ai soli clienti dei ristoranti”.
“C’è ancora tempo per trovare un accordo, in vista della scadenza annunciata nella prima settimana di agosto, esattamente alla vigilia della partenza di molti italiani per le ferie”, conclude Malinverni.