• Home
  • SALA STAMPA
  • Comunicati
  • Confartigianato Vicenza
  • 2021
  • Confartigianato Imprese Vicenza e Banca delle Terre Venete Credito Cooperativo siglano un accordo per la cessione del credito a seguito di interventi di riqualificazione edilizia, con particolare attenzione al Superbonus 110%. Plafond di 5milioni di euro.

Confartigianato Imprese Vicenza e Banca delle Terre Venete Credito Cooperativo siglano un accordo per la cessione del credito a seguito di interventi di riqualificazione edilizia, con particolare attenzione al Superbonus 110%. Plafond di 5milioni di euro.

Comunicato 36 – 23 febbraio 2021

Confartigianato Imprese Vicenza, con il general contractor creato ad hoc, e Banca delle Terre Venete Credito Cooperativo hanno sottoscritto un accordo che ha come oggetto i crediti fiscali previsti per la riqualificazione degli immobili, con particolare attenzione al nuovo Superbonus 110%. La norma infatti prevede che chi effettua un lavoro di ristrutturazione, di riqualificazione energetica, di adeguamento alle norme anti sismiche, o più interventi legati al Superbonus 110%, possa beneficiare delle relative detrazioni fiscali oppure cedere il credito d’imposta all’impresa che ha effettuato l’intervento o agli istituti bancari.
Da qualche mese in seno a Confartigianato è nata una società che si occupa di accompagnare imprese e i loro committenti lungo il percorso di realizzazione degli interventi sfruttando tutte le opportunità di incentivazione, a partire dagli studi di fattibilità fino proprio alla cessione del credito d’imposta. Con l’accordo sottoscritto, valido fino al 30 giugno 2022, la Banca si è resa disponibile ad acquistare tali crediti stanziando un plafond di 5milioni di euro complessivi. Non solo, Confartigianato Imprese ha inoltre definito con l’istituto di credito un accordo in merito alle condizioni da applicare per i prestiti ai propri associati e al General Contractor.

“Riteniamo che le misure introdotte dal Decreto Rilancio possano dare un forte impulso al sistema economico e, come banca del territorio, è nostra intenzione favorire le famiglie e le imprese locali, affinché il patrimonio residenziale venga valorizzato nell’ottica del risparmio energetico e dell’efficientamento antisismico – spiega il presidente Banca delle Terre Venete, Gianfranco Sasso-. L’accordo sottoscritto ci permette di collaborare con le imprese artigiane, sia per l’acquisto del credito d’imposta, sia per finanziare le opere. Inoltre, potremo indirizzare al General Contractor di Confartigianato Vicenza i nostri clienti che necessitano di imprese e/o tecnici qualificati per effettuare i lavori e beneficiare dei bonus fiscali”.

“Questo accordo rappresenta per noi un tassello importante verso la riqualificazione del territorio e il rilancio di molti settori artigiani – commenta Gianluca Cavion, presidente di Confartigianato Imprese Vicenza-.  Quando le nostre imprese hanno bisogno di un sostegno reale e concreto, noi ci siamo anche con strumenti come questo. L’occasione offerta con il Superbonus 110% è davvero unica: abbiamo la possibilità di valorizzare il patrimonio edilizio secondo i nuovi principi della sostenibilità il che porta a un aumento del valore degli stessi immobili, minor consumo del suolo per nuove costruzioni e attenzione all’ambiente, favorendo nel contempo la spinta all’innovazione di tutto il Sistema Casa. Anche per questi motivi Confartigianato ribadisce che la misura non dovrebbe essere a ‘scadenza’ ma continuativa e auspicabilmente estesa anche agli immobili produttivi altrettanto bisognosi di interventi di riqualificazione”.