Chi è l’amministratore di sostegno e cosa fa?

Dalla metà degli anni 2000 (esattamente nel 2004 con la legge 6) è stato introdotto nel nostro ordinamento un nuovo istituto, l’amministratore di sostegno, che si affianca ed in buona parte sostituisce alternative ben più “limitanti” quali l’interdizione e l’inabilitazione, a tutela di persone “fragili” che a causa di una menomazione fisica o psichica, anche temporanea, o una dipendenza si trovino in difficoltà nel gestire i propri interessi personali e patrimoniali.

L’amministratore di sostegno infatti ha l’obiettivo di tutelare la persona con la minore limitazione possibile delle capacità di agire, fornendo un sostegno temporaneo o permanente attraverso la nomina appunto di un amministratore di sostegno da parte del giudice tutelare.

Il giudice tutelare, previo un “ascolto” ed una “audizione” della persona in stato di bisogno, in questo periodo in taluni casi anche in videocall, costruirà “artigianalmente” un abito su misura con cui in pratica definirà gli ambiti entro cui potrà operare l’amministratore di sostegno, non solo dal punto di vista patrimoniale, ma anche di quello della cura della persona in generale, per garantire alla persona fragile il godimento di una vita dignitosa e per quanto possibile autonoma.

Qual è la differenza tra interdizione e inabilitazione?

L’inabilitazione è un istituto del diritto civile che esclude parzialmente il soggetto dalla capacità di agire. La differenza rispetto al presupposto dell’interdizione sta solo nella minore gravità dell’infermità, che consente al soggetto di compiere da solo gli atti di ordinaria amministrazione, mentre deve essere assistito da un curatore per gli atti di straordinaria amministrazione. Questo, a differenza del tutore, non è un rappresentante del soggetto, in quanto non lo sostituisce ma lo affianca.

Caaf Confartigianato Vicenza dà assistenza per la stesura dell’istanza da presentare al Giudice Tutelare, per la sua protocollazione in tribunale e per l’invio di tutte le notifiche necessarie.

Per informazioni e appuntamenti i riferimenti di Caaf Confartigianato Vicenza sono:

tel. 0444/168168
e-mail: ads.caaf@confartigianatovicenza.it

    Nome e Cognome *

    Email *

    Cell *

    Il tuo messaggio *

    Inviando questo form, acconsento al trattamento della privacy e mi impegno a leggere tutte le condizioni di questo sito, indicate nella pagina web privacy.