Cavion (Confartigianato) sulla sospensione dal 1° luglio del cashback

“Finalmente! Da marzo diciamo che quei 3 miliardi risparmiati per il 2022 possono essere investiti meglio e in maniera più lungimirante”

29 giugno 2021

“Finalmente!”. È il commento del presidente di Confartigianato Imprese Vicenza, Gianluca Cavion, alla notizia della sospensione del cashback dal 1° luglio.

“Già a marzo avevamo espresso il nostro disappunto per misure, come appunto il cashback e la lotteria degli scontrini, che avevano l’aspetto dell’improvvisazione – continua Cavion-. Anche sui denari risparmiati avevamo visto lungo: 3 miliardi di euro recuperati per il 2022 sospendendo il cashback, che diventano 5 se cancelliamo anche la lotteria degli scontrini. Ricordo che queste misure, giustificate con motivazioni deboli quali la lotta all’evasione, alla fine si sono dimostrate, soprattutto la lotteria degli scontrini, a portata dei soliti furbi che per fare un certo numero di operazioni, e avere quindi qualche possibilità di vittoria, pagavano anche un singolo caffè con bancomat o carta di credito. Nel frattempo, come facemmo notare già a marzo, interi settori dell’artigianato hanno pagato davvero e caro il lockdown, le zone di vario colore, le restrizioni su orari e attività, i dispositivi e gli adeguamenti alle norme anti contagio, il balletto delle aperture a singhiozzo, contingentate, calendarizzate. Comprendiamo che forse si è trattato di misure dettate dalla non facile situazione del momento, tutto è partito con il super cashback di Natale 2020 per rilanciare gli acquisti, ma bene ha fatto Draghi a sospenderle – aggiunge Cavion-. Tra l’altro misure di questo tipo sono state decise unilateralmente quando invece, a nostro avviso, sarebbe stato auspicabile una riflessione con le categorie economiche più colpite per capire come meglio indirizzare le risorse. Ora, speriamo che i 3 miliardi risparmiati, siano investiti in maniera più lungimirante per sostenere realmente le piccole e medie imprese in questa delicata fase di ripartenza fornendo loro strumenti, non solo economici, per tornare e rimanere competitive sul mercato”.
“In particolare – conclude Cavion -, le misure dei crediti di imposta sulle attività di ricerca e sviluppo, attualmente fissate in pochi punti percentuali, meritano di essere incrementate per dare slancio agli investimenti da parte delle imprese, così come il credito di imposta sugli acquisti di beni strumentali”.


CONFARTIGIANATO IMPRESE VICENZA | Via Enrico Fermi,134 - 36100 Vicenza (Italia) | C.F. 80002410241 | REA VI-226266 | Tel. 0444.392300 | Fax 0444.961003 | Email: info@confartigianatovicenza.it | Pec: direzione.generale@artigiani.vi.legalmail.it | Privacy Policy | Cookie Policy | Informativa Privacy Infragruppo | Contenuti essenziali accordi di contitolarità | Copyright © FAIV