FuturCraft, ovvero “L’artigianato del futuro”

In un film le imprese raccontano la loro esperienza di integrazione della digitalizzazione nei processi d’azienda. Proiezione martedì 28 alla Pasticceria Olivieri 1882 di Arzignano

21 giugno 2022

Un lungometraggio per raccontare ‘L’artigianato del futuro” a conclusione del progetto FuturCraft. Il film sarà proiettato martedì 28 alla Pasticceria Olivieri 1882 di Arzignano.  Un modo inedito per condividere quanto realizzato in più di due anni di progetto, protagoniste sette aziende artigiane del territorio italiano ed austriaco che raccontano, con la loro testimonianza diretta, le opportunità offerte dalla digitalizzazione.

Finanziato dal Fondo europeo di sviluppo regionale e Interreg V-A Italia-Austria 2014-2020, per un budget complessivo di 629.230 euro, FuturCraft ha unito le forze di Confartigianato Imprese Vicenza, apa – Formazione e servizi cooperativi (Lead Partner), Innovation Salzburg GmbH, Eurac Research, (Institut for Advanced Studies) (BLZ – IT), t2i Veneto (trasferimento tecnologico e innovazione). Partito nel 2019, obiettivo di FuturCraft era quello di definire quali potrebbero essere i futuri profili professionali nel settore dell’artigianato considerato il continuo progredire della digitalizzazione. Quali saranno i mestieri artigiani del futuro? Come cambieranno quelli tradizionali? Quali tecnologie verranno utilizzate? Che tipo di competenze saranno richieste agli artigiani del futuro per sfruttare il potenziale delle nuove tecnologie e migliorare la loro competitività?

In due anni il progetto ha cercato di rispondere a questi quesiti, contribuendo a delineare un quadro delle professioni future sulla base di ricerche, indagini, discussioni tra esperti e aziende coinvolte. Al proposito sarà anche reso pubblico un report approfondito che delinea gli scenari futuri per un artigianato digitalizzato e dei profili professionali che dovranno accompagnare questo cammino. Gli scenari individuati vogliono rappresentare delle mappe affinché l’artigiano possa orientarsi nel mestiere del futuro, comprendendo che il cambiamento in atto, caratterizzato da una forte impronta digitale, così da poterlo anticipare adattandosi al meglio alle sfide del domani.