“Antiche Botteghe e Portoni Segreti” torna in autunno. Primo appuntamento sabato 7 settembre in occasione di ViOff

Appuntamento in autunno con “Antiche botteghe e portoni segreti”. Il progetto di Confartigianato Imprese, attraverso il marchio ViArt, con l’obiettivo di promuovere la scoperta di botteghe dell’artigianato artistico di alcune zone del centro storico di Vicenza e alcuni dei suoi bei angoli verdi nascosti dietro ai portoni, torna a settembre con tre nuovi appuntamenti.
A giugno, le prime tre date hanno registrato il “tutto esaurito” nel giro di poche ore. Un’iniziativa che contribuito a portare a 1milioni 300mila le visualizzazioni del sito ViArt e a oltre 37mila le interazioni sui canali social (Facebook e Instragram).
Ora, da settembre saranno riproposti altri tre appuntamenti, di cui il primo inserito nel ViOff, il cartellone di eventi artistici legati a VicenzaOro September.
Antiche botteghe e portoni segreti” si articola in tre percorsi che si snodano in altrettante aree meno frequentate della città ma di grande fascino, dove un tempo sono nate attività storiche come quelle di orefici, sarti, ramai, falegnami e stampatori. Nei tre itinerari si potranno quindi conoscere le attività artigianali, storie raccolte in una cartina realizzata ad hoc. Non solo: l’iniziativa è di sicuro interesse anche per le scuole, oltre che per gli stessi vicentini che volessero conoscere meglio questi tesori della propria città. Il format potrà inoltre essere utilizzato, al di fuori dei specifici eventi programmati, dall’associazione delle Guide Turistiche autorizzate, partner nel progetto, per le loro proposte alla scoperta di Vicenza, e anche su richiesta di tour operator italiani e stranieri interessati a forme turistiche alternative e più di nicchia.
Il progetto ‘Antiche botteghe e portoni segreti’ parla della nostra storia, cultura e ricchezza, quali espressioni di un territorio da sempre vivace e creativo. Un patrimonio che ViArt, marchio dedicato a questo settore e che conta ad oggi 50 aziende sul proprio sito, si sta impegnando a far conoscere anche con modalità nuove intercettando le attività legate al mondo delle diverse espressioni della cultura e del turismo, favorendo itinerari esperienziali e slow.
Sono ben sedici le botteghe aderenti al progetto, riconoscibili dalle targhe che esporranno in vetrina, che potranno anche proporre delle dimostrazioni della propria arte a piccoli gruppi che ne fossero interessati.
Dopo gli appuntamenti di giugno, vengono quindi proposti per l’autunno altri tre sabati con tour guidati. L’adesione ai tour, organizzati con l’Associazione Guide Turistiche, sarà gratuita e a numero chiuso fino 30 persone, e avverrà solo tramite iscrizione online (www.viart.it). Ogni tour si concluderà con un intrattenimento a sorpresa in un “portone segreto”, realizzato in collaborazione con il Festival Vicenza in Lirica.
Il progetto “Antiche botteghe e portoni segreti” è sostenuto dalla Camera di Commercio e da Ebav (Ente Bilaterale Veneto), e patrocinato dal Comune di Vicenza.

Il primo dei tre percorsi guidati è in programma per sabato 7 settembre (ore 17-19) e si snoderà Da Porta S. Croce a Corso Fogazzaro: il salotto dell’artigianato nel tempo. Porta Santa Croce, testimonianza scaligera, apre ad un percorso di storia, devozione e antiche vocazioni artigianali con un susseguirsi di androni e giardini inattesi, dove ancora oggi si respira un sapore di tradizione senza tempo, da leggere nei portoni, nei capitelli dei portici e sotto i nostri piedi, nei resti romani che identificano questa zona come una delle più antiche della città.
Il tour che toccherà botteghe storiche della tradizione orafa e non solo, si concluderà in un “portone segreto” con una performance dove l’oro sarà il tema portante, che riprenderà alcuni momenti de La Diavolessa, opera buffa di Baldassare Galuppi su libretto di Carlo Goldoni, produzione 2019 del festival Vicenza in Lirica.
Ritrovo dei partecipanti ore 17 a Porta S. Croce lato di accesso dentro le mura.

Seguiranno gli appuntamenti di sabato 21 settembre “Da Porta S. Lucia a Piazza Matteotti: artigianato sul filo prezioso dei ricordi”; e di sabato 5 ottobre in concomitanza con la prima edizione di ViWine (Festival del Vino) “Da Ponte San Paolo a Ponte San Michele: storie di acque e di artigianato”.

Per informazioni, dettagli e iscrizioni basta consultare il sito www.viart.it