• Home
  • News
  • Prima pagina News
  • Accordo per l’applicazione in Veneto del protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro sottoscritto a Roma

Accordo per l’applicazione in Veneto del protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro sottoscritto a Roma

14 marzo 2020

Il presidente di Confartigianato Imprese Veneto, Agostino Bonomo, esprime soddisfazione per la definizione del Protocollo nazionale di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro, linee guida nazionali condivise con il Governo nella persona del premier Giuseppe Conte in videoconferenza e che nella serata del 14 marzo sono state tempestivamente recepite in uno specifico accordo regionale tra la Regione del Veneto, le altre parti datoriali e CGIL, CISL, UIL.

“Con il protocollo che il sistema Confartigianato ha condiviso con le parti sociali oggi gli artigiani e le micro e piccole imprese hanno uno strumento operativo con il quale confermano, rafforzandolo ulteriormente, l’impegno ad assicurare, anche in questa grave emergenza, la sicurezza e la salute dei lavoratori e degli imprenditori, consentendo la prosecuzione dell’attività produttiva”. Questo il commento del presidente Bonomo, che conclude: “Il Protocollo nell’attuazione veneta valorizza il ruolo dei nostri organismi paritetici (COBIS, CPR) e riconosce il ruolo e le peculiarità degli artigiani e delle micro e piccole imprese responsabilmente impegnati a fronteggiare l’emergenza sanitaria. Abbiamo evitato l’imposizione di nuovi e gravosi adempimenti a carico delle imprese, valorizzando il nostro sistema di relazioni sindacali e di organismi territoriali per la sicurezza per un efficace contenimento della diffusione del virus certi che la prosecuzione delle attività produttive può avvenire solo in presenza di condizioni che assicurino inderogabilmente la salute e la sicurezza dei lavoratori”.