A Villa Fabris arrivano da tutta Italia e dall’estero per imparare le tecniche antiche e aggiornarsi su nuovi trattamenti per il restauro. Costretti a replicare per le numerose richieste.

É venuto dall’Australia con il proprio figlio apprendista per poter imparare la tecnica della pittura decorativa proposta dal Centro Europeo per i Mestieri del Patrimonio di Villa Fabris.
Mark Stanford, un qualificato artigiano di Bronte, una cittadina a pochi chilometri da Sidney, ha percorso oltre 14 mila kilometri per poter partecipare ad un corso personalizzato (one to one) di tre giorni studiato appositamente dalla docente del Centro Europeo, Umberta Trevelin, a dimostrazione di quanto siano riconosciuti, a livello internazionale, i laboratori di restauro e conservazione del patrimonio architettonico di Villa Fabris.
La scelta formativa del Centro Europeo di personalizzare i corsi sta incontrando interesse da parte degli operatori tanto che, anche in questi giorni, i laboratori di Villa Fabris stanno ospitando, sotto la guida del maestro artigiano veneziano, Giuseppe Trolese, tre professionisti del settore, una valdostana, un emiliano ed un francese, per un corso intensivo di tre giorni sul marmorino veneziano.

E tutto questo alla vigilia di un workshop che ha riscosso un interesse al di sopra di ogni aspettativa e che il Centro Europeo ha dovuto replicare per ulteriori due edizioni. La restauratrice palermitana Ambra Giordano, allieva del prof. Paolo Cremonesi, sarà infatti a Villa Fabris il prossimo 11 e 12 ottobre per presentare un’innovativa procedura di utilizzo del gelificante naturale agar che, oltre ad essere usato in cucina e in agricoltura, può trovare ora impiego anche nel campo del restauro. Una scoperta interessantissima e che la Casa editrice Il Prato di Padova ha raccolto in una pubblicazione che sarà consegnata a tutti i partecipanti.
Un workshop molto atteso e che ha visto l’adesione di una sessantina di operatori del settore provenienti da tutta Italia, America, Svizzera e Spagna e che ha costretto il Centro Europeo per i Mestieri del Patrimonio a programmare una seconda edizione del workshop per il 22 e 23 novembre ed una terza per il 6 e 7 dicembre.
La conclusione dell‘esperienza quarantennale dei corsi trimestrali per la conservazione del patrimonio architettonico, dovuta al venir meno delle borse di studio rilasciate dai principali Paesi Europei, non ha quindi cambiato la vocazione formativa internazionale di Villa Fabris che sta invece affermandosi sempre più come il luogo ideale in cui far crescere e dare spazi a quanti hanno un’attenzione particolare ai bisogni del territorio, in particolare a quelli culturali, artistici e nel campo dell’innovazione tecnologica.