A Koinè domenica 17 un convegno di studio sui Beni Culturali a carattere religioso promosso dal Tavolo di Coordinamento per la Tutela e la Valorizzazione degli Edifici di Culto

É risaputo come il nostro territorio sia ricco di beni culturali di interesse religioso. In Italia esistono circa settantamila luoghi di culto. Un patrimonio che rischia però di non avere più le risorse necessarie per una sua tutela, conservazione e restauro.
Per questo, da qualche anno, si è costituito nella nostra provincia di Vicenza il Tavolo di coordinamento per la tutela e la valorizzazione degli edifici di culto, un organismo formato da Confartigianato Vicenza, Confartigianato Imprese Veneto, Ufficio Beni culturali ecclesiastici della diocesi di Vicenza, Engim Veneto, Fondazione Villa Fabris di Thiene e il settimanale diocesano la Voce dei Berici con lo scopo di ricercare nuovi strumenti finanziari in grado di rispondere agli innumerevoli interventi necessari per non disperdere questo ricco patrimonio.
Per fare il punto della situazione, il Tavolo ha promosso, nell’ambito della manifestazione Koinè, che si terrà a Vicenza dal 16 al 18 febbraio, il Convegno di studio “Le chiese dei nostri paesi e delle nostre città: un patrimonio per tutti”, tema che sarà sviluppato da Flavio Albanese, architetto autodidatta, designer, collezionista d’arte contemporanea, già direttore della prestigiosa rivista di architettura Domus.
Il famoso architetto vicentino raccoglierà anche le provocazioni che arriveranno dall’Incaricato Unico per i Beni Culturali Ecclesiastici e l’Edilizia di Culto della Conferenza Episcopale Triveneta, don Gianmatteo Caputo, che presenterà lo stato di fatto dei beni culturali delle chiese del Triveneto e dalla Presidente della FEMP (Federazione Europea per i Mestieri del Patrimonio), Stefania Barsoni, che porterà invece l’esperienza di come i beni ecclesiastici vengono valorizzati nell’ambito del Regno Unito.
Il Convegno di domenica 17 febbraio intende anche chiamare in causa la politica e per questo, oltre al saluto della parlamentare On. Maria Cristina Caretta, l’On. Erik Pretto, componente la commissione Bilancio della Camera dei deputati, riferirà delle recenti azioni legislative attuate per poter introdurre l’art bonus anche per il sostegno dei beni culturali a carattere religioso.
Alberto Finozzi, presidente provinciale e regionale categoria Restauro e arti Varie di Confartigianato, e Renato Grotto, Responsabile Area Categorie e Mercato della stessa Organizzazione regionale, cercheranno di richiamare l’attenzione sulle ricadute che la recente pubblicazione dell’albo nazionale dei restauratori avrà sul territorio nonché su quelli che potrebbero essere gli strumenti normativi nazionali e regionali in grado di dare nuovo impulso al settore. Modererà il Convegno il direttore del settimanale diocesano La Voce dei Berici, Lauro Paoletto, mentre i saluti ai partecipanti saranno portati dal presidente provinciale e regionale di Confartigianato Agostino Bonomo, dal Vescovo di Vicenza Mons. Beniamino Pizziol, dal presidente del Consiglio regionale del Veneto Roberto Ciambetti, dal direttore della Soprintendenza di Verona Fabrizio Magani e dal direttore dell’Ufficio Beni culturali della Conferenza Episcopale Italiana don Valerio Pennasso.
L’ingresso al Convegno, che inizierà alle ore 15,00, è gratuito previa registrazione on line sul sito della manifestazione Koinè.