Ucraina: a Schio la solidarietà trova spazio anche in azienda

Ogni tanto capita che tutte le caselle vadano al loro posto e che, da una situazione drammatica, ne esca una bella storia. Che vale la pena di raccontare.

I luoghi di questa vicenda sono Schio e Kiev: l’una con un’importante storia industriale alle spalle e tante imprese alla ricerca di personale qualificato, l’altra una capitale lontana che la guerra ci ha fatto conoscere e da dove tante donne e giovani sono fuggiti. I protagonisti sono la ditta D.G.TALE, che si occupa di automazione industriale ed è guidata da Matteo Dalla Vecchia, 33 anni, e Mariia Bilousova, ingegnere ucraina di 26 anni. Matteo e Mariia erano venuti in contatto nel dicembre 2021, quando l’imprenditore cercava personale con profili ben definiti da inserire in azienda. Poi la guerra ha accelerato gli eventi, e alla necessità dell’azienda artigiana si è sovrapposto uno slancio di solidarietà. Così Mariia, che già conosceva la realtà scledense attraverso il Progetto Chernobyl, oggi è in forza alla D.G.TALE, grazie anche all’aiuto di Confartigianato Vicenza nel disbrigo delle pratiche del caso.

Quella di Mariia e della D.G.TALE. è una vicenda che si presta a più interpretazioni, comprese alcune piuttosto discutibili apparse sui social quando i media hanno riportato la notizia. Sta di fatto invece che una giovane di 26 anni, laureata, con una specializzazione e, vale la pena di ricordarlo, già occupata, si è trovata da un giorno all’altro a dover fuggire con pochi effetti personali lasciando lavoro, casa e amici. La giovane racconta infatti che la mattina del 24 febbraio appena sveglia ha notato nel cellulare un numero piuttosto consistente di messaggi di amici e conoscenti che la invitavano a stare a casa. Poi ha capito. Nei giorni successivi ha tentato di rimanere nella sua città, ma la situazione diventava, come tutti abbiamo letto e visto, via via più pericolosa e drammatica. La paura e la preoccupazione a quel punto hanno avuto il sopravvento e Mariia, con computer e documenti, ha iniziato il suo lungo viaggio che, dopo una nottata nella metro cittadina, dopo un lungo viaggio fino a Leopoli e poi in Polonia fino a raggiungere l’aeroporto per arrivare in Italia, l’ha riportata a Schio, un luogo che già conosceva.
Dal canto suo il titolare della D.G.TALE, saputo degli eventi a Kiev, si è messo in contatto con la giovane e, con il supporto dell’Ufficio Personale di Confartigianato Vicenza, ha provveduto a tutte le pratiche necessarie, tra cui la conversione dei titoli di studio, per fornire Mariia la regolarizzazione del soggiorno legato all’emergenza e quindi assumerla regolarmente.
“Ero già stata a Schio da piccola e Matteo l’avevo conosciuto a dicembre – racconta la giovane -. Quando la situazione nella mia città è diventata insostenibile, non ci ho pensato due volte e sono partita. Ora sono qui, lavoro, mi trovo bene”. 

“Mariia – spiega Matteo Dalla Vecchia – ha chiesto di partire dalla gavetta, mentre a Kiev dirigeva una squadra di lavoratori; dice che preferisce iniziare dal basso per capire bene la produzione, eppure è un ingegnere e avrebbe potuto avanzare altre pretese. Un bell’esempio di voglia di imparare, di umiltà, di quella ‘fame’ che anche la nostra terra ha conosciuto negli anni del cosiddetto ‘miracolo del Nord Est’. Peccato che oggi di quella fatica e di quello spirito di sacrificio si sia quasi persa la memoria”. 
La D.G.TALE occupa una trentina di persone, età media 25 anni, con qualifiche ben specifiche, e il lavoro non manca: “Aver fatto entrare Mariia nella squadra della nostra azienda – aggiunge Matteo – non è solo un gesto di solidarietà; avevamo avuto già dei contatti, perché la nostra azienda ha bisogno di alcune competenze e professionalità. Qualche volta abbiamo difficoltà a trovarle, altre volte i più bravi decidono di intraprendere altre esperienze”.
Di sicuro per Mariia, ospitata dalla stessa famiglia che la accolse tanti anni fa, il fatto di avere una casa, un luogo in cui riconoscersi per le proprie capacità e la possibilità di un futuro, non sono cose così scontate.

Articolo aggiornato al 27 maggio 2022

Contatta il Servizio Stranieri di Confartigianato Vicenza per maggiori informazioni

    Nome e Cognome *

    Email *

    Cell *

    Oggetto della richiesta *

    Il tuo messaggio *

    Inviando questo form, acconsento al trattamento della privacy e mi impegno a leggere tutte le condizioni di questo sito, indicate nella pagina web privacy.


    CONFARTIGIANATO IMPRESE VICENZA | Via Enrico Fermi,134 - 36100 Vicenza (Italia) | C.F. 80002410241 | REA VI-226266 | Tel. 0444.392300 | Fax 0444.961003 | Email: info@confartigianatovicenza.it | Pec: direzione.generale@artigiani.vi.legalmail.it | Privacy Policy | Cookie Policy | Informativa Privacy Infragruppo | Contenuti essenziali accordi di contitolarità | Copyright © FAIV