• Home
  • News
  • Confartigianato
  • TAXI E NOLEGGIO: L’ASSESSORE VENETO CHISSO RISPONDE ALLA SOLLECITAZIONE DI CONFARTIGIANATO

TAXI E NOLEGGIO: L’ASSESSORE VENETO CHISSO RISPONDE ALLA SOLLECITAZIONE DI CONFARTIGIANATO

Sempre di più le imprese regolari nel settore taxi e noleggio, rappresentate a livello veneto rispettivamente da Alessandro Nordio e Mauro Giovanni Beccherle, sono messe in difficoltà da norme di difficile applicazione e alla carenza di controlli. Si pone il problema di arginare un consistente fenomeno di abusivismo derivante dal non rispetto delle regole da parte degli operatori ma anche dei cittadini. Per questo Confartigianato del Veneto ha scritto all’Ass. Regionale Reanto Chisso, che rispondendo alla sollecitazione ha programmato per il rientro dalle ferie, il 3 settembre, un incontro presso la direzione regionale Trasporti.

Quattro le situazioni limite messe in evidenza nella missiva per le quali la Confartigianato del Veneto chiede interventi non più procrastinabili.

  • Situazione 1: operatori (HISAR -GOOPTI) di altri paesi della CE con auto e furgoni 9 posti compreso il conducente, che stazionano quotidianamente di fronte la stazione FFSS Mestre, Porto Crociere di Venezia e l’aeroporto M. Polo che si procacciano servizi in stazionamento su luogo pubblico, senza lettera di incarico e senza rimessa nel territorio del comune che rilascia la autorizzazione. In mancanza di norme comunitarie si chiede di verificare il rispetto delle norme nazionali (legge 21/92 e s.m.i., legge regionale 22/96, regolamento comunale, CdS compreso).
  • Situazione 2: utilizzo (a titolo gratuito e a titolo oneroso) di auto ad uso proprio trasporto persone da parte di soggetti persone giuridiche che svolgono altra attività commerciale/imprenditoriale: alberghi, manifestazioni culturali, fiere, ristoranti, discoteche ecc. Come è noto il servizio di trasporto a titolo oneroso da parte di questi soggetti è sanzionato. Avviene però che detto servizio è ceduto a titolo gratuito come benefit contemplato in altra prestazione soggetta a fattura. La fattispecie va adeguatamente disciplinata così come, per esempio, è stato normato il servizio di ambulanze e veicoli trasporto disabili dal DGR novembre 1998 della Regione Veneto.
  • Situazione 3: Persone fisiche, più volte oggetto di segnalazioni che hanno anche prodotto provvedimenti dell’autorità giudiziaria, le quali senza titolo amministrativo ( licenza/autorizzazione) o incarico (mancanza di titolo di viaggio specifico o motivo di cura famigliare/personale), stazionano quotidianamente in luoghi pubblici di interscambio modale (stazioni FFSS di Padova, Mestre, Verona, Aeroporto di Venezia) offrendo servizi di trasporto. Si tratta di abusivi totali privi di titolo professionale (patenti ed abilitazioni specifiche), requisiti di accesso al mercato, senza garanzia finanziaria (RCA auto doppio del minimo e idoneità finanziaria con fidejussione), idoneità morale (precedenti penali), requisito di stabilimento, di documento di regolarità contributiva e fiscale DURC, di regolarità tecnica dei veicoli prevista dal C.d.S. (visita e prova annuale ad esempio e controllo fumi).
  • Situazione 4: Utilizzo di forme pubblicitarie e commerciali ingannevoli a danno delle micro imprese in contrasto con quanto previsto dal D.L. 1/2012 art. 7.

CONFARTIGIANATO IMPRESE VICENZA | Via Enrico Fermi,134 - 36100 Vicenza (Italia) | C.F. 80002410241 | REA VI-226266 | Tel. 0444.392300 | Fax 0444.961003 | Email: info@confartigianatovicenza.it | Pec: direzione.generale@artigiani.vi.legalmail.it | Privacy Policy | Cookie Policy | Informativa Privacy Infragruppo | Contenuti essenziali accordi di contitolarità | Copyright © FAIV