Superbonus 110%, come agire? Risponde Confartigianato

Creata una struttura per garantire una gestione semplice, conveniente e sicura della detrazione d’imposta.

Riqualificazione edilizia e interventi di miglioramento energetico degli edifici: mai come adesso il discorso si fa interessante, grazie alla prevista detrazione d’imposta. Il Superbonus 110% è infatti una delle misure economiche di maggiore importanza e interesse per le imprese e per i cittadini, specie in questo momento di difficoltà generalizzata causata della pandemia.

Com’è noto, il Bonus Casa che prevede la detrazione d’imposta per gli interventi di miglioramento agli edifici è una misura importante, che interessa sia le imprese operanti nel settore edile e nella filiera collegata, sia tutti noi come cittadini.

Qual è la tipologia prevista per i lavori da effettuare sulle abitazioni familiari e sui condomìni? È divisa in due voci. La prima voce è quella definita degli “Interventi trainanti” e “Interventi trainati”.

Eccoli nel dettaglio.
Tra gli “Interventi trainanti”

  • Riqualificazione energetica e isolamento termico; 
  • Sostituzione degli impianti di climatizzazione; 
  • Riduzione del rischio sismico.

La seconda voce comprende i cosiddetti “Interventi trainati”, cioè:

  • Installazione di impianti fotovoltaici;
  • Sostituzione di infissi;
  • Colonnine di ricarica per i veicoli elettrici.

Se questi sono gli interventi previsti, come si può gestire la detrazione d’imposta? Sono previste tre modalità, ovvero:

  • Detrarre l’investimento in cinque rate annue;
  • Ricevere uno sconto in fattura;
  • Trasformare la detrazione in credito d’imposta, ad esempio cedendo il credito a Confartigianato e risparmiando fino all’intero investimento.

Proprio in quest’ultima fattispecie Confartigianato Imprese Vicenza ha pensato ad una soluzione che sia conveniente e sicura per le imprese che operano nel Settore Casa. Vediamo come, riassumendo la procedura in sei mosse.

  1. Gli specialisti di Confartigianato redigono il progetto tecnico fiscale per i clienti delle imprese associate (diagnosi energetica, verifica catastale, valutazione fiscale, check-up finanziario, preventivo di spesa), il cosiddetto Dossier Casa.
  2. Il cliente approva il progetto e il preventivo di spesa.
  3. Confartigianato individua il team di professionisti che realizza il progetto esecutivo e affida i lavori alle imprese specializzate del territorio (Imprese Edili, Impiantisti Termoidraulici, Elettricisti, Serramentisti e così via).
  4. Confartigianato avvia e gestisce l’iter burocratico per maturare il credito d’imposta.
  5. Confartigianato acquista il credito d’imposta e paga direttamente dove possibile le imprese e i professionisti coinvolti.
  6. Confartigianato supervisiona e assicura il buon esito dell’intero progetto, compreso il visto di conformità.

In tutto questo, Confartigianato garantisce: la sicurezza di un partner affidabile e solido; le sue competenze uniche in campo amministrativo, legale, fiscale e assicurativo; l’offerta di consulenze specifiche e mirate all’ottenimento dei benefici fiscali in funzione delle esigenze degli interessati; la funzione di interlocutore unico come “general contractor” per tutti gli interventi e per le pratiche burocratiche; il sostegno alle aziende del territorio e all’economia locale.

Si chiama “Confartigianato Vicenza Bonus Casa Srl” la task-force messa in campo dall’associazione provinciale, con i suoi partner Fidi Nordest, Faiv e Confartigianato Persone.

Il consiglio rivolto a tutte le aziende del sistema casa interessate è quello di prenotare un incontro illustrativo, rivolgendosi ai vari sportelli Punto Impresa di Confartigianato nelle sue varie sedi territoriali.

Sul Superbonus 110% il presidente di Confartigianato Imprese Vicenza, Gianluca Cavion, ha scritto ai sindaci di tutta la provincia di Vicenza per invitarli a sveltire le pratiche.