Sondaggio: gli artigiani veneti e i primi 4 mesi di governo Renzi

Palazzo Chigi a Roma

L’Ufficio studi di Confartigianato Imprese Veneto, nell’ambito semestrale Osservatorio congiunturale sull’artigianato e la piccola impresa nel Veneto con cui intervista 807 imprese con meno di 9 addetti, ha inserito un focus specifico per misurare la fiducia sui primi 4 mesi del Governo Renzi.

Dopo 4 mesi di lavoro, tre artigiani veneti su dieci danno ancora un certo grado di fiducia al Presidente del Consiglio Renzi. Un risultato non lontano da quello inaspettato 34% di consenso registrato nel nostro specifico sondaggio per le votazioni europee di fine maggio e soprattutto molto indicativo dato che si riferisce al lavoro svolto qui e non nella “lontana” UE.
«Attenzione, non è tutto oro ciò che luccica – dichiara il presidente Giuseppe Sbalchiero- e il Governo deve rendersi conto che la nostra fiducia è a termine. Se infatti il 30% dei rispondenti è ancora fiducioso, è anche vero che la quota maggioritaria pari quasi alla metà si esprime per dare poca fiducia. Molto probabilmente sono in attesa di prendere tempo e vedere come opererà il governo. In ogni caso il saldo tra chi attribuisce un certo grado di fiducia e chi non da nessun credito all’attività del Governo è nettamente a favore del primo gruppo».
«Il giudizio varia, anche di molto, tra i diversi settori e soprattutto nelle diverse provincie – prosegue il presidente -. Ad esempio, le differenze più evidenti per settore si vedono tra i servizi alla persona, dove la fiducia è più alta pari al 36%, rispetto i servizi alle imprese che raggiunge il valore più basso pari al 25%. Più marcata è la differenziazione per provincia. A Rovigo si raggiunge il livello più alto con il 40%, seguita da Belluno e Padova. Il minimo si registra a Treviso con il 25% di consensi e il 30% di totale mancanza di fiducia».
Ma è sul giudizio dell’operato concreto del Governo e sui singoli provvedimenti che emerge la bacchettata all’Esecutivo per la scarsa incisività nelle riforme.
«Il Governo – spiega Sbalchiero – viene promosso per tutti quei provvedimenti che hanno in qualche modo risposto alle nostre sollecitazioni e denunce (taglio dell’Irap; riduzione del costo dell’energia; sblocco del pagamento dei debiti della PA; abolizione del SISTRI; bonus fiscale di 80 euro in busta paga e spending review della pubblica amministrazione). La riforma del lavoro (Job Act), forse perché ancora un po’ nebulosa nei contenuti, fa da spartiacque con i giudizi equamente divisi tra positivi e negativi. Ma è sulle riforme vere, quelle sulla tassazione eccessiva, la burocrazia e gli eccessivi costi della politica che il Governo viene sonoramente bocciato. Troppi annunci – conclude Sbalchiero – e pochi fatti. Settembre è alle porte e con esso la ripresa del lavoro (per chi ce l’ha). Lo scenario internazionale, tra embarghi e “locomotive” che rallentano, non è dei più rosei, speriamo almeno in novità dall’interno».   

NOTA METODOLOGICA
Il focus sula fiducia sui primi 4 mesi del Governo Renzi è stato realizzato all’interno dell’Osservatorio congiunturale sull’artigianato e la piccola impresa nel Veneto ed è stato condotto dall’ufficio Comunicazione&Studi della Confartigianato del Veneto. L’indagine è stata condotta tra il 1 e il 22 luglio dalla società Questlab s.r.l. utilizzando la tecnica del mixed-mode-interviewing (CAWI, CATI, Fax). Il campione casuale (807 imprese con meno di 9 addetti) è di tipo proporzionale rispetto ai quattro settori (manifatturiero, edilizia, servizi alle imprese e servizi alla persona) e alla provincia di riferimento.


CONFARTIGIANATO IMPRESE VICENZA | Via Enrico Fermi,134 - 36100 Vicenza (Italia) | C.F. 80002410241 | REA VI-226266 | Tel. 0444.392300 | Fax 0444.961003 | Email: info@confartigianatovicenza.it | Pec: direzione.generale@artigiani.vi.legalmail.it | Privacy Policy | Cookie Policy | Informativa Privacy Infragruppo | Contenuti essenziali accordi di contitolarità | Copyright © FAIV