Il settore moda diventa sempre più sostenibile

Le riflessioni emerse da un progetto realizzato con l’Università di Padova mostrano che la nuova sfida è anche una opportunità.

Le PMI sempre più sono chiamate a garantire da un lato la sostenibilità economico-finanziaria delle loro attività, dall’altro quella ambientale e sociale, integrando entrambe le dimensioni all’interno dei loro processi. In questo contesto, anche il settore della Moda è sempre più sollecitato ad adottare un approccio di business più sostenibile, mentre deve far fronte all’impatto dei numerosi adempimenti legati alla produzione, alla gestione e allo smaltimento degli scarti di lavorazione. Sono stati questi i temi al centro del webinar “Sostenibilità ambientale e sociale nel comparto Moda: la rivoluzione inizia dalle PMI”, promosso da Confartigianato Imprese Vicenza con l’obiettivo di analizzare gli impatti ambientali della catena del valore del comparto Moda e di avanzare proposte a supporto alle imprese, anche con gli scambi di buone pratiche.
L’incontro è stato il momento finale di un progetto promosso da Confartigianato Vicenza e Università degli Studi di Padova (Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali) con il contributo di Ebav, e con la finalità di accrescere la consapevolezza delle PMI del comparto Moda in tema di sostenibilità e, quindi, studiare azioni concrete di supporto alle imprese del settore.

Luca Bortolotto, Presidente della Categoria Abbigliamento e Accessori di Confartigianato Vicenza (che comprende 1.059 imprese, per un totale di 5.317 addetti), ha aperto l’incontro ricordando l’impegno dell’associazione nell’interpretare i cambiamenti in atto a livello ambientale e sociale, traducendoli in proposte a misura di imprese per accompagnarle nel loro percorso di transizione verso modelli più sostenibili.

La ricerca

La prof.ssa Valentina De Marchi dell’Università di Padova ha illustrato i risultati del progetto, realizzato con Carolina De Leo, nel quale è riportata la “fotografia” attuale della catena di valore del comparto Moda vicentino, le sue potenzialità di riposizionamento e l’identificazione di buone pratiche in linea con le specificità delle piccole imprese del territorio. Nello studio sono state prese in esame le diverse fasi di lavorazione, considerando per ognuna di esse l’impatto ambientale, inteso sia come emissioni inquinanti che risorse utilizzate, e le aree di miglioramento. Non è mancato un passaggio sull’uso quotidiano dei capi (lavaggio, stiratura e asciugatura) e al loro smaltimento, due fasi altrettanto importanti. 

Ulteriori elementi di riflessione sono emersi durante la tavola rotonda, moderata dalla stessa prof. De Marchi, a cui hanno preso parte Riccardo Barbato, titolare dell’azienda “La Pony Confezioni S.a.s.”, Michela Fontana di “Nazena S.r.l.” che recupera gli scarti di lavorazione (evitando alle imprese i costi dello smaltimento rifiuti) per trasformarli in nuovi prodotti, e Vanessa Cento di “Quid Impresa Sociale” che, nel creare collezioni uniche con le eccedenze delle industrie tessili, contribuisce a dare occupazione a persone con storie di passate fragilità. I tre testimonial hanno quindi ben hanno rappresentato quella nuova ‘catena di valore’ che può nascere da un impegno verso la sostenibilità, suscitando curiosità e interesse tra il pubblico anche in un’ottica di buone pratiche da replicare.

Le riflessioni

Ma quali sono le principali sfide e opportunità per le PMI della Moda nel loro percorso di transizione verso modelli di business più sostenibili?I relatori ospiti si sono dimostrati tutti concordi sul fatto che il mutamento delle condizioni di mercato, accelerato dalla pandemia, richiede un rapido adattamento dell’attuale modello di business verso uno più sostenibile e “demand-driven” che sappia ricalibrare l’equazione volumi-profitti, anche alla luce di una rinnovata sensibilità del consumatore verso prodotti più rispettosi dell’ambiente e del benessere dei lavoratori dell’intera filiera. “La sostenibilità è un percorso lungo che va fatto passo passo – ha commentato Barbato -, si tratta di una strada segnata che le imprese devono intraprendere per rimanere sul mercato”.

Il ruolo di Confartigianato

Gli imprenditori coinvolti nel dibattito hanno condiviso la propria esperienza sul tema Sostenibilità ed Economia Circolare, tutti d’accordo nel rilevare che, nonostante le difficoltà provenienti dall’adattamento a numerosi protocolli e certificazioni, oggi la sostenibilità può e dev’essere considerata anche dalle imprese artigiane sempre più una leva competitiva e un investimento in grado di portare benefici, economici e sociali, sul medio periodo. Come è stato rilevato nel corso dell’incontro, la sostenibilità genera anche valore condiviso sul territorio, una ricaduta sulle comunità che da sempre sono il punto di riferimento e di arrivo del mondo artigiano. 

Il territorio vicentino, come ha spiegato la prof.ssa De Marchi, ha tutte le carte in regola, considerato che è leader nella produzione di macchinari, ha una rete del Terzo Settore ben articolata, ha soggetti di ricerca come le Università e forti “corpi intermedi”, come Confartigianato, in grado di fare massa critica anche nei confronti dei vari interlocutori della catena politica-decisionale.
E difatti Confartigianato Vicenza è al fianco delle imprese, con servizi qualificati, nell’accompagnarle verso modelli di business più sostenibili, mettendo in campo tutte le competenze necessarie, partendo dall’intercettare le risorse stanziate dal PNRR per lo sviluppo sostenibile del tessuto economico del Paese.

Se sei un’impresa del settore moda e hai bisogno di maggiori informazioni, compila il form di seguito

    Nome e Cognome *

    Email *

    Cell *

    Il tuo messaggio *

    Inviando questo form, acconsento al trattamento della privacy e mi impegno a leggere tutte le condizioni di questo sito, indicate nella pagina web privacy.


    CONFARTIGIANATO IMPRESE VICENZA | Via Enrico Fermi,134 - 36100 Vicenza (Italia) | C.F. 80002410241 | REA VI-226266 | Tel. 0444.392300 | Fax 0444.961003 | Email: info@confartigianatovicenza.it | Pec: direzione.generale@artigiani.vi.legalmail.it | Privacy Policy | Cookie Policy | Informativa Privacy Infragruppo | Contenuti essenziali accordi di contitolarità | Copyright © FAIV