• Home
  • News
  • Confartigianato
  • ROGO DI PRATO. GIANLUCA FASCINA, CONFARTIGIANATO VENETO MODA: «BENE PIÙ CONTROLLI, MA SERVONO NORME PIÙ INCISIVE»

ROGO DI PRATO. GIANLUCA FASCINA, CONFARTIGIANATO VENETO MODA: «BENE PIÙ CONTROLLI, MA SERVONO NORME PIÙ INCISIVE»

Panorama di Prato. Foto di Massimiliano Galardi

Il presidente della Federazione Moda di Confartigianato Imprese Veneto Gianluca Fascina ripropone quattro “innovazioni normative” al Governo a fronte della tragedia di Prato in cui sono morti sette lavoratori di un laboratorio tessile cinese.

«Verifica sistematica della regolarità contributiva e fiscale dell’impresa o della regolarità del dipendente che effettua il versamento, prima del trasferimento di denaro all’estero tramite Money Transfer; introdurre la responsabilità solidale dei committenti qualora ne venisse dimostrato, in maniera incontrovertibile, il legame di lavoro (ordini, fatture, bolle di accompagnamento); prevedere la distruzione del materiale sequestrato e diffondere la cultura del controllo, applicata con successo in Veneto, su tutto il territorio considerata la natura nazionale del fenomeno e la sua facile mobilità».
«Trovo francamente molto triste –prosegue Fascina- che solo ora, di fronte alla morte di alcuni innocenti, ci siano le forti prese di posizione del Capo dello Stato, dei sindacati dei lavoratori, di Ministri e politici vari. Il fenomeno è noto da tempo e sono almeno tre anni che dal Veneto noi contoterzisti della Confartigianato denunciamo un vero e proprio assalto al manifatturiero. Un effetto sostituzione che denuncia, nei fatti, che non manca il lavoro ma la disponibilità a riconoscere un giusto prezzo. La ricerca del massimo risparmio – ricordiamolo in barba ai contratti, alle basilari regole di rispetto del lavoro, della sicurezza e dell’ambiente – è un fenomeno che  sta facendo letteralmente esplodere il ricorso ai contoterzisti cinesi anche in lavorazioni molto specializzate come per la calzatura d’alta moda della Riviera del Brenta».
Da oltre quattro anni il problema è stato portato alla attenzione dell’opinione pubblica. Sono stati fatti documenti poi presentati a tutti i Prefetti del Veneto con la richiesta di maggiore coordinamento tra le forze di polizia e con i vari enti preposti: Spisal, Inps etc. Sono stati promossi tavoli tecnici e incontri specifici di collaborazione con la Guardia di Finanza per i dettagli operativi ed il supporto alla verifica e controllo dei laboratori clandestini.


CONFARTIGIANATO IMPRESE VICENZA | Via Enrico Fermi,134 - 36100 Vicenza (Italia) | C.F. 80002410241 | REA VI-226266 | Tel. 0444.392300 | Fax 0444.961003 | Email: info@confartigianatovicenza.it | Pec: direzione.generale@artigiani.vi.legalmail.it | Privacy Policy | Cookie Policy | Informativa Privacy Infragruppo | Contenuti essenziali accordi di contitolarità | Copyright © FAIV