Palestra d’Impresa: il 21 marzo a Vicenza appuntamento con “Business Game sui processi snelli”

Leonardo Buzzavo

Il Mandamento di Vicenza, il Sistema Produzione, il Sistema Mobilità in collaborazione con la Camera di Commercio di Vicenza, organizzano l’incontro formativo, a numero chiuso, di Palestra d’Impresa “Business Game sui processi snelli”, in programma sabato 21 marzo dalle 9 alle 13.30 al Centro Congressi di Confartigianato Vicenza, in E. Fermi, 201. Il tutto sarà condotto dal prof. Leonardo Buzzavo, docente di Imprenditorialità e Strategie d’impresa al Dipartimento di Management dell’Università Ca’ Foscari Venezia.

Leonardo Buzzavo è delegato del Rettore alla valorizzazione del nome, della storia e degli spazi di Ca’ Foscari. Per Fondazione Ca’ Foscari è componente dell’Innovation Board, direttore della Ca’ Foscari Digital Week, coordinatore del Contamination Lab in collaborazione con H-FARM, presidente e C.E.O. di Quintegia.

La partecipazione è consentita a un numero massimo di 17 persone; per partecipare ci si può iscrivere tramite questo modulo elettronico

Un “business game” rappresenta un’esperienza da vivere in prima persona e in gruppo (con le proprie mani e con la propria testa) capace di far vedere le cose in modo diverso. Perché un conto è ascoltare qualcuno che parla in aula, essere coinvolti direttamente è tutt’altra cosa.
Il business game sui processi snelli, rappresenta una modalità di apprendimento di tipo esperienziale finalizzata a stimolare un nuovo modo di guardare e organizzare le attività all’interno dell’azienda. Ciò si manifesta incrociando i principi alla base del pensiero snello (lean thinking) con la propria esperienza lavorativa quotidiana. Si tratta di una vera e propria “palestra”: la giornata favorisce, attraverso un’esperienza particolarmente intensa sul piano sia individuale che di gruppo con modalità di gioco di ruolo, l’acquisizione di nuovi punti di vista e la generazione di idee, stimolando quindi un diverso modo di pensare/vedere applicabile all’interno del proprio ambiente lavorativo, riuscendo così a individuare alcune leve utili per acquisire maggiore efficienza ed efficacia.
I temi chiave del game sono i principi della produzione snella e del pensiero snello, che derivano dall’impostazione del sistema di produzione Toyota che ha rivoluzionato il modo di organizzare i processi nelle aziende e che ancora oggi propone insegnamenti utili, che vengono applicati non solo a aziende manifatturiere ma anche a aziende di servizi e perfino nel settore pubblico come ad esempio negli ospedali. I partecipanti al business game sono guidati nell’identificazione e nell’analisi:   

  • degli sprechi dei ruoli di ciascun componente del team di lavoro e delle interdipendenze;

  • dell’importanza della visibilità del flusso di valore in un processo e della formazione ragionando sui benefici che la produzione e il processo snello comportano a livello di efficienza, qualità, flessibilità e orientamento al cliente.

Il business game fa assorbire i concetti chiave nella gestione di processi e progetti ovvero distinguere le attività a valore aggiunto da quelle che non lo sono, riflettendo su come ogni ruolo aggiunge o meno valore e come si integra con quello degli altri. Il game stimola a ragionare in termini di “valore per il cliente finale” piuttosto che con una logica solo interna alla nostra azienda. Il game stimola a definire pochi indicatori chiari su cui operare e a dare visibilità al flusso di valore.