Nuove imprese a tasso zero: un’opportunità per giovani e donne

L’agevolazione consiste in un finanziamento agevolato, della durata massima di dieci anni, affiancato da un contributo a fondo perduto.

In un’ottica di rilancio, il Ministero dello Sviluppo Economico ha introdotto alcune novità importanti: possono partecipare al bando le imprese costituite entro i 5 anni precedenti (prima erano 12 mesi) e cambia la forma di agevolazione, introducendo il fondo perduto in combinazione con il rimborso agevolato. Quanto alle cifre, per le imprese costituite da non più di 36 mesi il limite di intervento è fissato in euro 1milione e 500mila euro, per quelle costituite da 36 mesi ai 60 mesi il limite è 3 milioni di euro. Un’opportunità per giovani e donne.

La misura, che si chiama appunto “Nuove Imprese a Tasso Zero”, fa riferimento alla circolare dell’8 aprile 2021 e i termini per fare la domanda sono già aperti.
In sintesi possono accedere alle agevolazioni, come detto, le micro e piccole imprese costituite (in forma societaria) da non più di 60 mesi dalla presentazione della domanda. In queste realtà produttive, il 51%dei soci e delle quote di partecipazione sono costituiti da soggetti compresi tra i 18 e i 35 anni o da donne. Possono accedere anche i “proponenti d’impresa”, impegnandosi a costituire un’impresa entro 45 giorni dalla data di comunicazione di finanziamento da parte di Invitalia.
Quanto ai settori di intervento, vanno dalla produzione di beni nei settori dell’industria, dell’artigianato e dalla trasformazione di prodotti agricoli alla fornitura di servizi alle imprese e/o alle persone, dal commercio di beni e servizi al turismo.
Tra le spese ammesse ci sono: quelle per la ristrutturazione dell’unità produttiva (opere murarie, impianti) nel limite del 30% del totale dell’investimento; per macchinari, impianti e attrezzature nuovi di fabbrica; per programmi informatici, per servizi e tecnologie ICT; per acquisto di brevetti o licenze; per consulenze specialistiche nel limite del 5% del totale dell’investimento; per oneri notarili per la costituzione della società e per la stipula del contratto di finanziamento.
L’agevolazione consiste in un finanziamento agevolato a un tasso pari a zero, della durata massima di dieci anni, affiancato da un contributo a fondo perduto che varia: per le imprese costituite da non più di 36 mesi è del 20% sugli investimenti in macchinari/attrezzature, programmi informatici, tecnologie ICT, brevetti e licenze; per quelle costituite da più di 36 mesi e non oltre 60 mesi è del 15% sugli investimenti relativi all’acquisto di programmi informatici, tecnologie ICT, brevetti e licenze.

Per maggiori informazioni e dettagli si rinvia alla sezione InformaImpresa (dedicata a tutte le novità legislative e burocratiche) del sito di Confartigianato Imprese Vicenza. È inoltre attivo un team di esperti per supportare le imprese interessate: bandi@confartigianatovicenza.it
Altre informazioni si possono trovare sul sito di Invitalia, l’Agenzia nazionale per lo sviluppo del Ministero dell’Economia.

Compila il form per contattarci!

    Nome e Cognome *

    Email *

    Cell *

    Il tuo messaggio *

    Inviando questo form, acconsento al trattamento della privacy e mi impegno a leggere tutte le condizioni di questo sito, indicate nella pagina web privacy.


    CONFARTIGIANATO IMPRESE VICENZA | Via Enrico Fermi,134 - 36100 Vicenza (Italia) | C.F. 80002410241 | REA VI-226266 | Tel. 0444.392300 | Fax 0444.961003 | Email: info@confartigianatovicenza.it | Pec: direzione.generale@artigiani.vi.legalmail.it | Privacy Policy | Cookie Policy | Informativa Privacy Infragruppo | Contenuti essenziali accordi di contitolarità | Copyright © FAIV