• Home
  • News
  • Confartigianato
  • L’osservatorio Caem – Confartigianato testimonia la crescita dei consumi elettrici (e quindi della produzione) nelle piccole imprese

L’osservatorio Caem – Confartigianato testimonia la crescita dei consumi elettrici (e quindi della produzione) nelle piccole imprese

Secondo i dati elaborati dall’osservatorio sui consumi elettrici del CAEM, il Consorzio Acquisti Energia & Multiutility promosso da Confartigianato Vicenza, cominciano a vedersi alcuni segnali incoraggianti per le piccole imprese: il consumo di energia, infatti, è legato alla produzione. E anche se non tutti i settori evidenziano risultati positivi, dopo anni di mancata crescita dei consumi sembra che il trend stia cambiando.

Anche i dati di Veneto Congiuntura, del resto, confermano la crescita del manifatturiero nel terzo trimestre 2015, quando la produzione ha registrato un incremento dell’1,5% rispetto all’anno precedente, con un +4,5% per le microimprese. La stessa indagine evidenzia che il fatturato è aumentato dell’1,9%, trainato dal mercato estero (+2,8%) ma con una buona performance anche di quello interno (+1,5%).
Venendo all’analisi realizzata dall’osservatorio CAEM, condotta su un campione di 3.250 siti produttivi aderenti al consorzio, essa evidenzia – sempre nel terzo trimestre 2015 – un aumento dei consumi elettrici delle imprese pari a +2,9% rispetto all’anno scorso, vale a dire la crescita trimestrale più consistente osservata in cinque anni, e tale da consolidare il +1,1% del secondo trimestre.
La forte crescita dei consumi elettrici rilevata nel terzo trimestre coinvolge tutte le categorie, sia quelle dei servizi che quelle produttive. In particolare, si evidenzia un aumento dei consumi di energia nei comparti Alimentazione (+5,9%), Moda (+4,5%), Casa (+3,8%), Artigianato Artistico (+2,1%) e produzione Meccanica, Elettromeccanica, Concia, Chimica e Plastica (+1,%).
Il consorzio CAEM opera in più province, e fra queste si osservano i maggiori aumenti dei consumi elettrici a Venezia (+8,4%), Padova (+3,9%), Pordenone (+3,7%), Udine (+3,4%) e Vicenza (+2,9%).
“Tutto ciò lascia intuire – dichiara Agostino Bonomo, presidente di Confartigianato Vicenza – che una certa svolta c’è: finalmente vediamo settori che hanno aumentato i loro consumi di energia elettrica per più trimestri. Si tratta di un indicatore importante, in quanto offre un’evidenza effettiva dell’utilizzo di attrezzature e macchinari. Ovviamente, e in particolare per il manifatturiero, questi dati non sono una garanzia automatica di guadagno e, ancora di più, del rispetto del pagamento delle commesse. Però essi contengono segnali positivi per un futuro che, speriamo, sia generoso con le nostre piccole e medie imprese, dato che esse rappresentano la spina dorsale del Paese. Nel frattempo il nostro consorzio CAEM sta ottenendo per le imprese consorziate importanti risparmi. Per esempio, un’impresa alimentata in media tensione con consumi annui pari a 100.000 kWh (tipicamente una metalmeccanica con 6/7 dipendenti) rispetto alle tariffe stabilite nel servizio di salvaguardia, può risparmiare 5.800 €”.

Qui la ricerca completa


CONFARTIGIANATO IMPRESE VICENZA | Via Enrico Fermi,134 - 36100 Vicenza (Italia) | C.F. 80002410241 | REA VI-226266 | Tel. 0444.392300 | Fax 0444.961003 | Email: info@confartigianatovicenza.it | Pec: direzione.generale@artigiani.vi.legalmail.it | Privacy Policy | Cookie Policy | Informativa Privacy Infragruppo | Contenuti essenziali accordi di contitolarità | Copyright © FAIV