I RISTORATORI CONFARTIGIANATO HANNO ORGANIZZATO LA CENA D’APERTURA DEL VINITALY

I Ristoratori Confartigianato del Mandamento di Arzignano hanno realizzato  giovedì sera scorso la cena di apertura di Vinitaly, nella Cantina dei Colli Vicentini a Montecchio Maggiore, per conto del Consorzio Tutela del Vino Lessini Durello, presenti i componenti della Giunta di Confartigianato provinciale Guerrino Mazzocco, che è anche presidente mandamentale di Arzignano, Ruggero Garlani e Luigino Bari.

Ancora una volta il felice connubio tra il Consorzio del Durello e i Ristoratori Confartigianato ha trovato la giusta espressione in una serata di gala, che ha radunato i principali operatori presenti alla Fiera di Verona in occasione della prima giornata del salone internazionale del vino e dei distillati, offrendo un assaggio di tipicità vicentine e del territorio della Lessinia.
Il Durello nasce da un territorio di origine vulcanica e nelle sue declinazioni ben si sposa con molti prodotti alimentari, ancora di più in abbinamento ai piatti che hanno fatto la fortuna non solo della cucina vicentina, ma di quella veneta in generale.
Il menu della serata al PalaDurello (così è stata ribattezzata la Cantina dei Colli Vicentini ad Alte di Montecchio Maggiore in quest’occasione) ha proposto diverse varietà di vini del Consorzio. Il metodo charmat Lessini Durello Brut per l’aperitivo, in combinazione con baccalà, uova e asparagi, frittatine alle erbette spontanee; il metodo classico Spumante Lessini Durello, servito con l’antipasto di asparagi e fonduta di Burlino d’Altissimo, cui hanno fatto seguito altri piatti tipici di stagione: il risotto al tartufo nero dei Lessini, e portate a base di bruscandoli e altre erbe primaverili. A chiusura, il dessert servito con Recioto di Gambellara Docg, fiore all’occhiello tra i vini del Consorzio.
La serata è stata gestita da ristoranti che già in passato hanno dato prova di squadra durante diverse iniziative gastronomiche nel territorio: Chalet Clara (Nogarole Vicentino), Pausa a Teatro (Arzignano), Giulietta e Romeo e Villa da Porto (Montorso Vicentino).