Cosa sono i contratti di rete?

Il contratto di rete è un contratto mediante il quale due o più imprenditori s’impegnano a collaborare tra loro sulla base di un programma comune con lo scopo di aumentare la propria competitività nel mercato. Tutte le imprese possono partecipare al contratto di rete, purché siano iscritte al registro delle imprese.

Esistono due tipologie di contratti di rete:

  • Rete soggetto: ha soggettività giuridica, con una propria partita iva, ed è sottoposta a tutti gli adempimenti per le società e i consorzi. La stipula avviene normalmente dal notaio.
  • Rete contratto: non ha soggettività giuridica e nessuno degli obblighi previsti per la rete soggetto in quanto si tratta di un semplice accordo tra le parti. In questo caso, per la stipula del contratto è possibile effettuare tutte le pratiche amministrative tramite una procedura telematica con firma digitale, senza quindi recarsi dal notaio.

Quali sono i vantaggi nel costituire un contratto di rete?

In rete è possibile condividere il know-how delle singole imprese, scambiandosi informazioni, conoscenze. Inoltre, è possibile realizzare economie di scala, mettendo in comune siti produttivi, magazzini, macchinari e personale.
Il contratto di rete permette alle imprese di conservare la propria autonomia ma allo stesso tempo di far parte di organizzazione articolata che permette di affrontare il mercato con un approccio più forte.

L’Ufficio Aggregazioni e Reti di imprese offre consulenza specifica. Per maggiori informazioni scrivi a aggregazioni@confartigianatovicenza.it