Come scegliere la giusta scuola superiore?

Torna “Il talento porta lontano”, iniziativa di Confartigianato e Confindustria Vicenza dedicata a studenti, famiglie e docenti nel delicato momento di decidere il percorso di studi.

In una fase storica caratterizzata dalla ricerca da parte delle imprese di profili professionali adeguati alle loro esigenze e da giovani che sempre più, in riferimento al lavoro, guardano anche agli aspetti di conciliazione con la vita privata e familiare, l’obiettivo del progetto è quello di fornire strumenti utili ai genitori, e agli stessi ragazzi, per una scelta quanto più consapevole, che possa garantire successo e gratificazione professionale. Importante, quindi, è capire quali siano le novità sul fronte dell’offerta formativa vicentina e di un mercato del lavoro in continua evoluzione, ma anche “come” scegliere la scuola superiore più adatta alle proprie aspirazioni e talento.

Obiettivo

“L’obiettivo del “Talento porta lontano” è far comprendere ai ragazzi non tanto cosa debbano scegliere, ma che esiste l’opportunità di fare una scelta che consenta loro anche di intraprendere un percorso di crescita personale e professionale ben direzionato e coerente  con l’offerta che il territorio vicentino mette a disposizione – spiega Lara Bisin, vicepresidente di Confindustria con delega al Capitale Umano-. Una scelta consapevole che può avvenire solo nel momento in cui ci si è in possesso di tutte le informazioni utili.  Quello che Confindustria e Confartigianato mettono a disposizione, per i ragazzi con gli Orienta live show e per i genitori con gli incontri serali del mercoledì, rappresenta una proposta di valore supportata da dati reali su ciò che la manifattura e non solo crea e produce  nella nostra provincia, proprio perché crediamo che i giovani rappresentino il nostro futuro”.

“Una delle emergenze più sentite dal mondo imprenditoriale, in questo momento storico, è il reperimento di giovani preparati – commenta Nerio Dalla Vecchia, vice presidente di Confartigianato Imprese Vicenza con delega alla Scuola e Formazione-. Il calo demografico e la scelta della scuola superiore rappresentano oggi i due nervi scoperti del mercato del lavoro e le cause principali della forbice tra domanda e offerta di lavoro. Il tema dell’orientamento diventa quindi una leva strategica che Confartigianato e Confindustria intendono continuare a presidiare con l’edizione rinnovata del progetto “Il talento porta lontano”. Un progetto a cui teniamo particolarmente perché raggiunge tutti gli studenti vicentini di terza media, circa 8000, ma che si allarga anche alle rispettive famiglie e ai docenti referenti per l’orientamento. Siamo convinti infatti che una scelta consapevole nasca da un lavoro di squadra coerente e coordinato che tenga conto dei cambiamenti socio-economici, delle predisposizioni delle giovani generazioni e dalla motivazione personale. Fortunatamente oggi alcuni pregiudizi di genere, di tipologia di scuola e di tradizione familiare sono riconosciuti come fuorvianti e pericolosi.”

A illustrare lo scenario delle scelte degli studenti è Annamaria Cardi, dell’Ufficio Scolastico Territoriale, che ha evidenziato il costante calo demografico e sul fatto che nonostante questo, Vicenza continua a registrare un primato degli istituti tecnici sui licei, in controtendenza sul dato nazionale.

In aggiunta, tra le iscrizioni ai Licei primeggia lo scientifico con opzione Scienze Applicate che per una provincia ad alta vocazione manifatturiera come la nostra, è una tendenza che fa ben sperare.

SCORRI LE SLIDE PER I DATI ➡

“Famiglia e scuola devono aiutare i ragazzi nella scelta della scuola superiore. La giovane età, l’ampia scelta, le involontarie pressioni (sotto forma di aspettative) degli stessi genitori, lo scenario socio economico, la preoccupazione per il futuro, sono fattori che possono influire sulla scelta – spiega Marina Perego, psicologa orientatrice-. Il compito quindi degli educatori è comprendere al meglio attitudini, passioni, talenti, volontà e impegno, aspetti caratteriali dei ragazzi per fornire tanto a loro che alla famiglia utili consigli. Poi sta al ragazzo fare la scelta che più sente propria”.

Il percorso

Il percorso proposto da Confartigianato e Confindustria è articolato in momenti dedicati agli insegnanti, attività di orientamento per gli studenti delle seconde e terze classi delle scuole secondarie di primo grado (medie) e di quattro incontri rivolti ai genitori che possono partecipare liberamente insieme ai figli.Per favorire al maggior numero di interessati la possibilità di partecipare, e avvicinarsi a un linguaggio più ‘stimolante’ per le giovani generazioni, gli incontri si svolgeranno in modalità telematica (webinar, streaming e live show). 

Per i ragazzi

Quanto ai ragazzi, le classi seconde e terze potranno partecipare a quattro “web show” formativi proposti da Teatroeducativo.it, con possibilità anche di interazione presentatore-pubblico. Il calendario degli show è in via definizione, mentre i temi sono stati già individuati: “Il mondo digitale: niente panico!”; “Analisi delle proprie caratteristiche: profili attitudinali”; “Riconoscere i propri interessi e passioni; “Approccio allo studio”; “Il contesto economico professionale”; “I valori personali in ottica professionale”. Sempre per gli studenti, ma questa volta con particolare attenzione per quelli delle terze classi, arriva l’orienta-live show, serie di lezioni spettacolo in cui saranno fornite utili informazioni per scegliere consapevolmente la scuola superiore. 

Per le famiglie

Come orami da anni, il programma si completa con “I mercoledì dell’orientamento’ dedicati ai genitori degli studenti delle classi terze. Ospiti degli appuntamenti esperti che si occupano di orientamento in modo da poter offrire un unico ed esclusivo canale comunicativo. Il calendario di appuntamenti prende il via il 19 ottobre affrontando il tema “Scegliere e non farsi scegliere” con intervento di Daniela Lucangeli (Ordinario di Psicologia evolutiva all’Università degli studi di Padova); seguirà il 26 ottobre un incontro di presentazione dell’offerta formativa vicentina a cura del Provveditore agli studi di Vicenza, Nicoletta Morbioli. Seguirà, il 2 novembre, l’incontro “La domanda del mercato del lavoro” che porterà la voce del mondo imprenditoriale dell’artigianato e industria vicentina. Mercoledì 9 novembre tornerà ospite Marina Perego con una “Consulenza orientativa sulle scuole vicentine”. Chiuderà il calendario, sabato 12 novembre, presso il Centro di Formazione Professionale di Trissino l’incontro con i responsabili dell’orientamento delle scuole professionali per una panoramica del sistema formativo professionale vicentino.

Dove e quando

Tutti gli incontri avranno inizio alle ore 18.30 e si svolgeranno in diretta streaming. 
Per maggiori informazioni sull’iniziativa basta visitare i siti di Confartigianato (www.confartigianatovicenza.it) e Confindustria (www.confindustria.it) dove saranno riportati tutti i dettagli.

Per gli insegnanti

Per i docenti appuntamento (12 ottobre) con la psicologa e blogger Marina Perego. Obiettivo dell’incontro: fornire strumenti pratici agli insegnanti per orientare i propri allievi verso percorsi affini ai loro interessi, attitudini e caratteristiche.


CONFARTIGIANATO IMPRESE VICENZA | Via Enrico Fermi,134 - 36100 Vicenza (Italia) | C.F. 80002410241 | REA VI-226266 | Tel. 0444.392300 | Fax 0444.961003 | Email: info@confartigianatovicenza.it | Pec: direzione.generale@artigiani.vi.legalmail.it | Privacy Policy | Cookie Policy | Informativa Privacy Infragruppo | Contenuti essenziali accordi di contitolarità | Copyright © FAIV