Bonus per la partecipazione a manifestazioni fieristiche internazionali organizzate in Italia

Pubblicato il Decreto direttoriale del Ministero dello sviluppo economico che ha definito le disposizioni attuative.

Come è noto il DL Aiuti (articolo 25-bis) ha previsto il bonus per le imprese italiane che vogliono partecipare a manifestazioni fieristiche internazionali organizzate in Italia: un voucher di 10mila euro, pari al 50% delle spese sostenute per chi partecipa a una o più manifestazioni fieristiche internazionali in Italia.
È stato pubblicato il decreto direttoriale del Ministero dello sviluppo economico che ha definito le disposizioni attuative.
Il Decreto indica quindi quali sono le manifestazioni ammissibili. Si tratta delle fiere internazionali organizzate in Italia, di cui al calendario fieristico approvato dalla Conferenza delle regioni e delle province autonome, che si tengono nel periodo compreso tra il 16 luglio 2022, data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto aiuti e il 31 dicembre 2022. Ogni altra manifestazione
Il buono fiere, che può riguardare la partecipazione a una o più manifestazioni fieristiche, può essere richiesto una sola volta da ciascun soggetto beneficiario. Il valore di 10mila euro, è da considerarsi massimale, è quindi possibile richiedere un contributo inferiore.

Modalità di richiesta bonus

Dalle ore 10:00 del 7 settembre 2022 e fino al termine iniziale di apertura dello sportello è possibile “precaricare la domanda” verificando il possesso dei requisiti tecnici e delle necessarie autorizzazioni per accedere e utilizzare la procedura informatica.
Le domande di agevolazione devono essere presentate dal legale rappresentante dell’impresa esclusivamente per via elettronica, utilizzando la procedura informatica sul sito internet del Ministero (www.mise.gov.it), sezione “Buono Fiere”, accedendo con lo SPID, dalle ore 10:00 alle ore 17:00 di tutti i giorni lavorativi, dal lunedì al venerdì, a decorrere dal 9 settembre 2022.
Nell’istanza dovrà essere riportato l’indirizzo di posta elettronica certificata dell’impresa, utilizzato per ogni comunicazione con il Ministero, nonché l’IBAN del conto corrente bancario intestato al richiedente.
Il buono fiere è assegnato dal Ministero, sulla base dell’ordine temporale di ricezione delle domande, ed è inviato all’indirizzo di posta elettronica certificata del soggetto beneficiario. Di fatto sarà un click day.

Modalità di richiesta erogazione

È inoltre confermato che il buono ha validità solo fino al 30 novembre 2022, con successivo provvedimento del Direttore generale per gli incentivi, verranno indicati le modalità e i termini per presentare domanda sulla piattaforma di erogazione del buono. Ad ogni modo i beneficiari devono presentare, in via telematica attraverso la piattaforma, l’istanza di rimborso delle spese e degli investimenti effettivamente sostenuti per la partecipazione alla manifestazione fieristica, allegando copia del buono e delle fatture, con il dettaglio dei relativi costi, nonché la dichiarazione di effettiva partecipazione alla manifestazione. Per le manifestazioni che si svolgono a dicembre la dichiarazione di avvenuta partecipazione alla manifestazione fieristica andrà presentata, tramite la procedura informatica, entro e non oltre il 31 gennaio 2023.

Spese ammissibili

E arriviamo quindi alle spese ammissibili.
Sono ammissibili all’agevolazione:

  • a) spese per l’affitto degli spazi espositivi;
  • b) spese per l’allestimento degli spazi espositivi;
  • c) spese per la pulizia dello spazio espositivo;
  • d) spese per il trasporto di campionari;
  • e) spese per i servizi di stoccaggio dei materiali necessari e dei prodotti esposti;
  • f) spese per il noleggio di impianti audio-visivi e di attrezzature e strumentazioni varie;
  • g) spese per l’impiego di hostess, steward e interpreti a supporto del personale aziendale;
  • h) spese per i servizi di catering per la fornitura di buffet all’interno dello spazio espositivo;
  • i) spese per le attività pubblicitarie, di promozione e di comunicazione, connesse alla partecipazione alla fiera e quelle sostenute per la realizzazione di brochure di presentazione, di poster, cartelloni, flyer, cataloghi, listini, video o altri contenuti multimediali, connessi alla partecipazione alla manifestazione fieristica.

Per maggiori informazioni

Si rimanda a:
– articoli su Informaimpresa;
– la pagina dedicata sul sito del Ministero dello sviluppo economico;
– il Decreto Attuativo.

Per ulteriori approfondimenti potete rivolgervi all’Ufficio Estero di Confartigianato Imprese Vicenza (ing. Vladi Riva   e-mail: v.riva@confartigianatovicenza.it  tel. 0444 168316).


CONFARTIGIANATO IMPRESE VICENZA | Via Enrico Fermi,134 - 36100 Vicenza (Italia) | C.F. 80002410241 | REA VI-226266 | Tel. 0444.392300 | Fax 0444.961003 | Email: info@confartigianatovicenza.it | Pec: direzione.generale@artigiani.vi.legalmail.it | Privacy Policy | Cookie Policy | Informativa Privacy Infragruppo | Contenuti essenziali accordi di contitolarità | Copyright © FAIV