CI.TE.MO.S.: venerdì 9 doppio appuntamento sui temi della mobilità e sostenibilità. E sabato 10 un incontro dedicato al Superbonus 110%

Continuano gli incontri in Basilica Palladiana (e in streaming)

Continua, venerdì 9, CI.TE.MO.S. (CIttà, TEcnologia, MObilità Sostenibile) quarta edizione della manifestazione organizzata da Confartigianato Impresa Vicenza sui temi della sostenibilità, tecnologie, mobilità. A conclusione della manifestazione, quest’anno poi è previsto anche un appuntamento “fuori CI.TE.MO.S.” dedicato al Superbonus 110% , in programma per sabato 10.
Tutti gli appuntamenti sono ospitati in Basilica Palladiana di Vicenza in presenza, con una settantina di posti allestiti nel massimo rispetto delle norme di sicurezza e distanziamento sociale, ma con possibilità di seguire tutti gli appuntamenti anche in streaming sul sito della manifestazione (www.citemos.it) e sui canali social di Confartigianato Vicenza.

A CI.TE.MO.S. si è cercato di capire qual è “La ricetta della sostenibilità: ricerca, risparmio energetico, fonti rinnovabili, nuove tecnologie e un quadro d’azione politica integrato”. È intervenuto anche Achille Variati, Sottosegretario di Stato al Ministero dell’Interno.

Il programma di CI.TE.MO.S. festival dedicato a CIttà, TEcnologia, Mobilità Sostenibile organizzato da Confartigianato Impresa Vicenza, che si svolge in Basilica Palladiana con appuntamenti fino al 9, ha toccato nella mattinata di oggi (7 ottobre, ndr) i temi della sostenibilità declinati in chiave di risparmio energetico, fonti rinnovabili e tecnologia, anche in un quadro di politiche integrato. Non a caso ad aprire la sessione di lavori è intervenuto Achille Variati, sottosegretario di Stato al Ministero dell’Interno, che ha ricordato come l’entità dei fondi ottenuti dell’Europa sia un’opportunità unica di svolta generazionale che si gioca anche, e proprio, sui temi del digitale verde, dell’economia circolare, dell’efficientamento energetico.
Temi che, come hanno ribadito i relatori, non possono essere sganciati da altri quali una reale educazione alla sostenibilità (soprattutto verso delle nuove generazioni), una burocrazia ‘amica’ e non frenante, infrastrutture adeguate e moderne, il sostegno concreto e reale alla riconversione ed evoluzione in quelle direzioni delle imprese di tutte le dimensioni.

Evoluzione tecnologica digitale e le sue implicazioni per il mondo del lavoro

Se ne è parlato nel primo appuntamento di CI.TE.MO.S.: festival di quattro giorni dedicati al futuro “sostenibile”

Con l’evento “L’evoluzione tecnologica digitale e le sue implicazioni per il mondo del lavoro”, contestualmente all’inaugurazione anno accademico ITS Meccatronico Veneto e ITS LAST, si è aperto questa mattina (6 ottobre, ndr) CI.TE.MO.S.  Ad ospitare la quarta edizione festival dedicato a CIttà, TEcnologia, MObilità Sostenibile organizzato da Confartigianato Impresa Vicenza, è la Basilica Palladiana (nel pieno rispetto delle norme di sicurezza e distanziamento sociale) con possibilità comunque di seguire in streaming tutti gli eventi.

Confartigianato plaude ai provvedimenti dei comuni di Mussolente e di Rosà a favore delle aziende

“Vediamo con piacere queste azioni di supporto all’economia del territorio”

L’impatto del lockdown sul mondo delle imprese non è ancora scemato, anzi, c’è una “onda lunga” che facilmente farà sentire nei prossimi mesi il suo effetto negativo. Qualsiasi forma di aiuto, di esenzione e di elasticità può sostenere in questo momento le aziende, la loro economia e l’occupazione per tenere saldo il più possibile il livello di benessere di questo territorio.

Ottima, a giudizio di Confartigianato Imprese Vicenza – Mandamento di Bassano, le ultime azioni approvate dai Comuni di Rosà e di Mussolente per favorire le imprese coinvolte dal lockdown con un fondo perduto sulla tari 2019 la prima e con la riducendo del 20% la tariffa dei rifiuti la seconda.

Prende il via il 6 ottobre CI.TE.MO.S.: quattro giorni dedicati al futuro “sostenibile”

Quarta edizione per il Festival che si svolgerà in Basilica Palladiana nel pieno rispetto delle norme di sicurezza e di distanziamento sociale. I primi incontri. Il Ministro Patuanelli non potrà essere presente

Prende il via martedì 6 la quarta edizione di CI.TE.MO.S. (CIttà, TEcnologia, MObilità Sostenibile) manifestazione organizzata da Confartigianato Impresa Vicenza sui temi che segneranno il futuro di imprese e società: sostenibilità, tecnologie, mobilità. Il Festival sarà ospitato in Basilica Palladiana di Vicenza in presenza, con una settantina di posti allestiti nel massimo rispetto delle norme di sicurezza e distanziamento sociale, ma con possibilità di seguire tutti gli appuntamenti anche in streaming sul sito della manifestazione (www.citemos.it) e sui canali social di Confartigianato Vicenza.  Fino al 9 ottobre CI.TE.MO.S., propone momenti di incontro e confronto con esperti, docenti, imprenditori, amministratori, sui temi del Festival. Non mancheranno i momenti dedicati ai più giovani, i ragazzi delle scuole. Naturalmente, proprio, per il suo carattere inclusivo sulle problematiche toccate, è aperto a tutta la cittadinanza.
A intervenire saranno protagonisti del mondo della ricerca, delle università, accanto agli esperti del settore e a molti imprenditori, in un ideale percorso che Confartigianato ha avviato tra mondo accademico e mondo delle imprese.

Dal 12 ottobre gli operatori del benessere di Confartigianato Imprese Vicenza “ricaricano le pile” con il percorso Re-Charge articolato in quattro incontri (gratuiti)

Prende il via il 12 ottobre un ciclo di incontri gratuiti dedicati ai professionisti dell’Acconciatura e dell’Estetica di Confartigianato Imprese Vicenza, quattro appuntamenti per comprendere lo scenario attuale e orientare la propria attività alla luce del nuovo rapporto con la clientela. 

I professionisti del settore sanno infatti che nella cura del “look” oltre alla preparazione tecnica, servono anche capacità personali di cura delle relazioni.
Quest’ultima è una dote che va costantemente esercitata e affinata, ma il periodo di “lockdown” nella primavera scorsa, per la prima volta nella storia, ha improvvisamente interrotto e messo in discussione la modalità con cui gli operatori possano interagire con i loro clienti. Da qui la necessità di rivedere il modo di entrare in contatto con le persone, con il loro “vissuto” e con le problematiche dovute anche all’emergenza da coronavirus. La prerogativa infatti di chi svolge “servizi alla persona” è che si entra sia in contatto fisico con i clienti, sia in contatto emotivo con loro e con la loro sfera personale: in questo specifico aspetto, gli operatori devono essere adeguatamente preparati e motivati, anche al fine di continuare a essere testimonial di benessere e di quell’equilibrio psicofisico che i loro servizi vanno poi a mantenere.

CI.TE.MO.S.: venerdì 9 doppio appuntamento sui temi della mobilità e sostenibilità. Sabato 10 un incontro dedicato al Superbonus 110%

In Basilica Palladiana continuano gli incontri

Continua, venerdì 9, CI.TE.MO.S. (CIttà, TEcnologia, MObilità Sostenibile) quarta edizione della manifestazione organizzata da Confartigianato Impresa Vicenza sui temi della sostenibilità, tecnologie, mobilità. A conclusione della manifestazione, quest’anno poi è previsto anche un appuntamento “fuori CI.TE.MO.S.” dedicato al Superbonus 110% , in programma per sabato 10 alle ore 10.

Tutti gli appuntamenti sono ospitati in Basilica Palladiana di Vicenza in presenza, con una settantina di posti allestiti nel massimo rispetto delle norme di sicurezza e distanziamento sociale, ma con possibilità di seguire tutti gli appuntamenti anche in streaming sul sito della manifestazione (www.citemos.it) e sui canali social di Confartigianato Vicenza.

Giovedì 8 a CI.TE.MO.S. mobilità in primo piano: sostenibilità a due ruote e autoriparatori a confronto

Quarta edizione per il Festival che si svolgerà in Basilica Palladiana nel pieno rispetto delle norme di sicurezza e di distanziamento sociale. 

Proseguono giovedì 8 gli appuntamenti di CI.TE.MO.S. (CIttà, TEcnologia, MObilità Sostenibile) quarta edizione della manifestazione organizzata da Confartigianato Impresa Vicenza sui temi della sostenibilità, tecnologie, mobilità.
L’evento è ospitato in Basilica Palladiana di Vicenza in presenza, con una settantina di posti allestiti nel massimo rispetto delle norme di sicurezza e distanziamento sociale, ma con possibilità di seguire tutti gli appuntamenti anche in streaming sul sito della manifestazione (www.citemos.it) e sui canali social di Confartigianato Vicenza.

CI.TE.MO.S. prosegue mercoledì 7 sui temi della tecnologia e della sostenibilità nella vita quotidiana

Quarta edizione per il Festival che si svolgerà in Basilica Palladiana nel pieno rispetto delle norme di sicurezza e di distanziamento sociale.

CI.TE.MO.S. (CIttà, TEcnologia, MObilità Sostenibile) quarta edizione della manifestazione organizzata da Confartigianato Impresa Vicenza sui temi della sostenibilità, tecnologie, mobilità, prosegue mercoledì 7.
L’evento sarà ospitato in Basilica Palladiana di Vicenza in presenza, con una settantina di posti allestiti nel massimo rispetto delle norme di sicurezza e distanziamento sociale, ma con possibilità di seguire tutti gli appuntamenti anche in streaming sul sito della manifestazione (www.citemos.it) e sui canali social di Confartigianato Vicenza.

Dal 12 ottobre gli operatori del benessere di Confartigianato Imprese Vicenza “ricaricano le pile” con il percorso Re-Charge articolato in quattro incontri (gratuiti)

Prende il via il 12 ottobre un ciclo di incontri gratuiti dedicati ai professionisti dell’Acconciatura e dell’Estetica di Confartigianato Imprese Vicenza, quattro appuntamenti per comprendere lo scenario attuale e orientare la propria attività alla luce del nuovo rapporto con la clientela. 
I professionisti del settore sanno infatti che nella cura del “look” oltre alla preparazione tecnica, servono anche capacità personali di cura delle relazioni.
Quest’ultima è una dote che va costantemente esercitata e affinata, ma il periodo di “lockdown” nella primavera scorsa, per la prima volta nella storia, ha improvvisamente interrotto e messo in discussione la modalità con cui gli operatori possano interagire con i loro clienti. Da qui la necessità di rivedere il modo di entrare in contatto con le persone, con il loro “vissuto” e con le problematiche dovute anche all’emergenza da coronavirus. La prerogativa infatti di chi svolge “servizi alla persona” è che si entra sia in contatto fisico con i clienti, sia in contatto emotivo con loro e con la loro sfera personale: in questo specifico aspetto, gli operatori devono essere adeguatamente preparati e motivati, anche al fine di continuare a essere testimonial di benessere e di quell’equilibrio psicofisico che i loro servizi vanno poi a mantenere.