Il Mandamento Confartigianato di Vicenza plaude alla scelta del Comune di Arcugnano di concedere contributi straordinari a fondo perduto all’imprenditoria locale

La sollecitazione di Christian Voltolina, delegato Comunale di Confartigianato Imprese Vicenza, relativa all’individuazione di strumenti utili alle aziende dopo il periodo di lockdown 2020, ha portato esiti positivi nel Comune di Arcugnano.

“Mi congratulo con la Giunta – dice Voltolina – e in particolare con il sindaco Paolo Pellizzari con il quale mi sono confrontato spesso per le aziende che rappresento nel territorio e soprattutto durante i mesi dell’emergenza pandemica per capire quali strumenti il Comune potesse utilizzare per sostenere, ove possibile, quelle imprese locali fortemente penalizzate dalla sospensione dell’attività per effetto del lockdown”.

Bonus sanificazione e dispositivi di sicurezza in azienda: la burocrazia e l’incertezza della quantificazione rischiano di ridurre il beneficio per le imprese

Nel Decreto Rilancio (articolo 125) è previsto un credito imposta per le aziende in merito all’attività di sanificazione e all’acquisto di dispositivi di protezione (DPI). Si tratta di una misura importante considerato che tutte le imprese, a seguito dell’emergenza Covid-19 e per adeguarsi alle indicazioni INAIL in tema di tutela del personale e dei clienti, hanno sostenuto e continueranno a sostenere tali spese.
Ampia è la lista delle voci ammesse: mascherine, prodotti detergenti e disinfettanti, termometri, pannelli divisori, sanificazione dei locali aziendali e degli strumenti di lavoro. Un provvedimento per il quale sono stati stanziati 200 milioni di euro.
Il credito d’imposta cui possono accedere le imprese è pari al 60 per cento delle spese sostenute nell’anno 2020, con un massimo di credito usufruibile di 60mila euro. 

La Regione pubblica l’elenco dei tecnici del restauro con competenze settoriali

Quindici si sono formati nei laboratori del Centro Europeo per i Mestieri del Patrimonio di Villa Fabris. Nuove professionalità a disposizione dei restauratori.

La Regione Veneto fa da apripista e, per la prima volta in Italia, viene pubblicato l’elenco dei tecnici del restauro con competenze settoriali, la terza figura professionale prevista dal Codice dei Beni Culturali. Si tratta di un artigiano che, dopo avere frequentato uno specifico corso di formazione, sotto la direzione ed il controllo di un restauratore di beni culturali può concorre all’esecuzione di un intervento conservativo, eseguendo varie fasi di lavorazioni di supporto per tecniche e attività definite, con un’autonomia decisionale limitata alle operazioni di tipo esecutivo.

Continua Click to Click, il calendario di incontri promossi dai Fotografi: lunedì 13 un webinar che avrà come relatore Luca Pianigiani

Tornano gli appuntamenti di Click to Click promossi dai Fotografi di Confartigianato Imprese Vicenza con l’intento di approfondire tematiche, argomenti e novità del settore. Così il prossimo incontro, un webinar gratuito in programma per lunedì 13 dalle ore 14, sarà dedicato a quanto gli eventi della prima parte dell’anno abbiano influito anche sul mestiere dei fotografi. Il titolo dell’appuntamento, infatti, è “Mestiere fotografo: ripartire o rinascere? La professione e il mercato in un mondo che è cambiato”. Ne parlerà Luca Pianigiani.

L’occupazione nell’artigianato vicentino i trend da febbraio a maggio: primi segnali di ripartenza (seppur lenta)

“In termini di occupazione nell’artigianato vicentino a maggio si intravede qualche segnale positivo: il saldo tra assunzioni e cessazioni ha il segno più davanti, rallenta il calo delle assunzioni e il settore Costruzioni riprende. Certo non siamo ancor fuori dal tunnel, l’ottimismo deve essere cauto, ma i dati ci fanno guardare avanti con qualche speranza in più. Permangono le preoccupazioni sui riordini del dopo estate che al momento sono deboli e sugli effetti in particolare per la manifattura”.  Così Sandro Venzo, delegato alle politiche per il Lavoro, Formazione e Scuola di Confartigianato Imprese Vicenza, commenta i dati elaborati dall’Ufficio Studi sul trend occupazionale febbraio-maggio.
“Luci ed ombre nei diversi settori che fotografiamo. Se taluni hanno avuto rimbalzi positivi alla riapertura, altri comparti registrano una situazione meno buona ma questo è naturalmente legato alla tipologia di attività: quelle a diretto contatto con il pubblico hanno dovuto forzatamente fermarsi a inizio emergenza; altre sono inserite in filiere con sbocchi di mercato all’estero in Paesi che hanno vissuto la nostra stessa situazione magari con tempistiche diverse e stentano nella ripresa, altre ancora sono legate a settori stagionali in forte contrazione come ad esempio il tessile-abbigliamento”, prosegue Venzo.

Delusione per il rigetto del MEF della proposta di far slittare le scadenze delle imposte dal 20 luglio al 30 settembre.

Bonomo: “Scelta incomprensibile e che crea nuove difficoltà alle imprese”

“Apprendiamo dagli organi di informazione, e non senza una certa delusione, che la richiesta, formulata da più voci politiche ed economiche tra cui anche Confartigianato, di far slittare dal 20 luglio al 30 settembre il pagamento delle imposte derivanti dalle dichiarazioni dei redditi (Irpef, contributi INPS, Ires, addizionali) è stata rigettata dal MEF”, commenta Agostino Bonomo, presidente di Confartigianato Imprese Vicenza, alla diffusione della notizia.

La digitalizzazione e il Made in Italy come fattori chiave per l’export. Il 23 Luglio un evento di formazione gratuita promosso dal Cesar con contributi del FSE e della Regione Veneto

Il Cesar, ente formativo di Confartigianato Imprese Vicenza, organizza giovedì 23 luglio dalle 17.00 alle 21.00 il workshop “La digitalizzazione e il Made in Italy come fattori chiave per l’export”, realizzato con il sostegno del Fondo Sociale Europeo e Regione Veneto. 

L’incontro, che si svolgerà al Centro Congressi di Confartigianato Imprese Vicenza (in Via Fermi 201) ed è ad entrata libera e gratuita, previa adesione e nel rispetto delle norme di sicurezza, fornirà un approfondimento sulle competenze digitali e sugli strumenti per promuovere il valore del Made in Italy all’estero.

Nel Decreto Semplificazioni tra le 130 opere ritenute strategiche per Paese ci sono la TAV e la Pedemontana.

Dalla Vecchia: “Speriamo solo che dalle parole si passi ai fatti e che finalmente i lavori procedano senza intoppi”

Tra i numerosi cantieri che il Decreto Semplificazioni, presentato ieri dal premier Conte, prende in considerazione ci sono anche la TAV e la Pedemontana. Due opere, tra le 130, ritenute di vitale importanza per il rilancio del Paese.
Al proposito interviene Confartigianato Imprese Vicenza. “Accogliamo con favore tutto ciò che va nella direzione della semplificazione dei cantieri e dell’esecuzione delle opere pubbliche – dichiara Nerio Dalla Vecchia, delegato alle politiche territoriali dell’Associazione -, ci siamo però fin troppo abituati alle dichiarazioni d’intenti che spesso si sono rivelate delle bolle di sapone. E non costano nulla. Diverso è mettere sul piatto le risorse che servono effettivamente per la realizzazione delle opere che spesso procedono a rilento, non solo per la burocrazia, ma anche perché le imprese esecutrici, tra cui si contano numerose aziende artigiane, sono pagate con ritardi inaccettabili. Da imprenditori ragioniamo su cose tangibili per cui, al di là dei proclami, vogliamo vedere atti concreti”. 

Venzo (Confartigianato) sulla vicenda di Pojana Maggiore: “Imprenditore? No, irresponsabile!”

“Buon senso e responsabilità civile sembrano essere termini sconosciuti al 65enne di Sossano che, come si è appreso dagli organi di informazione, con imprudenza e leggerezza, scoprendosi contagiato nulla ha fatto per salvaguardare l’incolumità degli altri”: non usa mezzi termini Sandro Venzo, delegato alle Politiche per il Lavoro, Formazione e Scuola di Confartigianato Imprese Vicenza, per commentare la vicenda del nuovo focolaio Covid nel vicentino.

Al DIH – Digital Innovation Hub di Confartigianato Imprese Vicenza inaugurato il Learning Center Comau per la formazione 4.0 di giovani e imprenditori

Ospitato nei locali del Digital Innovation Hub di Confartigianato Imprese Vicenza, è stato inaugurato oggi (2 luglio, ndr) il Learning Center Comau, l’unico centro autorizzato della Provincia di Vicenza dedicato all’insegnamento della robotica industriale per le imprese e delle materie STEM per studenti.

A partire da luglio quindi al DIH sarà possibile organizzare workshop formativi certificati, corsi e seminari, attraverso l’uso degli e.DO Comau, quattro bracci robotici a sei assi pensati per essere utilizzati in sicurezza in ambienti non industriali. Inoltre grazie ai Desk Simulator, sarà possibile “trasformare” gli e.DO in veri e propri robot industriali permettendo di attivare anche i corsi per il Patentino della Robotica, una certificazione riconosciuta a livello mondiale utile per il mercato del lavoro.