Legno: la scelta giusta. Se ne parla il 15 novembre al Centro Congressi

Il legno: la scelta giusta. È questo il titolo di un convegno promosso da Confartigianato Imprese Vicenza per venerdì 15.
Rinnovabilità, resistenza, durevolezza, infatti, fanno del legno un materiale di grande rilevanza in termini tecnologici, ambientali, economici. Il legno quindi è anche un ottimo materiale da costruzione, se correttamente trattato resiste eccellentemente all’azione degradante degli agenti atmosferici. Si tratta di un materiale, poi, realmente rinnovabile e totalmente biodegradabile a fine ciclo. Nonostante i molteplici benefici collegati al suo utilizzo, nel settore dell’arredo e dei serramenti le scelte delle imprese e clienti ricade spesso su altri materiali, con inevitabili negative ripercussioni, non solo economiche ma anche sul fronte ambientale e sociali.

“L’Uomo e la Macchina”. In occasione dell’Assemblea Soci, Confartigianato ha proposto una conversazione sui temi della tecnologia portando i punti di vista di Federico Faggin, Michele Crudele e David Orban

L’annuale appuntamento con l’Assemblea Soci di Confartigianato Imprese Vicenza quest’anno ha proposto un momento pubblico sul tema “L’Uomo e la Macchina. Lavoro, etica, IOT, tecnologia, intelligenza artificiale”. Un tema di sicuro interesse come testimoniato dalla sala dei Fondatori del al Centro Congressi gremita di pubblico.
Fattore intrinseco del progresso dell’uomo, la tecnologia è sempre più presente nella nostra vita quotidiana lavorativa e non. La domanda che sorge spontanea quindi è come sarà il nostro futuro? L’aumento vertiginoso della presenza di macchine nella nostra quotidianità ci porta inevitabilmente a interrogarci su quanto la loro presenza inciderà sul nostro vissuto. Nonostante i dubbi e le paure, c’è una realtà che va riconosciuta e accettata: la tecnologia ha cambiato il mondo intorno a noi.
Che si tratti dei processi produttivi, della salute e benessere, del tempo libero, non c’è ambito oggi in cui le applicazioni tecnologiche non abbiano fatto la loro comparsa aprendo molti interrogativi. Sono infatti molteplici le opportunità per le imprese ma restano ancora resistenze e “paure” legate alle varie applicazioni delle tecnologie. Timori in parte comprensibili legati al rapporto tra “L’Uomo e la Macchina”, alla gestione dei dati, all’intelligenza artificiale e all’etica del lavoro; in parte non giustificati per una mancanza di conoscenza di come concretamente evolverà la tecnologia.

“Il Talento Porta Lontano” prossimo appuntamento per i genitori il 6 novembre a Sarego

Continuano gli appuntamenti nelle sedi aziendali del Vicentino del progetto promosso da Confartigianato e Confindustria per aiutare i figli nella scelta del “dopo terza media”

Continuano gli appuntamenti dell’iniziativa “Il talento porta lontano”, un percorso formativo per i genitori promosso da Confartigianato e Confindustria Vicenza, con il contributo della Camera di Commercio e in collaborazione con Teatro Educativo, che ha l’obiettivo di dare supporto e consulenza alle famiglie i cui figli devono scegliere la scuola superiore.
In un momento di trasformazione, economica e sociale, i genitori, infatti, hanno sempre più bisogno di informazioni, di aggiornamenti e di chiarezza per affrontare la scelta in modo efficace, al netto di pregiudizi e di luoghi comuni. Capire i talenti dei figli, quale è la loro personalità, rappresenta un primo passo per evitare di imboccare strade sbagliate: ma a questo va aggiunta anche una conoscenza della realtà imprenditoriale con cui, in futuro, i ragazzi andranno a interfacciarsi. E se, da qui a cinque anni, probabilmente i ragazzi potranno anche trovarsi a fare un mestiere che ancora non esiste, o a inventarne uno, rimane però importante capire cosa chiedono le aziende, soprattutto in termini di “competenze trasversali” (soft skills) a chi entra nel mondo del lavoro. Nel Vicentino è un raffinato binomio di arte e impresa, ingegno e creatività, le possibilità non mancano e, per far capire meglio tale realtà, quest’anno “Il talento porta lontano” cambia sede: gli incontri si svolgeranno infatti all’interno di attività aziendali vicentine di consolidato successo.

Il Mandamento Confartigianato di Schio incontra Sindaco e Assessori a 100 giorni dal loro insediamento

A 100 giorni dall’insediamento della nuova Amministrazione, la giunta del locale Mandamento Confartigianato ha incontrato il sindaco Valter Orsi e i suoi Assessori.
Un momento di reciproca conoscenza, richiesto dal Presidente Mandamentale Nerio Dalla Vecchia, per confermare la reciproca collaborazione sui temi dello sviluppo socio economico del territorio.
L’incontro è stato aperto dal Sindaco Valter Orsi, che ha presentando la sua squadra, rinnovata in parte rispetto alla precedente legislatura. Da parte sua, il presidente Nerio Dalla Vecchia ha illustrato l’attività dell’Associazione e i suoi valori fondativi: la persona, la famiglia e il territorio. Sono stati contestualmente presentati i numeri della piccola impresa a livello nazionale e locale, ribadendo la rilevanza dell’artigianato sia a livello di unità attive (oltre il 99% del totale) che in termini di occupazione (64,5%).
Il presidente ha quindi presentato la Giunta mandamentale, specificando deleghe, incarichi assegnati e attività in corso ricordando come, oltre alla rappresentanza, ai servizi di sviluppo e di formazione, il Mandamento sia un’importante un’ “antenna” per il territorio proprio attraverso l’impegno dei dirigenti associativi.

Confartigianato Imprese Vicenza mette in palio 10mila euro per gli istituti superiori a indirizzo Meccanico che hanno scelto le aziende artigiane come sede per i Percorsi per le Competenze Trasversali e l’Orientamento – PCTO (ex Alternanza Scuola Lavoro)

10 mila euro. A tanto ammonta il premio in palio per il concorso istituito da Confartigianato Imprese Vicenza e destinato agli istituti vicentini che nei loro Percorsi per le Competenze Trasversali e l’Orientamento – PCTO (ex Alternanza Scuola Lavoro) abbiano coinvolto almeno una ventina di imprese artigiane.
L’iniziativa, alla sua prima edizione e valida per l’anno scolastico 2019/2020, è rivolta in particolare agli istituti che abbiano attivato almeno uno dei seguenti indirizzi: Meccanico, Meccatronico, Energia, Manutenzione ed Assistenza tecnica, Elettronica ed Elettrotecnica, Impianti elettrici, Automazione e Robotica, Informatica, Logistica. Il concorso è stato presentato ai 13 dirigenti scolastici, in rappresentanza degli istituti tecnici e professionali della città e della provincia, alla presenza del Responsabile dell’Ufficio VIII Ambito territoriale di Vicenza, Carlo Alberto Formaggio.
“L’idea è quella di dare una somma sufficiente affinché l’istituto che se la aggiudicherà possa concretamente realizzare spazi utili e iniziative rivolte ai ragazzi per la loro formazione -commenta il presidente di Confartigianato Vicenza, Agostino Bonomo-. L’iniziativa si inserisce nell’azione dei sostegno verso quelle figure professionali e tecniche sempre più richieste dalle nostre aziende ma, spesso, difficili da reperire”
Il concorso si colloca all’interno di una serie di interventi che Confartigianato Imprese Vicenza propone tanto alle famiglie quanto alle scuole per fornire alle une e alle altre utili strumenti di conoscenza della realtà dell’artigianato vicentino e le sue potenzialità in termini di inserimenti lavorativo dei ragazzi. A partire da Orienta Insegnanti che (a inizio anno scolastico) conduce i docenti alla scoperta delle imprese artigiane; passando per i Percorsi per le Competenze Trasversali e per l’Orientamento (ex Alternanza Scuola Lavoro); arrivando fino a “Il talento porta lontano” serie di incontri (attualmente in corso) rivolti agli studenti delle medie (con lezioni-spettacolo) e ai genitori (cinque appuntamenti ospitati in altrettante aziende). Quanto è alto l’interesse nel comprendere quale sia la strada migliore da intraprendere dopo le medie lo dicono i numeri: a “Il talento porta lontano” (realizzato in collaborazione con Confindustria Vicenza) hanno aderito numerose scuole per un totale di oltre 8mila studenti; mentre gli incontri dedicati ai genitori hanno registrato il sold out (complessivamente sono state registrate mille presenze). Altro elemento interessante emerso da questa esperienza è che i genitori, che sono arrivati agli incontri con le idee magari confuse o con dubbi, alla fine hanno compreso le opportunità offerte dai percorsi tecnici o professionali e da corsi qualificanti post diploma come gli ITS (Istituti Tecnici Superiori).

Sicurezza sul lavoro un bene comune. Convegno COBIS giovedì 14 novembre al Centro Congressi di via Fermi (Vicenza)

Giovedì 14 novembre, al Centro Congressi di via Fermi a partire dalle ore 9.00, si svolgerà l’incontro la “Sicurezza: bene comune – gestire i mancati infortuni” promosso da COBIS – Commissione Paritetica Bilaterale per la Sicurezza della Provincia di Vicenza. Il tema della salute e della sicurezza sul Lavoro ha assunto ormai da tempo un ruolo di primaria importanza nella gestione aziendale, ma spesso viene ancora percepito come un obbligo che grava sulle aziende senza un miglioramento effettivo delle condizioni di lavoro. È perciò fondamentale per la riduzione degli accadimenti infortunistici in azienda, mettere la “persona” al centro dell’attività produttiva e gestire i “mancati infortuni”. Solo così, infatti, si possono prevenire situazioni di rischio future e di conseguenza abbattere i potenziali danni e costi da esse derivanti.

Il 4 dicembre “Italia per le Imprese” apre una finestra sui mercati esteri

Sarà il Golf Hotel di Creazzo a ospitare la tappa vicentina del “Roadshow” con cui i Ministeri dello Sviluppo Economico e degli Esteri, assieme a Ice e Sace Simest Gruppo CDP, illustrano gli strumenti e le strategie per le Pmi alla ricerca di nuove opportunità legate all’internazionalizzazione

È in programma per mercoledì 4 dicembre la tappa vicentina del “Roadshow Italia per le Imprese”, un’iniziativa nata per affiancare le PMI che intendano individuare nuove opportunità di affari legate all’internazionalizzazione e affrontare la sfida nei mercati mondiali. Pianificato dalla Cabina di regia per l’Italia internazionale, il progetto itinerante per l’internazionalizzazione delle imprese è patrocinato dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale ed è promosso e sostenuto dal Ministero dello Sviluppo Economico. Partecipano all’iniziativa, oltre all’Agenzia ICE e a SACE SIMEST, anche Unioncamere, Rete Imprese Italia, Confindustria e Alleanza delle Cooperative Italiane.

La tappa vicentina, che si terrà presso il Golf Hotel Vicenza (a Creazzo, in via Carpaneda 5), è organizzata dall’Agenzia ICE in collaborazione con Confartigianato Imprese Vicenza e la Regione del Veneto, partner territoriali dell’iniziativa e con il sostegno di Unicredit come sponsor territoriale. Obiettivo è quello di affiancare le aziende sui temi dell’internazionalizzazione, per sostenere quelle realtà che intendono aprirsi ai mercati esteri per individuare nuove opportunità di business.
Del resto, la provincia di Vicenza si conferma sempre una delle realtà che trainano il commercio italiano verso l’estero.

A livello settoriale, i primi cinque settori produttivi rappresentano il 38% dell’export provinciale, e quasi il 30% dei flussi è destinato a tre mercati: Germania, Francia e Stati Uniti. Vediamoli, allora, questi settori.

L’Assemblea pubblica di Confartigianato Vicenza di lunedì 11 novembre si interrogherà sul tema “L’uomo e la macchina”

L’annuale appuntamento con l’Assemblea Soci di Confartigianato Imprese Vicenza quest’anno propone un momento pubblico sul tema “L’uomo e la macchina. Lavoro, etica, IOT, tecnologia, intelligenza artificiale” in programma lunedì 11 novembre alle 18.30 al Centro Congressi di Via Fermi (Vicenza).
Fattore intrinseco del progresso dell’uomo, la tecnologia è sempre più presente nella nostra vita quotidiana lavorativa e non. Che si tratti dei processi produttivi, della salute e benessere, del tempo libero, non c’è ambito oggi in cui le applicazioni tecnologiche non abbiano fatto la loro comparsa aprendo molti interrogativi.
Sono infatti molteplici le opportunità per le imprese ma restano ancora resistenze e “paure” legate alle varie applicazioni delle tecnologie. Timori in parte comprensibili legati al rapporto tra “L’Uomo e la Macchina”, alla gestione dei dati, all’intelligenza artificiale e all’etica del lavoro; in parte non giustificati per una mancanza di conoscenza di come concretamente evolverà la tecnologia.
“Confartigianato Vicenza sta portando avanti quattro grandi filoni individuati dall’assemblea dei soci all’inizio del mandato: il rilancio dell’edilizia, la sostenibilità economica e ambientale delle imprese, la scuola e la formazione, e le tecnologie e la digitalizzazione – spiega il presidente Agostino Bonomo-. Per quanto riguarda l’ultimo punto vorremmo rendere sempre più accessibile la conoscenza e l’impatto delle tecnologie sulle imprese a prescindere dalla loro dimensione. Un esempio eloquente sono quelle aziende che hanno usufruito delle misure dei benefici per l’innovazione di ‘Impresa 4.0’ registrando una modernizzazione delle loro produzioni e dell’approccio al lavoro e al business.

Il Mandamento Confartigianato di Bassano del Grappa ha incontrato i nuovi Amministratori comunali di Pove del Grappa

Ciclopista, opere pubbliche, relazioni con il nuovo Comune Valbrenta e situazione all’interno dell’Unione Montana, ma anche turismo e fondo di sviluppo. Sono stati questi alcuni dei temi affrontati nel corso dell’incontro tra la nuova Giunta Comunale di Pove del Grappa e la Giunta Mandamentale di Bassano di Confartigianato guidata dal presidente Sandro Venzo.
Il sindaco Francesco Dalmonte e l’assessore Orio Mocellin (ex sindaco) hanno spiegato come il progetto della ciclopista sia vicino al completamento perché, dopo il completamento dei tratti dell’Istituto Agrario e di Campese in Conca d’Oro, si attende ora solo l’approvazione della Regione, iter che sta terminando, per l’ultima parte. L’opera si incanala in una progettazione più ampia che coinvolge tutta la Valbrenta e si proietta verso futuri e nuovi progetti in direzione Bassano e poi verso sud. La ciclopista è un’opera importante per il territorio perché favorirà il turismo e la nascita di servizi e locali utili all’economia del posto. Pove, infatti, è un piccolo Comune ma con grande attrattività per la sua collocazione, tanto che anche di recente importanti aziende si sono insediate sul territorio.
Le novità presentate dal Sindaco riguardano le piste ciclabili, la costruzione della passerella a Cismon, l’ampliamento dell’Istituto Agrario. Ci sono poi in via di definizione dei progetti con Italgas per aumentare la fornitura di metano in zona industriale e con Anas per sistemare il sottopassaggio di via Padova, aumentando le misure di passaggio.

“Il talento porta lontano” prossimo appuntamento per mamma e papà martedì 29 ottobre a Valdagno

Continuano gli appuntamenti nelle sedi aziendali del Vicentino del progetto promosso da Confartigianato e Confindustria per aiutare i figli nella scelta del “dopo terza media”

Continuano gli appuntamenti dell’iniziativa “Il talento porta lontano”, un percorso formativo per i genitori promosso da Confartigianato e Confindustria Vicenza, con il contributo della Camera di Commercio e in collaborazione con Teatro Educativo, che ha l’obiettivo di dare supporto e consulenza alle famiglie i cui figli devono scegliere la scuola superiore. Un tema di forte interesse come hanno testimoniato i numeri del primo appuntamento (più di 350 genitori) svoltosi a Bassano.
In un momento di trasformazione, economica e sociale, i genitori, infatti, hanno sempre più bisogno di informazioni, di aggiornamenti e di chiarezza per affrontare la scelta in modo efficace, al netto di pregiudizi e di luoghi comuni. Capire i talenti dei figli, quale è la loro personalità, rappresenta un primo passo per evitare di imboccare strade sbagliate: ma a questo va aggiunta anche una conoscenza della realtà imprenditoriale con cui, in futuro, i ragazzi andranno a interfacciarsi. E se, da qui a cinque anni, probabilmente i ragazzi potranno anche trovarsi a fare un mestiere che ancora non esiste, o a inventarne uno, rimane però importante capire cosa chiedono le aziende, soprattutto in termini di “competenze trasversali” (soft skills) a chi entra nel mondo del lavoro. Nel Vicentino è un raffinato binomio di arte e impresa, ingegno e creatività, le possibilità non mancano e, per far capire meglio tale realtà, quest’anno “Il talento porta lontano” cambia sede: gli incontri si svolgeranno infatti all’interno di attività aziendali vicentine di consolidato successo.