Ai Maestri Artigiani, Dirigenti e Pensionati Benemeriti e dipendenti delle aziende il “grazie” di Confartigianato Imprese e della collettività

É andata in scena alla Fiera di Vicenza (domenica 31 marzo, ndr) la 57esima edizione della cerimonia dei MAB (Maestri Artigiani Benemeriti) di Confartigianato Imprese Vicenza, ovvero un omaggio a quegli artigiani che non hanno mai smesso di crederci, che sono magari partiti con poco o niente ma che nel tempo sono cresciuti – non solo come imprenditori – acquisendo le competenze che i tempi e le contingenze hanno richiesto. A salutare i Maestri e a fare a fare il punto sulla realtà odierna, sulle prospettive, sulle esigenze e le sfide che attendono il variegato mondo dell’artigianato, un comparto tanto diffuso nel territorio quanto capace di muoversi fra tradizione e innovazione quindi, capace di guardare al futuro, è stato il presidente provinciale Agostino Bonomo.
Eccoli, quindi, i dieci Maestri Artigiani Benemeriti: Matteo Bonato (Produzione manufatti in cemento – Thiene), Francesco Bordignon (Serramenti in legno -Rosà); Alida Brusamarello (Gommista/Autofficina – Schio); Valter Casarotto (Acconciatore – Vicenza); Ivana Dalla Gassa (Estetista – Valdagno); Ugo Fochesato (Autofficina – Lonigo); Emilio Fornasa (Lavorazione Marmi -Thiene); Luigi Sacchetto (Autofficina – Montebello Vicentino); Moreno Scarmin (Falegnameria – Montegalda); Eugenio Sommacale (Falegnameria – Pianezze di Marostica).
Il riconoscimento di Dirigente Artigiano Benemerito è stato conferito invece a: Lino Mosè Loss (Meccanica – Pozzoleone); Guerrino Mazzocco (Pasta fresca – Arzignano) e Dario Tovo (Lavorazione legno – Brogliano).

Ai Maestri Artigiani, Dirigenti e Pensionati Benemeriti e dipendenti delle aziende il “grazie” di Confartigianato Imprese e della collettività. Non mancheranno i riconoscimenti Imprenditore d’Eccellenza e quello di Maestro Artigiano ad honorem

Domenica 31 marzo la 57ª cerimonia di premiazione alla Fiera di Vicenza (ore 10)

Si dice spesso che “senza storia non c’è futuro”. In effetti, che sia quella Storia con la “s” maiuscola che si studia a scuola, oppure quella non ufficiale, la storia ci racconta chi siamo, per capire meglio dove andiamo e correggere la direzione, se necessario. A patto che tra passato e futuro, a fare da cerniera, ci sia la memoria, che nel mondo dell’artigianato è rappresentata da un impegno a “dare il meglio”, che non conosce epoche. Il questo il senso ultimo della cerimonia dei MAB (Maestri Artigiani Benemeriti) di Confartigianato Imprese Vicenza, in programma alla Fiera di Vicenza domenica 31 marzo (ore 10).
L’edizione di quest’anno è la 57esima e, ancora una volta, rende omaggio a quegli artigiani che non hanno mai smesso di crederci, che sono magari partiti con poco o niente ma che nel tempo sono cresciuti – non solo come imprenditori – acquisendo le competenze che i tempi e le contingenze hanno richiesto. Molti di loro, poi, hanno accolto in azienda giovani apprendisti che hanno formato, e ai quali hanno insegnato un sapere che raramente si impara sui libri: primo tra tutti l’intraprendenza, facendo sì che molti diventassero a loro volta altri artigiani. E magari tra quei giovani c’è anche un figlio, un nipote che, stimolato dall’esempio umano e professionale del “capostipite”, ha deciso di seguirne le orme.

Un futuro di moda: nuovi scenari per le imprese, nuove professioni per i giovani

Lunedì 25 un incontro della Categoria con gli studenti

La categoria Moda di Confartigianato Imprese Vicenza propone per lunedì 25 un incontro rivolto alle scuole indirizzo moda con l’obiettivo di presentare l’evoluzione della richiesta di competenze nel sistema produttivo, evidenziando l’emergere di nuovi profili professionali legati all’uso delle nuove tecnologie e ai rapidi cambiamenti dettati dal Fashion System. Quali sono le professioni emergenti e come prepararsi sono stati i quesiti di partenza di una mattinata che avrà come ospiti, al Centro Congressi di via Fermi (alle ore 9.30), gli studenti degli indirizzi moda degli istituti Montagna di Vicenza (due classi IV e una classe V) e Marzotto di Valdagno (tre classi IV).
Anche le aziende manifatturiere della moda, che a Vicenza sono circa 1800, di cui il 50% artigiane, infatti, si confrontano con la seduzione dell’estetica digitale. I social network e i blog hanno potenziato il modo con cui i fashion brand comunicano il proprio immaginario: dal sito web alle sfilate in streaming, dalle app per gli smarthphone allo showroom online. Il digitale è poi entrato anche nel mondo della produzione andando a rovesciare le regole e le convenzioni di uno dei luoghi “sacri” della creazione, l’atelier. La fabbricazione digitale, basata su open design, stampe 3D, sistema digitale di taglio e incisione laser, ha trasformato le fasi creative e produttive, sviluppando un concetto di artigianato diffuso, ricontestualizzato e potenziato.

Il 4 e il 5 aprile Aedifica mostra come “Costruire il domani” alla Fondazione Bisazza di Montecchio Maggiore

Confartigianato Imprese Vicenza ripropone “Aedifica”, l’evento tutto dedicato all’innovazione nel settore delle Costruzioni (il Sistema Casa nel complesso conta nel vicentino quasi 10mila aziende artigiane che occupano circa 20mila addetti). Dopo il positivo riscontro dello scorso anno, la seconda edizione si svolgerà il 4 e 5 aprile e sarà ospitata alla Fondazione Bisazza di Montecchio Maggiore.
Come ricorda il presidente di Confartigianato, Agostino Bonomo: “Si tratta di un vero e proprio “salone” in cui le migliori esperienze nel campo degli edifici ad alta efficienza energetica, la pianificazione del territorio e il vivere “sostenibile”, l’Economia Circolare, i “crediti edilizi”, nonché l’adozione delle tecnologie 4.0 volte a migliorare le condizioni di lavoro nei cantieri e la sicurezza di edifici e infrastrutture, la faranno da padroni”.
Sono ben venticinque gli eventi programmati che si susseguiranno e che approfondiranno i diversi temi all’insegna dello slogan “Costruire il domani”: la manifestazione quest’anno vanta la direzione scientifica di Francesco Causone, professore associato del Politecnico di Milano (Dipartimento di Energia) e proporrà come tema centrale la “riqualificazione urbana”. Sarà questo l’argomento sul quale imprese del comparto edile, tecnici professionisti e rappresentanti delle Pubbliche Amministrazioni si confronteranno sotto diversi punti di vista; si parlerà quindi di risparmio delle risorse, efficienza energetica degli edifici, compatibilità ambientale dei materiali e così via, tutti ambiti nei quali l’evoluzione tecnologica rende disponibili soluzioni inedite.
Focus dunque sui “crediti edilizi da rinaturalizzazione” (ovvero capacità edificatorie riconosciute a seguito della completa demolizione di manufatti incongrui e alla rinaturalizzazione del suolo), o sul ruolo del “verde” nella riqualificazione urbana, così come sull’utilizzo dei droni in edilizia, sugli scenari che aprono i “data analytics” (ovvero l’analisi dei dati), sulla progettazione “B.I.M.” (Building Information Modeling) di opere pubbliche e di edilizia civile, sugli edifici a “energia quasi zero” (Nearly Zero Energy Building, ovvero NZEB).
Alcuni di questi temi erano già stati presentanti lo scorso anno, e quindi verranno proposte le novità in materia e approfondimenti. Ampio spazio sarà inoltre dedicato ai Criteri Ambientali Minimi (CAM) in Edilizia e, in coerenza con la riduzione dello spreco di risorse, si parlerà anche di Economia Circolare anche nell’ambito delle costruzioni, con un momento di approfondimento sui prodotti migliori da usare in edilizia in chiave di sostenibilità.
Ma “casa” vuol dire anche “sicurezza”, quindi particolare attenzione verrà dedicata alle soluzioni per la riduzione del rischio incendi così come di quello sismico nelle ristrutturazioni, e poi dell’incolumità di quanti lavorano in cantiere per realizzare un’abitazione (protezione dall’amianto, rischio di caduta, tecniche e prevenzione degli incidenti nelle operazioni di scavo).

Il 27 marzo primo appuntamento di presentazione del progetto Upgrade di Confartigianato Imprese Vicenza

Si chiama “Upgrade”, ed è un percorso di accompagnamento proposto da Confartigianato Imprese Vicenza a tutte quelle aziende che intendono riordinare, valutare e migliorare il proprio modello di fare impresa. Il percorso sarà presentato nel corso di quattro appuntamenti, il primo dei quali in programma il 27 marzo a Schio al Lanificio Conte (ore 18). Grazie alla collaborazione con Beople, realtà che vanta una lunga esperienza sul tema, l’iniziativa si prefigge di fornire alle imprese strumenti “semplici” per meglio capire il proprio mercato e le prospettive, per studiare come indirizzare lavoro e risorse verso il cambiamento, e quindi come condurre il tutto nel modo più snello e facile. Quindi non uno stravolgimento, ma solo un potenziamento dei modelli di business già in atto nell’impresa, trasferendole metodologie e strumenti innovativi basati sulle logiche del Business Design. L’obiettivo è quello di portare l’imprenditore a “vedere” la sua realtà imprenditoriale da una prospettiva nuova, per renderla più performante, riordinare il business e quindi trovando nuove opportunità di lavoro: in conclusione, cambiare punto di osservazione per raggiungere (nuovi) concreti risultati.

Martedì 26 marzo a Marostica appuntamento di presentazione del servizio Prelibata Stories per raccontare e condividere il valore, la passione e la qualità dell’enogastronomia vicentina

Il roadshow “Ti presento Prelibata Stories”, raggiunge il bassanese. Martedì 26 marzo, alle 18:30 si terrà infatti un nuovo incontro di presentazione del servizio di digitalizzazione per le imprese d’eccellenza del settore enogastronomico di Vicenza e provincia. La location, questa volta, sarà la Brasserie al Mulino, a Marostica (via Gobbe, 60). Come per gli altri appuntamenti, verranno trattati molteplici temi legati alle nuove tendenze nell’ambito food, all’e-commerce dedicato al settore gourmet sulla piattaforma Amazon Made in Italy e alla promozione online grazie allo storytelling.

Ad Abilmente i “Vicenza Education Lab” dedicato agli insegnanti e condotti da esperti artigiani

Anche quest’anno, all’interno di Abilmente, Italian Exhibition Group SpA, Confartigianato Imprese Vicenza e Assessorato alla Formazione del Comune di Vicenza presenteranno “Vicenza Education Lab”, con l’obiettivo di coinvolgere gli insegnanti in un percorso didattico di apprendimento condotto da esperti artigiani. Si tratta di laboratori intesi come luogo di creatività e conoscenza, di sperimentazione, dove “si costruisce con le mani”. Le attività proposte, destinate agli insegnanti di ogni ordine e grado, tendono a favorire la capacità a vedere oltre il convenzionale, sviluppando un pensiero attivo e creativo. “Lapbook” con Elena Marconato e “Colore” Maria Serena Meneghetti, i temi proposti.

Palestra d’Impresa: incontro dedicato alle Competenze emotive e sociali

Se ne parla venerdì 22 marzo con il prof. Fabrizio Gerli

Continua Palestra d’impresa, serie di appuntamenti proposti dal Sistema produzione di Confartigianato Vicenza per tener focalizzati, gli imprenditori, sulle opportunità e difficoltà che si incontrano nell’economia di mercato. Il prossimo appuntamento, fissato per venerdì 22 marzo dalle ore 20,30 al Centro Congressi Confartigianato (Sala Fraglie), affronterà il tema della “Competenze emotive e sociali: le determinanti di una performance efficace nella tua azienda”.
Che cosa contraddistingue chi raggiunge i migliori risultati? Perché alcune persone ottengono performance più elevate? Tutte le competenze possono essere sviluppate?
È noto che i risultati organizzativi dipendono dalle performance individuali: per questo è prioritario capire se esistono alcune caratteristiche delle persone che portano un’organizzazione a risultati migliori. L’incontro ho lo scopo proprio di fornire strumenti per individuare queste caratteristiche, identificare quelle maggiormente rilevanti e comprendere con quali meccanismi possano essere potenziate.

Gas fluorurati ad effetto serra (F-Gas): la tutela dell’ambiente passa anche dall’intervento di operatori appositamente qualificati

Confartigianato Imprese Vicenza ha promosso un incontro, dedicato a termoidraulici e installatori, per fare chiarezza in merito ai contenuti del nuovo regolamento sui gas fluorurati ad effetto serra, i cosiddetti F-Gas, normalmente impiegati in apparecchiature di refrigerazione, condizionamento d’aria e pompe di calore.
La principale novità introdotta dalla normativa, in vigore dal gennaio scorso, è l’istituzione di una banca dati che verrà gestita, al pari del registro fgas.it, dalle Camere di Commercio, e dovrà contenere tutti i movimenti relativi a vendita/acquisto dei refrigeranti, i dati delle apparecchiature che li contengono e quelli riguardanti le attività di installazione, assistenza, manutenzione, riparazione, rimozione e smantellamento. Alcune delle funzionalità della nuova banca dati partiranno dal 6° mese successivo all’entrata in vigore del nuovo provvedimento.