Mobilità Sostenibile e Tecnologie: il punto a Vicenza con CI.TE.MO.S.

Giovedì 4 al via il festival, promosso da Confartigianato e Comune

Prende il via giovedì 4 ottobre “CI.TE.MO.S.”, Festival CIttà della TEcnologia per la MObilità Sostenibile” promosso da Confartigianato Vicenza e Comune di Vicenza con il contributo della Camera di Commercio, di EBAV (Ente Bilaterale Artigianato Veneto), Intesa Sanpaolo, Mercedes, Smart, Trivellato, AIM, Itas e realizzato in collaborazione con Confindustria Vicenza e Confcommercio Vicenza, e il patrocinio del Ministero dell’Ambiente.
Per informazioni dettagliate sul programma si invita a consultare il sito dedicato (www.citemos.it) dove si possono trovare, in progressivo aggiornamento, tutte le indicazioni su luoghi, orari e relatori dei diversi appuntamenti. Ecco, il programma della prima giornata.

Il 20 e 21 ottobre torna lo “Space Apps Challenge” della Nasa a caccia di idee per migliorare il mondo

Aperte le iscrizioni per i 250 posti disponibili

Dopo il successo dell’edizione dello scorso anno, che ha contato 160 partecipanti, Confartigianato Vicenza è stata chiamata a organizzare anche per il 2018 l’International “Space Apps” Challenge, la più grande competizione di idee a livello mondiale promossa e ideata dalla NASA, l’agenzia spaziale americana. L’iniziativa, co-organizzata con il Consolato USA di Milano e con il Comune di Vicenza, e patrocinata dalla Regione Veneto, quest’anno è in programma il 20 e 21 ottobre in città e, contemporaneamente, in altre centinaia di città del mondo. Non solo, Confartigianato Vicenza fornisce la sua collaborazione, e supporto operativo, ad alcune new entry della manifestazione: il Politecnico di Milano e l’incubatore I3P del Politecnico di Torino, oltre che il Centro Internazionale di Fisica Teorica di Trieste.
Nel tessuto imprenditoriale vicentino centinaia di piccole e medie imprese sono impegnate ogni giorno nella costruzione di componenti critiche di tipo meccanico ed elettronico, partecipando in maniera significativa a quella che viene ormai definita la Space Economy ovvero, come riportato nel Piano Strategico del MISE diffuso in giugno, “la catena del valore che, partendo da ricerca, sviluppo e realizzazione delle infrastrutture spaziali abilitanti, il così detto “UpStream”, arriva fino alla produzione di prodotti e servizi innovativi “abilitati”, il così detto “Downstream”. Questo, e l’impegno costante nel promuovere l’innovazione tecnologica e digitale delle imprese, sono i motivi che hanno spinto Confartigianato, attraverso il suo Digital Innovation Hub, ad accettare l’invito del Consolato degli USA di Milano già nel 2017.

Venerdì 28 settembre finale di “School and Business Competition”. Iniziativa che rientra nel progetto regionale “Giotto a Bottega da Cimabue”

Si svolgerà venerdì 28 settembre, alla Fiera di Vicenza, dalle 9.00 alle 15.00, l’evento finale di “School and Business Competition”, ovvero la presentazione delle idee imprenditoriali sviluppate dai giovani nell’ambito del progetto regionale “Impariamo a fare impresa. Giotto a bottega da Cimabue” al quale il Cesar, centro formativo della Confartigianato provinciale, ha aderito con il progetto “#ShakeTheBrain”.
Nell’arco di questa iniziativa gli studenti seguiti dal Cesar hanno progettato una loro idea imprenditoriale legata a temi quali la Mobilità, la Cucina e il Tempo libero, ed elaborato il relativo “business plan”. A tale scopo, i ragazzi e i loro docenti hanno incontrato gli imprenditori dentro e fuori dalla scuola, ascoltato le loro testimonianze e visitato le aziende, dove gli studenti hanno svolto anche un periodo di esperienza, mentre a scuola hanno frequentato attività di formazione per la redazione del suddetto “business plan” e per preparare la presentazione finale dei loro progetti nel corso di un evento e di un dibattito pubblico.

Prodotti eno gastronomici vicentini raccontati in Rete: nasce la collaborazione tra Confartigianato, Prelibata Stories, The Italian Community of London e Associazione Italiana Food Blogger

Per il consumatore un’occasione in più per conoscere prodotti tipici e locali della propria e delle altre regioni, la loro storia e quella di chi li produce; per le aziende un’opportunità per promuovere i propri prodotti oltre i confini locali e nazionali. Da qui la collaborazione avviata dal Digital Innovation Hub di Confartigianato Vicenza con Prelibata Stories, che si occupa di promozione e valorizzazione delle produzioni enogastronomiche, l’Associazione Italiana Food Blogger e The Italian Community of London, con l’obiettivo di “raccontare il cibo di qualità” e promuovere le eccellenze enogastronomiche locali.
In che modo è presto detto: una rete di food blogger e food writer specializzati, attenti alle risorse del territorio e attivi nella ri-scoperta della tradizione, utilizzeranno gli strumenti della comunicazione digitale per “avvicinare” consumatori sempre più attenti e consapevoli, che per le loro scelta non si fermano ai messaggi pubblicitari standard. In effetti chi oggi intende acquistare un prodotto enograstronomico dà molta importanza alla “narrazione” dello stesso, cioè a storie capaci di emozionare e dare significato di valore al protagonista. Attraverso lo storytelling quindi il consumatore non solo si avvicinerà al prodotto ma potrà anche creare un legame duraturo con l’azienda che questa potrà alimentare nel tempo dando modo ai clienti affezionati di raccontare la loro esperienza attraverso recensioni, commenti, condivisioni, e quindi alimentando la “narrazione”.

Confartigianato il 26 settembre propone un incontro sulla comunicazione tecnica e degli elementi “intangibili”

Dopo il seminario sulla “cybersecurity” che ha visto protagonista Laura Galante, massima esperta del settore, riprende il ciclo di incontri sull’innovazione tecnologica del programma “ExO – Organizzazioni Esponenziali” curato dal Digital Innovation Hub di Confartigianato Vicenza.
Si parte il 26 settembre (al Centro Congressi Confartigianato di via Fermi) con una giornata di teoria, pratica e dibattito dedicata ad alcuni aspetti dell’era “Impresa 4.0”: semplificazione della comunicazione tecnica e della valorizzazione dei dati “intangibili”, vero “tesoro nascosto” delle Pmi.

Mobilità Sostenibile e Tecnologie: il punto a Vicenza con “CI.TE.MO.S.”

Il festival, promosso da Confartigianato, tornerà dal 4 al 6 ottobre prossimi con un fitto programma di eventi

“CI.TE.MO.S.”, ovvero il Festival “Città, Tecnologia, Mobilità Sostenibile”, in programma ad ottobre, è stato presentato oggi (venerdì 21 settembre, ndr) nella Sala Stucchi del Comune di Vicenza dal presidente Confartigianato provinciale, Agostino Bonomo, dal sindaco della città, Francesco Rucco, dall’Assessore alle infrastrutture con deleghe in materia di mobilità urbana, trasporti, lavori pubblici, infrastrutture, Claudio Cicero, da Gaetano Marangoni, vice presidente di Confindustria Vicenza, e da Nicola Piccolo, presidente della Delegazione di Vicenza di Confcommercio.
Per il secondo anno consecutivo, torna così in città uno tra i più importanti eventi italiani in materia di sostenibilità e tecnologia e che si pone un duplice obiettivo: da un lato fornire contenuti e soluzioni per il mondo dell’imprenditoria, offrendo anche stimoli volti a favorire l’innovazione; dall’altro presentare l’evoluzione dell’“ecosistema” partendo dal ruolo cruciale della tecnologia, coinvolgendo tanto gli enti che il cittadino e quindi le persone, che sono il vero motore del cambiamento. Senza dimenticare i giovani, quelli che il cambiamento lo vivono come condizione quotidiana e che hanno maggiore dimestichezza con le nuove tecnologie, e che quindi rappresentano a loro volta una risorsa importante per la società, le istituzioni e le imprese.
L’evento, che nella prima edizione dello scorso anno ha suscitato vivo interesse tra il pubblico e gli addetti ai lavori, si svolgerà a Vicenza da giovedì 4 a sabato 6 ottobre nei palazzi palladiani del centro storico; è promosso da Confartigianato Vicenza e Comune di Vicenza con il contributo della Camera di Commercio, di EBAV (Ente Bilaterale Artigianato Veneto), Intesa Sanpaolo, Mercedes, Smart, Trivellato, Itas e realizzato in collaborazione con Confindustria Vicenza e Confcommercio Vicenza con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente.
Per informazioni dettagliate sul programma si invita a consultare il sito dedicato (www.citemos.it) dove si possono trovare, in progressivo aggiornamento, tutte le indicazioni su luoghi, orari e relatori dei diversi appuntamenti.

Continua il progetto InnovArti di Confartigianato: il 25 settembre a Schio sarà presentato il percorso “Service design”

Con l’arrivo dell’autunno riprende anche il calendario di InnovArti, il progetto continuativo promosso da Confartigianato Vicenza per accompagnare le aziende verso i nuovi modi di concepire il “fare impresa”. I prossimi appuntamenti in calendario avranno come tema il Service Design, ovvero il “costruire esperienze di servizio memorabili per differenziarsi”.
Il Service Design è, infatti, una disciplina che aiuta a migliorare tutto ciò che viene vissuto e percepito da una persona quando entra in contatto con i diversi prodotti e servizi di un’azienda, attraverso le varie fasi di interazione che vanno dalla conoscenza della stessa ai servizi di post-vendita. Il punto di partenza, per l’imprenditore, è quindi la ricerca di nuovi strumenti e approcci per migliorare il servizio che l’azienda offre.
Per questo “Service Design” è un percorso pratico pensato per imprenditori (sia di imprese dei servizi che di imprese di produzione con servizi annessi) che desiderano differenziarsi, evolvendo l’esperienza che i clienti vivono con l’azienda. Per info e modalità di partecipazione: www.innovarti.it
Grazie alla collaborazione con Amploom, Confartigianato offre un workshop di due ore in cui sarà presentato il percorso e si faranno conoscere gli strumenti per individuare le criticità nell’esperienza del cliente e trasformarle in opportunità di miglioramento che siano fidelizzanti e significative. L’obiettivo è scoprire come si possono riprogettare i servizi attraverso modelli di interazione innovativi che rispondano alle esigenze del cliente.

Venzo (Confartigianato Bassano): Sulla questione Ponte pessima figura per tutti, danno al turismo e costi in aumento. E qualcuno inizia a pensare a una class action

I principali giornali nazionali e le testate televisive hanno portato all’attenzione del grande pubblico la situazione del Ponte degli Alpini di Bassano del Grappa, non in maniera positiva o in chiave turistica, bensì per evidenziare le pecche di una situazione di mala burocrazia e di irresponsabilità.
“Dovremo gioire di questa attenzione e invece possiamo solo piangere – commenta Sandro Venzo, presidente di Confartigianato di Bassano- siamo riusciti a farci ridere dietro da mezzo pianeta per una strana e incomprensibile azione di masochismo puro, cioè mettere alla berlina il simbolo della nostra città”.
Il Ponte, dopo il lungo e travagliato rapporto contrattuale con la ditta che aveva vinto l’appalto e terminato per vie legali con la causa di inadempienza, avrebbe bisogno di un intervento urgente per impedire la chiusura e l’isolamento di un intero quartiere. Questa situazione ancora in stallo è stata oggetto di un grido d’allarme da parte della Amministrazione Comunale che ha avuto un rimbalzo mediatico notevole.

Open Factory Day: sabato 22 ai Chiostri di Santa Corona di Vicenza le aziende si raccontano con uno spettacolo in occasione di VIOFF

In occasione di VI OFF è previsto, per sabato 22 settembre, Open Factory Day, evento dedicato alla tradizione, storia e innovazione delle imprese vicentine, e che vedrà protagoniste le realtà imprenditoriali che hanno aderito all’iniziativa regionale “Atelier aziendali. Il patrimonio d’impresa quale strategia competitiva aziendale e territoriale”.
Il progetto Open Factory, in programma dal 20 al 22 settembre, proporrà nel territorio veneto una serie di iniziative promosse dalla Regione e di cui sono enti organizzatori Cesar e Fondazione Centro Produttività Veneto (CPV). A Vicenza si svolgerà sabato 22 ai Chiostri di Santa Corona (dalle 18 alle 22), dove le eccellenze del Vicentino, aziende della manifattura e aziende orafe, si racconteranno attraverso il teatro d’impresa.

Mercoledì 19 settembre a Schio Confartigianato incontro dedicato a scoprire come commerciare con la Cina attraverso i nuovi strumenti forniti dal web

Quello cinese è un mercato di difficile penetrazione ma anche di interessanti opportunità per le imprese artigiane. Confartigianato, che recentemente proprio in Cina ha attivato un desk per favorire il dialogo tra potenziali clienti e imprese vicentine, prosegue nella sua azione di sviluppo in quel Paese. E, questa volta, lo fa utilizzando i moderni mezzi offerti dalla Rete. Attraverso il proprio Digital Innovation Hub, Confartigianato propone il 19 settembre un incontro sul tema (“Cina: la via della seta è digitale”) che si svolgerà nella Fabbrica Saccardo di Schio a partire dalle 18.30.