FA BOOM SUL MERCATO “LA GATA”, IL DOLCE VICENTINO REALIZZATO DAI PASTICCERI ASSOARTIGIANI

22/12/2006FA BOOM SUL MERCATO "LA GATA", IL DOLCE VICENTINO REALIZZATO DAI PASTICCERI ASSOARTIGIANIE' boom di vendite per "La Gata", il nuovo dolce vicentino ideato dai Pasticceri dell'Associazione Artigiani provinciale, con richieste continue da parte della clientela sia nelle diciannove pasticcerie produttrici, sia nella "casetta" al Mercatino di Natale dei  Giardini Salvi di Vicenza. Nell'ultima decina di giorni, sono state migliaia le torte vendute e assaggiate nei vari momenti di degustazione organizzati dalle stesse pasticcerie e dall'Assoartigiani."Nemmeno noi ci aspettavamo un tale exploit – afferma Carlo Pozza, presidente dei pasticceri artigiani -. Tanto che le 6.000 scatole che avevamo ordinato un paio di settimane fa sono andate esaurite in breve tempo e abbiamo dovuto effettuare in tutta fretta un altro massiccio ordine. I colleghi mi segnalano che i loro clienti, pur di assaggiare "La Gata" sono disponibili a comprarla anche senza la caratteristica confezione. Questo dà l'idea di quanto successo abbia incontrato il nostro progetto e di quanto sia … buono il prodotto". Per tutti coloro che volessero ancora procurarsi la specialità, si ricorda che la "casetta" al Mercatino dei Giardini Salvi sarà aperta fino alla vigilia di Natale.Sul sito www.artigiani.vi.it è inoltre consultabile l'elenco delle pasticcerie produttrici.

“LE REGOLE E LE RESPONSABILITA’ DEGLI ADOLESCENTI” SARANNO ILLUSTRATE DA MARIO POLITO ALLA SCUOLA PER GENITORI

15/12/2006"LE REGOLE E LE RESPONSABILITA' DEGLI ADOLESCENTI" SARANNO ILLUSTRATE DA MARIO POLITO ALLA SCUOLA PER GENITORIUltima lezione del 2006 per la Scuola per Genitori dell'Assoartigiani. Ospite della serata di martedì 19 dicembre sarà il prof. Mario Polito, apprezzato relatore delle passate edizioni della Scuola e del ciclo di incontri dedicati all'autostima che si sono svolti in questi mesi. Laureato in Filosofia, Psicologia e Pedagogia, il prof. Polito si è interessato in particolare alla relazione educativa tra insegnanti e allievi e tra genitori e figli, mentre dal punto di vista didattico  ha approfondito il problema del metodo di studio, delle tecniche di apprendimento e memorizzazione,della motivazione, delle dinamiche di gruppo. L'incontro, come di consueto, si svolgerà nella Sala Palladio della Fiera di Vicenza a partire dalle ore 20.30. Dopo la pausa natalizia, le serate della Scuola per Genitori riprenderanno il 26 gennaio.

CONCERTO DEDICATO A MOZART PER GLI AUGURI ASSOARTIGIANI

11/12/2006CONCERTO DEDICATO A MOZART PER GLI AUGURI ASSOARTIGIANICome momento di auguri per le prossime festività natalizie da parte del Mandamento di Vicenza e a definitivo suggello delle manifestazioni per il 60° di Fondazione, l'Associazione Artigiani ha organizzato per giovedì 14 dicembre, nella suggestiva cornice del Tempio di Santa Corona a Vicenza, un concerto di musiche di Wolfgang Amadeus Mozart – nel 250° della nascita – con il Coro e Orchestra di Vicenza diretti dal maestro Giuliano Fracasso. A ingresso libero, e aperto non soltanto a tutti gli artigiani ma anche all'intera cittadinanza, l'evento avrà inizio alle ore 21.Il programma sarà aperto dall'esecuzione della Sinfonia n. 1 K 16 in Mi bem. magg. per orchestra, un'autentica curiosità "giovanile", cui farà seguito il Concerto per violino e orchestra n. 3 K 216 in Sol magg. (solista Tommaso Zuccon Ghiotto), composizione del 1775 nella quale Mozart si distacca, con la sua genialità, dai modelli del tardo-rococò affermando la propria personalità con l'inserimento di profondi momenti emotivi. La chiusura del concerto sarà affidata all'esecuzione della celebre e maestosa Messa dell'Incoronazione KV 317 in Do magg. per soli, coro e orchestra, articolata nei momenti musicali e liturgici di Kyrie, Gloria, Credo, Sanctus/Benedictus e Agnus Dei. Le voci saranno quelle del soprano Ma Hyesun, del mezzosoprano Chiara Fracasso, del tenore Sung Woo Kim e del baritono Luca Dall'Amico. 

NASCE SI’. ENERGIA, IL CONSORZIO DEGLI INSTALLATORI D’IMPIANTI DELL’ASSOARTIGIANI DI VICENZA

_x000D_
_x000D_
_x000D_
_x000D_
07/12/2006NASCE SI’. ENERGIA, IL CONSORZIO DEGLI INSTALLATORI D’IMPIANTI DELL’ASSOARTIGIANI DI VICENZATra gli Installatori d’Impianti dell’Associazione Artigiani di Vicenza è nato, con l’aggregazione di cinque imprese fondatrici, il Consorzio Sì.Energia per coordinare l’attività delle aziende aderenti e migliorarne la capacità, l’innovazione e l’efficienza, fungendo da organismo di servizio per lo sviluppo del settore della progettazione, installazione e manutenzione degli impianti tecnologici finalizzati, in particolare, alla domotica, al risparmio energetico e alle fonti alternative di produzione di energia. Il Consorzio potrà inoltre – a beneficio delle imprese aderenti e al fine di affidare direttamente a loro le opere da realizzare – assumere lavori a livello pubblico e privato."Sì.Energia – spiega il presidente Alessandro Casagrande – è sorto sia per la sensibilità che ci spinge a ragionare sui temi ambientali, sia per la volontà di ricercare soluzioni innovative e rispettose dell’ambiente. Dal momento che la nostra forza è la presenza capillare sul territorio, chi meglio di noi può informare e consigliare l’utente su come adottare misure atte a contenere l’inquinamento?""Il secondo motivo che ci ha spinti alla costituzione del Consorzio – prosegue il presidente – è il dovere che sentiamo di informarci e di specializzarci continuamente per proporre soluzioni innovative e rispettose dell’ambiente, dato che in questo campo la tecnologia è costantemente in divenire. Per questo Sì.Energia accompagnerà i soci anche attraverso attività di formazione: la tecnologia passa per le nostre mani, e quindi noi installatori dobbiamo essere in grado di gestirla e controllarla". "Al suo interno – conclude Casagrande – il Consorzio dovrà poi produrre, attraverso l’aggregazione, economie di scala per l’acquisto di materiali e per la progettazione di nuovi impianti, mentre verso l’esterno dovrà condurre gli utenti a un corretto uso dell’energia, dal momento che l’azione primaria più importante è l’ottimizzazione dei consumi. Sì.Energia significa dunque un impegno positivo all’utilizzo delle risorse energetiche, un impegno anche di quelle "rinnovabili" ed erroneamente definite "alternative"".Accanto al presidente Casagrande, compongono la dirigenza del Consorzio il vice Paolo Sterchele e i consiglieri Loredano Faccin, Maurizio Pellegrin e Leonardo Sandri.Per informazioni, sono attivi il sito internet www.sienergia.eu e l’email info@sienergia.eu

NASCE IL DOLCE VICENTINO IL SUO NOME E’ “LA GATA”: AL DEBUTTO NATALIZIO L’IDEA DEI PASTICCERI DELL’ASSOARTIGIANI PROVINCIALE

_x000D_
_x000D_
_x000D_
_x000D_
_x000D_
05/12/2006NASCE IL DOLCE VICENTINO IL SUO NOME E’ "LA GATA": AL DEBUTTO NATALIZIO L’IDEA DEI PASTICCERI DELL’ASSOARTIGIANI PROVINCIALE_x000D_
Che l’appellativo affondi le sue radici nella storia o nella tradizione popolare non è rilevante, fatto sta che i vicentini, fuori dai confini provinciali, sono conosciuti come "magnagati". Una qualifica che suscita sentimenti diversi tra i destinatari. E così c’è chi se la ride divertito e non si sottrae a goliardica autoironia, chi tenta di far finta di nulla quando qualche "foresto" chiede perché a Vicenza i gatti non siano amati, e chi quasi se ne vergogna. Quali che siano i sentimenti suscitati da quel "magnagati", un fatto è comunque certo: tutti lo conoscono.Forse saranno partiti anche da queste considerazioni i pasticceri dell’Associazione Artigiani per realizzare, guarda caso, "La Gata", un dolce che aspira a diventare una tipica specialità vicentina e che è ora a disposizione dei turisti e di quanti vorranno … assaporarla in ricordo della città. L’idea di un dolce unico, che potesse rappresentare le tradizioni beriche, è maturata tra i pasticceri artigiani all’inizio di quest’anno. Una decina di loro si è messa all’opera provando e riprovando per trovare l’impasto giusto con un unico, ma importante, punto fermo: la ricetta avrebbe dovuto contenere solo prodotti naturali (niente conservanti né additivi, quindi) pur consentendo al prodotto una certa conservabilità. E’ nato così un dolce secco tanto semplice negli ingredienti quanto buono (grazie anche a un pizzico di cioccolato) e apprezzabile da tutti. A quel punto l’idea del nome è venuta quasi di conseguenza, e con buona dose di autoironia si è voluto anche inserirlo in una frase completa ("I vicentini magna La Gata"), diventata un marchio prontamente registrato. Sempre nell’ottica di fare del dolce anche un goloso souvenir di Vicenza, nei fianchi della simpatica confezione sono riportate le immagini di alcuni tra i più significativi edifici della Città del Palladio e della sua provincia, con una breve descrizione. Le pasticcerie che propongono "La Gata", per ora una ventina sparse in tutto il territorio (l’elenco completo è disponibile nel sito dell’Associazione www. artigiani.vi.it) si dovranno attenere ad alcune semplici regole a garanzia del prodotto e dei consumatori.Sarà quindi loro cura rispettare sempre la ricetta originale (dove non mancano ingredienti tipici come la grappa, le mandorle e la farina di mais) e vendere il dolce nella confezione studiata appositamente per contenerlo. Il materiale promozionale, così come il lancio del prodotto, sarà curato dall’Associazione Artigiani della provincia di Vicenza."La Gata" sarà per la prima volta a disposizione del pubblico in occasione del periodo natalizio. Il dolce vicentino si potrà infatti trovare non solo nelle pasticcerie ma anche nella "casetta" dell’Assoartigiani allestita (fino al 24 dicembre) ai Giardini Salvi di Vicenza, in occasione di "Giardini di Natale", il tradizionale mercatino allestito dall’assessorato al Turismo.

CREDITO ARTIGIANO: CON L’ADESIONE DELLE COOPERATIVE DI GARANZIA DI THIENE E DI BASSANO-MAROSTICA L’ARTIGIANFIDI VICENZA RAGGIUNGE QUOTA 19.500 AZIENDE

22/12/2006CREDITO ARTIGIANO: CON L'ADESIONE DELLE COOPERATIVE DI GARANZIA DI THIENE E DI BASSANO-MAROSTICA L'ARTIGIANFIDI VICENZA RAGGIUNGE QUOTA 19.500 AZIENDEHanno trasformato dei vincoli normativi, come le norme di Basilea 2 e la necessità di preparare le imprese alla logica valutativa del "rating", in una grande opportunità per migliorare il servizio di accesso al credito per le aziende. È ciò a cui hanno puntato le Cooperative di Garanzia dell'Associazione Artigiani vicentina attraverso la fusione in un unico confidi provinciale, l'Artigianfidi Vicenza presieduto da Mariano Miola. Una scelta importante, che giunge proprio nel momento in cui la piccola impresa è chiamata a uno sforzo determinante per il suo futuro sul fronte sia dell'innovazione che dello sviluppo manageriale. E da sempre le strutture del credito sono un punto di riferimento insostituibile per l'imprenditore che investe.Dopo che l'aggregazione era già stata decisa e siglata dalle Cooperative Artigiane "Vicenza", "Altopiano 7 Comuni" e "La Pedemontana" di Schio, il processo di integrazione è proceduto nei giorni scorsi con la sottoscrizione formale dell'adesione da parte delle Cooperative "Bassano Marostica" e "Alto Vicentino" di Thiene, attraverso la firma apposta rispettivamente dai presidenti Dino Ceccato e Pietro Dalla Fontana. Oggi il nuovo organismo, con le sue 19.500 aziende socie, è uno dei più grandi d'Italia (nel 2006 ha finanziato 7.500 operazioni per un volume di 305 milioni di euro, il capitale sociale supera i 30 milioni di euro) e può quindi far valere una massa critica rilevante per aumentare il potere contrattuale verso le banche, per tagliare le spese di gestione, ma soprattutto per dare più valore alla garanzia consortile rilasciata alle imprese in vista dell'applicazione delle nuove regole creditizie previste, appunto, dagli accordi di Basilea 2. È inoltre importante ricordare che, per aiutare le aziende ad affrontare i nuovi criteri di accesso al credito, Artigianfidi mette a disposizione delle imprese uno strumento di autovalutazione che consente loro di individuare preventivamente punti di forza e di debolezza e le eventuali criticità nei rapporti con le banche.«Attraverso la fusione non solo diamo una risposta migliore alle esigenze di credito delle nostre aziende, ma possiamo ottimizzare ancor più le risorse contenendo le spese e, quindi, i costi per i nostri artigiani», commenta Virginio Piva, assessore alle politiche del credito dell'Associazione Artigiani.Il presidente di Artigianfidi, Mariano Miola, precisa inoltre che «se prima l'impresa doveva compiere due passaggi, attraverso Artigianfidi e Cooperativa, per le sue necessità di credito a lungo, medio o breve periodo, oggi si trova di fronte un'unica struttura e perciò un unico interlocutore, con un indubbio risparmio anche di tempo. Non solo:  possiamo anche offrire agli artigiani una panoramica completa e dettagliata delle diverse opportunità di credito cui possono accedere, tanto quello agevolato quanto quello dove non c'è il sostegno pubblico, fornendo un servizio di consulenza davvero prezioso per l'impresa. Naturalmente, i soci possono beneficiare di tutto questo attraverso gli uffici credito territoriali Assoartigiani, che rimangono i loro interlocutori privilegiati». 

INTESA DI COLLABORAZIONE TRA L’ASSOARTIGIANI DI VICENZA E AGENTI E RAPPRESENTANTI DEL COMMERCIO

14/12/2006INTESA DI COLLABORAZIONE TRA L'ASSOARTIGIANI DI VICENZA E AGENTI E RAPPRESENTANTI DEL COMMERCIOL'Associazione Artigiani di Vicenza e l'Unione Sindacati Agenti e Rappresentanti di Commercio Italiani (Usarci), attraverso la firma dei rispettivi presidenti Giuseppe Sbalchiero e Carlo Badocco, hanno sottoscritto una convenzione che permetterà alle due organizzazioni importanti accordi di collaborazione.Come evidenziato da Sbalchiero, per le imprese artigiane una delle prime opportunità che scaturiranno dall'intesa sarà la possibilità di creare, avvalendosi degli agenti iscritti all'Usarci, una propria rete commerciale, strumento che oggi solo poche aziende artigiane possiedono e che invece si rende sempre più necessario per avere maggiori occasioni di sviluppo per i prodotti delle imprese. Dal canto loro gli iscritti Usarci, ha sottolineato Badocco, considerato che l'Unione aprirà all'interno della sede provinciale Assoartigiani di Vicenza un proprio ufficio (pur continuando a operare quello di Bassano), avranno maggiore facilità di contatto con le aziende, e inoltre potranno utilizzare i servizi e le convenzioni che l'Assoartigiani mette a disposizione dei propri soci.A giudizio di entrambe le organizzazioni, tale collaborazione a livello provinciale, pur nella diversità delle rispettive attività, sarà una valida base di partenza per svolgere anche azioni comuni di rappresentanza nei confronti delle Pubbliche Amministrazioni, visto che le problematiche imprenditoriali sono simili. Tra queste, la sfida maggiore per entrambi è quella diretta contro la burocrazia e il peso di assurdi e costosi adempimenti che gravano sulle aziende.

CINQUE AZIENDE DELL’ARTE GRAFICA E DELLA COMUNICAZIONE DELL’ASSOARTIGIANI DI VICENZA DANNO VITA AL CONSORZIO NEC

_x000D_
_x000D_
_x000D_
_x000D_
_x000D_
07/12/2006CINQUE AZIENDE DELL’ARTE GRAFICA E DELLA COMUNICAZIONE DELL’ASSOARTIGIANI DI VICENZA DANNO VITA AL CONSORZIO NEC_x000D_
Sono cinque le aziende fondatrici di NEC, il Consorzio Nord Est Comunicazione nato in seno all’Assoartigiani vicentina con l’intento di aggregare le imprese che operano nella filiera dell’arte grafica e della comunicazione. Il settore – comprendente le attività di grafica, fotografia, promozione pubblicitaria, stampa, cartotecnica, packaging, insegnistica, editoria, immagine, web, informatica, call center, software house, dell’area dell’Information Technology, delle telecomunicazioni e delle attività collegate – conosce oggi uno sviluppo nuovo che può sperimentare ancora molto in termini di progetti e idee per apririsi a unmercato dove gli interlocutori sono anche gli enti, la politica, l’economia, la realtà sociale e quella sportiva."NEC nasce con l’obiettivo primario di offrire al nostro territorio e alle sue imprese la possibilità di usufruire di mezzi e professionalità atte a far conoscere e valorizzare la capacità, la produttività, la creatività dell’imprenditore per affrontare il mercato globale, adeguandosi ai tempi attuali e a quelli futuri – spiega il presidente del Consorzio, Roberto Bottazzi-. Il nostro modo di operare, oltre ad essere naturalmente finalizzato a fare business, è rispettoso di un codice di comportamento che ci guiderà nella nostra attività quotidiana, soddisfacendo i nostri clienti sia dal punto di vista della qualità che del rispetto dell’ambiente. Ci sentiamo pertanto impegnati a sviluppare una "responsabilità sociale" che veda nella trasparenza e nella capacità di interagire con la società tutta il nostro essere "nuovi imprenditori". Il Consorzio vuole stimolare anche le piccole e medie imprese verso una cultura della comunicazione che dia valore aggiunto alle produzioni e ai servizi. Il mercato di oggi richiede non solo "il saper fare", ma anche "il saper comunicare" in maniera coerente ai valori e ai princìpi economico-ambientali e sociali – continua Bottazzi-. La nostra esperienza vuole essere una prova concreta della validità del gioco di squadra, e inoltre attraverso NEC potremo realizzare progetti e iniziative che ci vedranno direttamente protagonisti in gruppo".Accanto al presidente Bottazzi, compongono la dirigenza del Consorzio la vice Fiorella Bertoldo e i consiglieri Giancarlo Busato, Sergio Maraboli e Radames Laghetto. Il sito è www.nordestcomunicazione.it. La casella di posta elettronica info@nordestcomunicazione.it

DALLA MISSIONE IN CILE DELL’ASSOARTIGIANI NASCERA’ UNA SOCIETA’ PER PROMUOVERE LE IMPRESE VICENTINE IN QUEL PAESE

_x000D_
_x000D_
_x000D_
_x000D_
_x000D_
06/12/2006DALLA MISSIONE IN CILE DELL’ASSOARTIGIANI NASCERA’ UNA SOCIETA’ PER PROMUOVERE LE IMPRESE VICENTINE IN QUEL PAESE_x000D_
Si è conclusa con la sottoscrizione di una lettera d’intenti per la costituzione di una Società italo-cilena la recente missione in Cile promossa dall’Assoartigiani di Vicenza, cui ha aderito anche Apindustria con due aziende accompagnate dal vice presidente Mariano Rigotto. Come spiega il presidente Giuseppe Sbalchiero, che ha guidato la missione delle ventisei ditte artigiane, tale Società dovrebbe segnare "l’avvio di un percorso di internazionalizzazione di filiera dagli indubbi connotati di novità e dalle rilevanti potenzialità, soprattutto per le piccole imprese".La Società italo-cilena, la cui costituzione è prevista per marzo 2007 e alla quale aderirà, oltre ad Apindustria, l’Associazione "Imprenditori Veneti in Cile", promuoverà l’ingresso nel mercato di quel Paese di imprese di progettazione, installazione, manutenzione, fornitura e commercializzazione di impianti industriali, macchinari, attrezzature e componenti per il settore estrattivo-minerario, per poi allargare gradualmente il proprio spettro di attività anche ad altri comparti. La sottoscrizione della lettera d’intenti è stata l’atto finale di una serie di contatti. Numerosi sono stati infatti gli incontri istituzionali e d’affari a Santiago del Cile, appuntamenti che hanno consentito ai nostri imprenditori di approfondire la conoscenza della realtà economica locale nonché di individuare le opportunità di collaborazione che quel sistema economico è in grado di offrire alle aziende vicentine, alle loro aggregazioni e consorzi. Dopo gli incontri a carattere istituzionale, che hanno permesso di entrare in contatto con l’Associazione "Imprenditori Veneti in Cile"- ente senza scopo di lucro che si propone di promuovere lo sviluppo delle relazioni tra Veneto e Cile-, l’ICE di Santiago, la Camera di Commercio Italiana in Cile e il Banco Santander Santiago, particolarmente interessante è stato anche l’incontro con l’Associazione "Comunidad Mujer" (organizzazione femminile senza scopo di lucro che attualmente conta più di mille soci) con la quale l’Assoartigiani valuterà la possibilità di impostare un’iniziativa di cooperazione internazionale volta al trasferimento delle "buone pratiche" europee in tema di promozione dell’imprenditoria femminile nella realtà socio-economica cilena.Nelle giornate seguenti si sono poi svolti circa 100 incontri d’affari tra aziende vicentine e cilene. Infine, alcune ditte beriche (di cui tre aderenti al Consorzio UNIT – Unione Imprese Tecnologiche operante nell’ambito del "global service") hanno potuto approfondire il dialogo già avviato con CODELCO (Corporacion del Cobre, azienda pubblica cilena che gestisce le maggiori miniere di rame del Paese, tra cui El Teniente, la più grande del mondo) ponendo le basi per la partecipazione a gare d’appalto nell’ambito della manutenzione dell’impiantistica utilizzata nell’estrazione del rame, nonché per la realizzazione congiunta di altri progetti. L’esito positivo della missione è stato riconosciuto anche dall’assessore ai Flussi migratori della Regione Veneto Oscar De Bona, che ha espresso apprezzamento per la volontà di "fare sistema" implicita nella composizione della delegazione vicentina comprendente numerose aziende operanti in una logica di filiera.

ALLA SCUOLA PER GENITORI CON IL PROF. OSVALDO POLI SI DISCUTERA’ DI COME IMPARARE A DIRE “NO” AI FIGLI

_x000D_
_x000D_
_x000D_
_x000D_
04/12/2006ALLA SCUOLA PER GENITORI CON IL PROF. OSVALDO POLI SI DISCUTERA’ DI COME IMPARARE A DIRE "NO" AI FIGLI Nuovo appuntamento con la Scuola per Genitori dell’Assoartigiani. Mercoledì 6 dicembre infatti si svolgerà, in Fiera a Vicenza dalle 20.30, l’incontro con il prof. Osvaldo Poli dal titolo "Non ho paura di dirti di no".Mantovano, psicologo e psicoterapeuta, Poli ha fatto della formazione dei genitori la sua mission professionale, sia nelle vesti di formatore che di consulente. La sua pubblicazione più recente (Cuore di papà) è finalizzata inoltre a valorizzare la sensibilità educativa maschile e gli atteggiamenti educativi del padre. Argomento della serata in Fiera sarà la promozione di un ruolo genitoriale autorevole, ispirato alla fermezza e all’equilibrio emotivo.