Sistri, Confartigianato: «Non si combattono le ecomafie con un sistema che non funziona. Rottamatelo»

«Accogliamo positivamente l’emendamento al Decreto Milleproroghe che rinvia l’entrata in vigore del Sistri. Chi si ostina a pensare che il Sistema telematico di tracciabilità dei rifiuti speciali serva a combattere le ecomafie finge di ignorare che in questi ultimi 4 anni ha prodotto un unico risultato: far spendere a 300.000 imprese italiane 250 milioni di euro a fronte di un meccanismo che non ha mai funzionato».

ALLUVIONE IN SARDEGNA: CONFARTIGIANATO PARTECIPA ALLA GIORNATA DI LUTTO NAZIONALE E AVVIA UNA RACCOLTA FONDI

Un'eloquente immagine dell'alluvione in Sardegna tratta da un video

Confartigianato partecipa alla giornata di lutto nazionale proclamata per il 22 novembre dal Governo in ricordo delle vittime dell’alluvione che ha sconvolto la Sardegna. La Confederazione esprime la solidarietà dell’artigianato italiano alla popolazione sarda e agli imprenditori che hanno visto distrutti i propri laboratori e officine e hanno subito danni alle abitazioni. Per fornire loro concreto sostegno, Confartigianato ha avviato una raccolta fondi, attivando un conto corrente bancario sul quale potranno essere inviati dal Sistema Confederale i versamenti che saranno utilizzati per i primi interventi.

Def, Rete Imprese Italia: “Dal Governo svolta positiva, ma sul cuneo fiscale si poteva fare di più. Realizzare tempestivamente le misure per la crescita”

Il Presidente Giorgio Napolitano con il Presidente del Consiglio Matteo Renzi e i Ministri componenti il nuovo Governo nel giorno del giuramento. Foto Presidenza della Repubblica

«Il Def rappresenta una svolta positiva perché parte – finalmente – dal taglio delle spese. La decisione di applicare il rigore tagliando alcuni capitoli della spesa pubblica per affrontare i due grandi punti critici dell’Italia, una crescita modesta e una disoccupazione a livelli preoccupanti, deve diventare l’inizio di una svolta forte e duratura nel tempo. Rimane però il rammarico di un intervento molto limitato sul cuneo fiscale».

PATENTE A PUNTI IN EDILIZIA: NO DA CONFARTIGIANATO

Confartigianato è contraria all’istituzione di una ‘patente a punti’ in edilizia, misura annunciata dal Governo per gestire la qualificazione delle imprese di costruzioni ai fini della loro partecipazione ad appalti e per accedere a finanziamenti pubblici.
Confartigianato contesta il provvedimento, giudicandolo l’ennesimo balzello burocratico sulle spalle degli imprenditori edili, che duplica oneri economici e adempimenti amministrativi rispetto a quelli già esistenti e che alle aziende costerà non meno di 300 milioni di euro.